Abi, un piano lacrime e sangue per rilanciare le banche italiane

Articolo del

L’Abi prepara la rivoluzione da cui nascerà il nuovo modello organizzativo delle banche italiane dopo la crisi. Il Giornale è entrato in possesso del piano di battaglia, dettagliato in un documento licenziato dal comitato esecutivo dell’associazione.

Vi si tratteggia una manovra a geometria variabile ispirata alle norme sui licenziamenti collettivi, e volta a rendere obbligatori i contratti di solidarietà: l’idea è ricorrere a ogni mezzo – prepensionamenti automatici, cassa integrazione, salari flessibili e agganciati ai risultati di bilancio delle singole banche – pur di sgravare gli istituti dalle decine di migliaia di addetti ritenuti in eccesso e riportare il costo del lavoro a un livello compatibile con la gelata dei consumi provocata dalla crisi. Il percorso è stato avviato il 17 ottobre quando, su proposta del presidente Giuseppe Mussari, il comitato esecutivo ha conferito alla squadra guidata da Francesco Micheli «mandato pieno» ad attuare «tutte le misure e le procedure» per ottenere una «significativa riduzione» del costo del lavoro. Da qui la necessità di un immediato confronto con le sigle del settore per riscrivere le regole del gioco: il contratto di categoria scade a dicembre 2014 ma, ha lanciato l’allarme Micheli, già cinque mesi prima scatterebbero aumenti tabellari «assolutamente insostenibili». In base al verbale del comitato esecutivo ( punto «4.1. Temi critici per il sistema») è stato lo stesso Micheli, nelle veste di capo del Casl (Comitato per gli affari sindacali e del lavoro), a riassumere i problemi e chiedere ai consoci di prepararsi alla guerra. Il brogliaccio riassume, quindi, la lunga e preoccupata discussione tra i numeri uno delle principali banche italiane davanti al perdurare della crisi e al marcato trasferimento dei servizi, prima assicurati dalle filiali, verso il canale web.

Il risultato è l’emergere di «gravi problemi di assorbimento» degli esuberi, con la necessità d’incrementare la produttività e di portare fuori dal perimetro delle banche attività non strategiche, grazie a diffuse esternalizzazioni. Il processo – rimarca l’Abi – è complicato dal vicolo cieco creato dalla riforma delle pensioni che, allungando i tempi di uscita dal lavoro, ha «reso insostenibile l’utilizzo del Fondo esuberi» (la cui durata massima è di 5 anni) e ha lasciato in servizio addetti più anziani e, quindi, con stipendi pesanti; da qui la tentazione di rottamare gli over 55 con prepensionamenti obbligatori. La soluzione ipotizzata nel documento è comunque netta per l’intero sistema: le banche devono ridurre gli organici con nuovi meccanismi come la Cig, fare in modo che i pre-pensionamenti diventino obbligatori e scrivere un nuovo contratto di lavoro ispirato al «modello agenziale» che veda una percentuale del salario a provvigione. I sindacati, soprattutto a livello territoriale, hanno tuttavia «scarsa consapevolezza» della criticità del quadro d’insieme, lamenta Palazzo Altieri, ripromettendosi di favorire il punto d’incontro con la disponibilità a dare una sforbiciata al numero dei consiglieri e ai loro compensi, come ha fatto per prima Ubi Banca: a ottobre erano 118 miliardi le sofferenze che pesavano sulle spalle del comparto.

La guerra è alle porte: a Micheli, cui in ambiente sindacale si riconosce lealtà e autorevolezza, il ruolo di trovare un punto d’incontro con le forze sociali: a partire dalla Fabi di Lando Maria Sileoni (la prima sigla del settore), che negli ultimi mesi ha formato con la Fiba di Giuseppe Gallo e la Uilca di Massimo Masi un asse politico per la gestione della categoria, di cui insieme rappresentano la larga maggioranza degli addetti.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI