Addio mutui, più che dimezzate le erogazioni

Ancora nessun commento

Nel mese di settembre di quest’anno, le erogazioni di mutui per acquistare casa hanno registrato un calo del 57%. In pratica si sono più che dimezzate. In flessione anche il credito al consumo che, sempre nel mese di settembre, è calato del 19%, mentre nei primi 8 mesi il dato medio era stato dell’11% in meno. Questi i dati comunicati ieri da Assofin nel corso dell’audizione alla Commissione Industria del Senato sul decreto legge sulla crescita.
«Si tratta di numeri di estrema gravità — spiega Umberto Filotto, segretario generale di Assofin — per l’economia nel suo complesso perché evidenziano il crollo dei consumi e degli acquisti di immobili da parte delle famiglie con pesanti conseguenze per l’economia reale». In questo quadro decisamente cupo, anche la qualità del credito subisce un significativo deterioramento: negli ultimi quattro
anni le sofferenze dei crediti bancari alle famiglie sono passate dal 3,2% al 6,2%. Attualmente, il sistema bancario sta praticando una politica fortemente selettiva nell’erogazione
dei mutui per acquistare casa attraverso una notevole riduzione della quota finanziata del costo dell’immobile, con la richiesta di garanzie aggiuntive o, in molti casi, allungando i tempi
della delibera». Stretta che viene, di fatto, confermata da Crif: nel terzo trimestre di quest’anno la domanda di mutui è diminuita del 42%. Il differenziale fra domanda di mutui e finanziamenti
effettivamente concessi potrebbe dipendere anche «da politiche di erogazione più restrittive adottate dagli istituti di credito in questa delicata fase».
L’attuale quadro congiunturale
che continua a riflettersi pesantemente sul fronte occupazionale, soprattutto quello giovanile, riduce la fiducia delle famiglie che preferiscono rinviare a momenti più propizi acquisti e investimenti. Ulteriore conferma della prudenza adottata dalle famiglie italiane: continua la progressiva diminuzione dell’importo medio di mutuo richiesto, che a settembre si è attestato a 129.759 euro contro i 135.855 euro di settembre 2011.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI

Vigili del fuoco contro il Governo, l’accusa è grave

La tragedia del Natisone, in cui hanno perso la vita tre giovani, ha portato aspre polemiche, con le critiche piovute contro i ritardi dei soccorsi che, inevitabilmente, si sono abbattute sul Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Ma il sindacato Funzione Pubblica della Cgil non ci sta e replica a ogni accusa sottolineando un dato…

Leggi »

F1 in streaming, dove vedere in tv il GP del Canada

La F1 cambia ancora continente, con i piloti del paddock del mondiale delle quattro ruote che sbarcano a Montreal per il GP del Canada. Nono appuntamento stagionale, l’ultimo lontano dal Vecchio Continente fino a settembre, gara che può significare tanto per la lotta al titolo iridato e, soprattutto, per il futuro di tanti piloti. Con…

Leggi »

MillionDay e MillionDay Extra, le estrazioni delle 20.30 di giovedì 6 giugno

Proseguono anche nel 2024 il MillionDay e il MillionDay Extra, sempre con la doppia formula: le estrazioni avvengono infatti due volte al giorno, una alle 13.00 e l’altra come di consueto alle 20.30. Il MillionDay è una lotteria basata sull’estrazione casuale di 5 numeri compresi tra 1 e 55. I giocatori possono partecipare all’estrazione compilando una…

Leggi »