Bankitalia: balzo dei depositi ma meno prestiti alle imprese

Articolo del

Le banche italiane rafforzano la raccolta e i depositi ad agosto ma tagliano ancora i prestiti alle imprese e continuano a scontare una sempre più crescente massa di sofferenze, giunte oramai stabilmente ben oltre i 110 miliardi di euro. Nel frattempo gli istituti di credito limitano limano leggermente la mole dei titoli di stato in portafoglio, che passa da 317 a 316 miliardi di euro, più della metà dei quali Btp.

Gli ultimi dati della Banca d’Italia confermano quelli stimati dall’Abi di una quindicina di giorni fa e le parole del presidente della Bce Draghi di giovedì: il sistema bancario sta ricominciando a “stipare fieno in cascina” specie nella componenti depositi (+3,5%) ma contemporaneamente si riducono i prestiti alle imprese (-1,9%) e frena la crescita di quelli alle famiglie (+0,4 contro il precedente +0,6%).

 

La differenza fra raccolta e impieghi rimane però notevole, perché il sistema italiano raccoglie 1691 miliardi e ne impiega 1936. Anche considerando un calo continuo dal lato della domanda delle imprese, delle famiglie e della Pa (dovuto alla recessione) mancano così quasi 300 miliardi che non si riescono più a raccogliere sui mercati internazionali o sull’interbancario per via della crisi del debito sovrano mentre i fondi Bce sono solo a breve termine (3 anni). Senza una “normalizzazione” del mercato si rischia in prospettiva un fortissimo taglio degli impieghi, spiegano banchieri e analisti, un “credit crunch” con effetti ancora più depressivi per l’economia e per questo occorre una soluzione.

 

L’ultimo a invocarla è stato il presidente di Mps Alessandro Profumo giorni fa mentre il numero uno di Cdp Franco Bassanini chiede che, ad esempio, la Bce porti a 6-9 anni le aste Ltro. Un primo effetto delle azioni di Francoforte e del calo dello spread si è comunque avuto sui tassi. Secondo la Banca d’Italia i tassi d’interesse sui nuovi prestiti erogati alle società non finanziarie sono diminuiti al 3,34% rispetto al 3,61 di luglio. I tassi d’interesse sui finanziamenti erogati nel mese alle famiglie per l’acquisto di abitazioni sono stati pari al 4,21 per cento (4,23 nel mese precedente)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

ALTRI
articOLI