Bolletta luce, aumenti in arrivo: per chi e da quando
Torna a salire, seppur di poco, la bolletta dell’energia per il mercato tutelato. Dopo il -19,5% registrato nel periodo gennaio-marzo e il -55% di aprile-giugno, per il prossimo trimestre la variazione sarà del +0,4%. Secondo i calcoli dell’ l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (Arera) che ha fissato la nuova asticella per la…

Ancora nessun commento

Torna a salire, seppur di poco, la bolletta dell’energia per il mercato tutelato. Dopo il -19,5% registrato nel periodo gennaio-marzo e il -55% di aprile-giugno, per il prossimo trimestre la variazione sarà del +0,4%. Secondo i calcoli dell’ l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (Arera) che ha fissato la nuova asticella per la bolletta elettrica del terzo trimestre, dal primo luglio il prezzo di riferimento dell’energia elettrica per il cliente tipo sarà di 23,85 centesimi di euro per kilowattora, tasse incluse. In tale scenario l’Arera invita a non allentare la presa sulla razionalizzazione dei consumi.

Un mercato non ancora normale

“Siamo in una fase molto delicata e molto difficile da leggere, in prospettiva del prossimo inverno. Il recente aumento di alcuni indicatori – commenta il presidente dell’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente, Stefano Besseghini – ci dice di un mercato che non ha ancora trovato una sua normalità. Restano fondamentali le soluzioni di risparmio ed efficienza energetica che, come consumatori, possiamo adottare per influenzare la domanda e quindi i prezzi”.

Costo delle materie prime

Il costo delle materie prime – rileva l’Arera – sembra essersi stabilizzato nel primo semestre 2023. Per l’Autorità le quotazioni all’ingrosso del gas hanno avuto un deciso calo, nel trimestre in corso, per un’offerta abbondante rispetto alla domanda e stoccaggi europei oltre il 70% della capacità. La discesa dei prezzi si è tuttavia arrestata a giugno, anche a causa di qualche criticità dovuta all’indisponibilità di alcune infrastrutture produttive norvegesi, precisa l’Arera. Il 4 luglio sarà la volta della variazione mensile della bolletta del gas.

I bonus sociali

Il governo ha confermato il rafforzamento dei bonus sociali elettricità e gas per le famiglie con Isee fino a 15mila euro (30mila euro per le famiglie numerose). La famiglia-tipo (quella che consuma 2.700 kWh all’anno e ha una potenza impegnata di 3 kW) nel mercato tutelato, che conta circa 7 milioni di utenti, un terzo del totale, pagherà 1.150 euro per l’elettricità nell’anno scorrevole (dal 1 ottobre 2022 al 30 settembre 2023), con aumento del 7,3% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente (1 ottobre 2021- 30 settembre 2022).

Il commento delle associazioni

“È una stangata da 1.924 euro” commenta l’Unione nazionale consumatori che nei prossimi dodici mesi, nell’ipotesi di prezzi costanti, indica una spesa di 644 euro da sommare ai 1.280 del gas. Rispetto ai tempi pre-crisi (luglio-settembre 2020), il rialzo, per l’Unc, “è astronomico: +43,6%. Rispetto alla spesa complessiva del 2020, pari a 485 euro, ora si pagano 159 euro in più, +33 per cento”. Il Codacons si dice deluso sottolineando che “l’aumento delle tariffe elettriche arriva proprio quando crescono i consumi di energia delle famiglie, che nei mesi estivi fanno un uso intenso di condizionatori e ventilatori”. Per Assoutenti le bollette del prossimo trimestre sono “più care in media del 4,2%” rispetto allo stesso periodo del 2021.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI

Dna, rivoluzione pangenoma: come cambierà ricerca e cure

22 giugno 2000. Una data fondamentale nella storia della genetica: il Genome Bioinformatics Group dell’Università della California Santa Cruz, composto da Jim Kent, Patrick Gavin, Terrence Furey e David Kulp completa il Progetto Genoma Umano (Human Genome Project, HGP), progetto di ricerca scientifica internazionale che ha come obiettivo principale era quello di determinare la sequenza…

Leggi »

Lavoro, dati Istat 2024: disoccupazione in calo

L’Istat ha pubblicato un’analisi del mercato lavorativo italiano nel primo trimestre del 2024. I principali dati posti in vetrina sono i seguenti. Crescita del Pil con +0,3% in termini congiunturali e +0,7% in termini tendenziali. Aumento dell’input di lavoro dello 0,6% rispetto al trimestre precedente. Statistiche migliori invece rispetto a un anno fa, ovvero al…

Leggi »

Si blocca l’attività di un grande stabilimento italiano

Oggi, giovedì 13 giugno 2024, lo stabilimento Leonardo Aerostrutture di Grottaglie è teatro di una giornata di protesta e tensione. I dipendenti hanno avviato uno sciopero con astensione di quattro ore per turno, in risposta alle gravi preoccupazioni riguardanti il futuro del sito e le condizioni lavorative emerse durante le assemblee sindacali delle organizzazioni Fim,…

Leggi »