Caro voli, la regina delle low cost potrebbe lasciare l’Italia
C’è tensione nella stanza dei bottoni di Ryanair, così come nei palazzi del governo. “Ridicolo, illegale, interferisce con le leggi del libero mercato secondo le norme europee. Deve essere cancellato”. Non utilizza mezzi termini l’amministratore delegato di Ryanair, Eddie Wilson, nel commentare il decreto del governo Meloni volto a limitare le tariffe aeree verso la…

Ancora nessun commento

C’è tensione nella stanza dei bottoni di Ryanair, così come nei palazzi del governo. “Ridicolo, illegale, interferisce con le leggi del libero mercato secondo le norme europee. Deve essere cancellato”. Non utilizza mezzi termini l’amministratore delegato di Ryanair, Eddie Wilson, nel commentare il decreto del governo Meloni volto a limitare le tariffe aeree verso la Sicilia e la Sardegna. “Se non verrà cancellato — ha aggiunto Wilson — ci sarà un impatto sull’operatività di Ryanair in Italia“.

Ryanair lascia l’Italia?

La minaccia di Ryanair di lasciare l’Italia è quasi certamente una provocazione. Tuttavia la compagnia aerea ha fatto massicci investimenti nel nostro Paese. Una frizione fra la regina delle low cost e il governo potrebbe portare Ryanair a guardare altrove per i propri investimenti. Basti pensare ai 200 milioni di dollari investiti nell’aeroporto internazionale di Torino-Caselle.

Eddie Wilson è un fiume in piena contro il governo. Con un meccanismo che impone un tetto ai prezzi “perché mai dovrei volare in inverno?”, si è domandato l’AD di Ryanair.
“Se ho un aereo a Catania e posso scegliere se collegare Trieste o Barcellona, ma sulla tratta Catania-Trieste c’è un tetto dove andrò? A Barcellona ovviamente”, rincara.
E ancora: “Taglierò le frequenze dalle isole verso il continente”.
Per Wilson il solo modo per ridurre i prezzi è garantire la competizione e aumentare l’operatività.

Costo dei biglietti aerei e profilazione dei clienti

Il decreto del governo sulle compagnie aeree introduce poi il divieto di fissare le tariffe in base alla profilazione dei clienti. Eddie Wilson respinge le accuse con una risata: “Non esiste nessun algoritmo e non ‘profiliamo’ i clienti, come potremmo? Chi lo pensa forse guarda un po’ troppo Netflix e non sa come funziona il mondo reale”. E ancora: “Non so e non mi interessa sapere chi è che acquista i voli. A cosa servirebbe ‘profilare’? Non puoi convincere a volare con te chi non vuole, è il prezzo competitivo che, in caso, può farlo. Per questo noi abbiamo avuto successo: per anni abbiamo offerto prezzi bassi. Chi pontifica su questi temi non ha idea di cosa parla. Chi consiglia il ministro Urso evidentemente non sa niente né di aerei né di economia”, accusa Wilson.

Wilson ha infine dichiarato che il decreto del governo italiano “è una trovata da pubbliche relazioni, una roba populista. C’hanno provato a Mosca nel 1917″.

Ryanair punta a crescere tramite la concorrenza

Wilson specifica che Ryanair intende sì puntare a crescere, ma puntando sulle tariffe basse per attrarre la clientela. Al contrario di “Lufthansa, che ha preso Ita” che “è specialista nell’alzare le tariffe”, attacca l’AD.

Ryanair però ha già da tempo abbandonato le tariffe super scontante. La principale compagnia aerea low cost in Europa ha cambiato le sue politiche, eliminando i voli più convenienti a causa della mutata situazione geopolitica.

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI

Vigili del fuoco contro il Governo, l’accusa è grave

La tragedia del Natisone, in cui hanno perso la vita tre giovani, ha portato aspre polemiche, con le critiche piovute contro i ritardi dei soccorsi che, inevitabilmente, si sono abbattute sul Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Ma il sindacato Funzione Pubblica della Cgil non ci sta e replica a ogni accusa sottolineando un dato…

Leggi »

F1 in streaming, dove vedere in tv il GP del Canada

La F1 cambia ancora continente, con i piloti del paddock del mondiale delle quattro ruote che sbarcano a Montreal per il GP del Canada. Nono appuntamento stagionale, l’ultimo lontano dal Vecchio Continente fino a settembre, gara che può significare tanto per la lotta al titolo iridato e, soprattutto, per il futuro di tanti piloti. Con…

Leggi »

MillionDay e MillionDay Extra, le estrazioni delle 20.30 di giovedì 6 giugno

Proseguono anche nel 2024 il MillionDay e il MillionDay Extra, sempre con la doppia formula: le estrazioni avvengono infatti due volte al giorno, una alle 13.00 e l’altra come di consueto alle 20.30. Il MillionDay è una lotteria basata sull’estrazione casuale di 5 numeri compresi tra 1 e 55. I giocatori possono partecipare all’estrazione compilando una…

Leggi »