Contributi per l’internazionalizzazione delle imprese del Molise
molise

Articolo del

MOLISE: pubblicato l’avviso a valere sull’azione 3.3.1, progetti di promozione dell’export destinati a imprese e loro forme aggregate individuate su base territoriale o settoriale.
OBIETTIVO: sostenere progetti finalizzati allo sviluppo delle capacità d’internazionalizzazione delle PMI riconducibili a specifiche esigenze di settori, reti d’imprese, filiere produttive e distretti; Favorire un migliore posizionamento strategico del “Made in Molise” sul piano internazionale, in termini di penetrazione dei mercati e di cooperazione negli investimenti, in relazione ai quali sono esclusi quelli che implichino delocalizzazione.
BENEFICIARI : sono ammessi al sostegno i raggruppamenti di PMI.
In particolare sono considerati soggetti ammissibili alla presentazione di proposte progettuali:
– Reti di imprese di micro, piccola e media dimensione, aventi sede o unità operativa in Regione;
– Consorzi e Società consortili costituiti, anche in forma cooperativa;
– Altre forme di raggruppamento giuridicamente riconosciute.
CONTRIBUTO: il contributo sarà concesso in regime “de minimis”.
Per tutti i soggetti beneficiari l’intensità d’aiuto è pari al 50% della spesa complessiva ammissibile,
– per raggruppamenti fino a 3 imprese l’investimento minimo totale ammissibile non deve essere inferiore a 15.000,00 euro (quindicimila/00 euro) fino all’importo massimo di 45.000,00 euro quarantacinquemila/00);
– per raggruppamenti fra 4 e 7 imprese l’investimento minimo totale ammissibile non deve essere inferiore a 35.000,00 euro (trentacinquemila/00 euro) fino all’importo massimo di 135.000,00 euro (centotrentacinquemila/00);
– per raggruppamenti di/superiori a 8 imprese l’investimento minimo totale ammissibile non deve essere inferiore a 50.000,00 euro (cinquantamila/00 euro) fino all’importo massimo di 150.000,00 euro (centocinquantamila/00);
DOMANDE: a sportello, a partire dal 20/04/2018 e non oltre il 20 giugno 2018.

PROGETTI DI PROMOZIONE DELL’EXPORT DESTINATI A IMPRESE

Progetti di promozione dell’export destinati a imprese e loro forme aggregate individuate su base territoriale o settoriale.

 

FINALITA’

La presente azione è volta a sostenere progetti finalizzati allo sviluppo delle capacità d’internazionalizzazione delle PMI riconducibili a specifiche esigenze di settori, reti d’imprese, filiere produttive e distretti.

  • I suddetti interventi sono tesi anche a favorire un migliore posizionamento strategico del “Made in
    Molise” sul piano internazionale, in termini di penetrazione dei mercati e di cooperazione negli investimenti, in relazione ai quali sono esclusi quelli che implichino delocalizzazione.
  • Quale leva importante di alleanza, con la presente azione, si può procedere anche all’adattamento di operatività dei sistemi di networking ICT driven sostenuti con le precedenti azioni dell’Asse, al fine di integrare i segmenti mancanti o carenti della supply chain con componenti transnazionali.

L’azione contribuisce all’implementazione:

  • a) della Smart Specialisation Strategy;
  • b) alla strategia per le Reti di imprese e di imprese con altri soggetti, anche mediante la
  • sperimentazione di nuovi modelli di governance partenariale;
  • c) alla strategia per le aree di crisi.

BENEFICIARI

Sono ammessi al sostegno i raggruppamenti di PMI.

In particolare sono considerati soggetti ammissibili alla presentazione di proposte progettuali:

  • – Reti di imprese di micro, piccola e media dimensione, aventi sede o unità operativa in Regione
  • – Consorzi e Società consortili costituiti, anche in forma cooperativa
  • – Altre forme di raggruppamento giuridicamente riconosciute.

LINEE DI INTERVENTO

L’azione prevede la codifica di strategie di targeting selettive, fondate anche su analisi volte a rilevare le possibilità di acquisire vantaggi competitivi sostenibili nel lungo periodo, rispetto a fattori rilevanti di acquisto ed a barriere all’ingresso emergenti nei mercati.

In particolare il bando contribuisce a finanziare progetti che prevedano le seguenti attività:

  • Servizi di consulenza prestati da consulenti esterni per valutare e sviluppare le capacità del raggruppamento ad affrontare un percorso di internazionalizzazione, valutare la fattibilità, di azioni di internazionalizzazione su determinati mercati (inclusi studi di settore), realizzare un percorso di internazionalizzazione, ricercare potenziali clienti e distributori su mercati esteri, sviluppare siti internet aziendali in lingua estera.
  • Servizi di Temporary Export Manager (TEM), ovvero consulenza di esperti esterni all’impresa per pianificare e successivamente gestire il percorso di internazionalizzazione dell’impresa.
  • Servizi di consulenza per certificazioni per l’export (certificazioni di prodotti o aziendali necessarie per esportare sui mercati internazionali).
  • Registrazione dei marchi sui mercati internazionali
  • Partecipazioni come espositori a fiere internazionali e a fiere nazionali di rilevanza internazionale
  • Organizzazione di eventi promozionali iall’estero, (b2b, visite aziendali, forum, degustazioni, sfilate, esposizioni in show room, manifestazioni analoghe) finalizzate alla ricerca di nuovi mercati.

CONTRIBUTO

Il contributo sarà concesso in regime “de minimis”, ai sensi del Regolamento (UE) n. 1407/2013.

Per tutti i soggetti beneficiari l’intensità d’aiuto è pari al 50% della spesa complessiva ammissibile,

  • per raggruppamenti fino a 3 imprese l’investimento minimo totale ammissibile non deve essere inferiore a 15.000,00 euro (quindicimila/00 euro) fino all’importo massimo di 45.000,00 euro quarantacinquemila/00);
  • per raggruppamenti fra 4 e 7 imprese l’investimento minimo totale ammissibile non deve essere inferiore a 35.000,00 euro (trentacinquemila/00 euro) fino all’importo massimo di 135.000,00 euro
    (centotrentacinquemila/00);
  • per raggruppamenti di/superiori a 8 imprese l’investimento minimo totale ammissibile non deve essere inferiore a 50.000,00 euro (cinquantamila/00 euro) fino all’importo massimo di 150.000,00 euro (centocinquantamila/00);

Non sono concessi incentivi alle esportazioni direttamente connessi ai quantitativi esportati, alla costituzione e alla gestione di una rete di distribuzione o ad altre spese correnti connesse all’attività d’esportazione

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammesse le spese rientranti nelle seguenti tipologie:

  • le spese per la partecipazione a fiere con qualifica internazionale o nazionale svolte nei paesi esteri scelti dall’impresa.
  • il costo dell’area espositiva, della progettazione dello stand e del suo allestimento;
  • il trasporto dei materiali e dei prodotti, compresa l’assicurazione ed escluse le spese doganali;
  • il costo di hostess e interpreti/traduttori
  • le spese di consulenza per la ricerca di partner commerciali o industriali, agenti, buyers e per l’organizzazione di incontri di affari da realizzare nel contesto fieristico;
  • le spese per la registrazione e la protezione del marchio nei mercati di destinazione individuati nel progetto;
  • le spese per consulenze finalizzate all’ottenimento delle certificazioni per l’esportazione e alla protezione del marchio nei mercati di destinazione individuati nel progetto;
  • spese relative all’organizzazione di incontri d’affari e visite aziendali con potenziali partner commerciali e produttivi esteri (dai paesi target scelti dall’impresa), incluse le spese di viaggio, vitto e alloggio dei rappresentanti delle imprese estere, con l’esclusione delle spese di viaggio, vitto e alloggio dei dipendenti, soci o rappresentanti dell’impresa beneficiaria del contributo. Spese per l’organizzazione di eventi promozionali quali: affitto e allestimento sale, catering, hostess e/o
    interpreti;
  • spese di consulenza esterna per valutare la fattibilità o supportare la predisposizione di una rete commerciale all’estero o di centri di servizio di vendita o controllo, assistenza post-vendita, logistica (con l’esclusione di contratti di rappresentanza/agente di vendita, conto vendita, franchising o
    simili e delle spese di gestione ordinaria di tali attività).

DOMANDE

Le domande devono essere compilate esclusivamente per via elettronica utilizzando la procedura informatica.

Le agevolazioni di cui al presente avviso sono concesse sulla base di procedura valutativa con procedimento a sportello, che prevede l’istruttoria delle istanze secondo l’ordine cronologico di presentazione delle stesse.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

ALTRI
articOLI