Contributi per lo sviluppo delle filiere corte in Veneto

venetoVENETO: pubblicato dal Gal Prealpi e Dolomiti il bando 16.4.1 “cooperazione per lo sviluppo delle filiere corte”.
INTERVENTO 16.4.1 “Cooperazione per lo sviluppo delle filiere corte”.
Si tratta del sostegno alla cooperazione di filiera, sia orizzontale che verticale, per la creazione e lo sviluppo di filiere corte e mercati locali e sostegno ad attività promozionali a raggio locale connesse allo sviluppo delle filiere corte e dei mercati locali
FINALITA’: l’Intervento sostiene la creazione e l’attività di Gruppi di Cooperazione (GC) formati da almeno due soggetti che operino nell’ambito delle filiere corte.
INTERVENTI AMMESSI: gli interventi ammissibili riguardano:
la costituzione del GC; le attività di progettazione della filiera corta;
l’attività di animazione dell’area interessata al fine di ampliare la partecipazione al progetto; l’esercizio della cooperazione; l’attività di promozione e informazione; l’attuazione di eventi formativi relativi ai temi della commercializzazione e del marketing a favore dei soggetti componenti il GC.
AMBITO TERRITORIALE: si tratta dall’ambito territoriale designato del GAL Prealpi e Dolomiti, costituito dai comuni di Alano di Piave, Alpago, Arsiè, Belluno, Cesiomaggiore, Chies d’Alpago, Feltre, Fonzaso, Lamon, Lentiai, Limana, Mel, Pedavena, Ponte nelle Alpi, Quero Vas, San Gregorio nelle Alpi, Santa Giustina, Sedico, Seren del Grappa, Sospirolo, Sovramonte, Tambre, Trichiana.
BENEFICIARI: Il beneficiario del sostegno è il Gruppo di cooperazione (GC).
CONTRIBUTO: L’aliquota dell’aiuto è pari al 70% della spesa ammissibile
MASSIMALE:  L’importo minimo di spesa ammessa è pari a euro 10.000,00. L’importo massimo di spesa ammessa è pari a euro 40.000,00.
DOMANDE: Le domande di aiuto potranno essere presentate entro  il 25 luglio 2018.

COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DELLE FILIERE CORTE

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2014-2020

Sottomisura: 19.2- Sostegno all’esecuzione degli interventi nell’ambito della strategia di sviluppo locale di tipo partecipativo

  • 16.4 Sostegno alla cooperazione di filiera, sia orizzontale che verticale, per la creazione e lo sviluppo di filiere corte e mercati locali e sostegno ad attività promozionali a raggio locale connesse allo sviluppo delle filiere corte e dei mercati locali
  • 16.4.1 Cooperazione per lo sviluppo delle filiere corte
  • Progetto Chiave n. 02 – La Montagna di mezzo

I Progetti Chiave sono lo strumento caratterizzante l’attuazione della strategia del GAL Prealpi e Dolomiti. Essi favoriscono l’interazione tra pubblico e privato, garantiscono un’elevata concentrazione di risorse e perseguono in maniera integrata gli obiettivi generali e specifici della strategia.

FINALITA’

FOCUS AREA 6.B – STIMOLARE LO SVILUPPO LOCALE NELLE ZONE RURALI

  • Focus Area (secondaria) 3A
    “Migliorare la competitività dei produttori primari integrandoli meglio nella filiera agroalimentare attraverso i regimi di qualità, la creazione di un valore aggiunto per i prodotti agricoli, la promozione dei prodotti nei mercati locali, le filiere corte, le associazioni e organizzazioni di produttori e le organizzazioni interprofessionali”

AMBITO TERRITORIALE DI APPLICAZIONE

L’ambito territoriale interessato dall’applicazione del bando è rappresentato dall’ambito territoriale designato del GAL Prealpi e Dolomiti, costituito dai comuni di Alano di Piave, Alpago, Arsiè, Belluno, Cesiomaggiore, Chies d’Alpago, Feltre, Fonzaso, Lamon, Lentiai, Limana, Mel, Pedavena, Ponte nelle Alpi, Quero Vas, San Gregorio nelle Alpi, Santa Giustina, Sedico, Seren del Grappa, Sospirolo, Sovramonte, Tambre, Trichiana.

BENEFICIARI

Il beneficiario del sostegno è il Gruppo di cooperazione (GC).

GRUPPO DI COOPERAZIONE (GC)

Il GC deve assumere una delle seguenti configurazioni:

  • Tipo A) Consorzio di imprese, contratto di rete (rete- soggetto con personalità giuridica);
  • Tipo B) forme organizzative create per la realizzazione del Piano delle Attività attraverso raggruppamenti temporanei: Reti-contratto, Associazioni Temporanee di Impresa o di Scopo.

I GC con forma giuridico-societaria di tipo A devono essere già costituiti al momento della presentazione della domanda di sostegno.

Il raggruppamento temporaneo di tipo B può non essere già costituito al momento della presentazione della domanda di sostegno.

INTERVENTI AMMISSIBILI

GLI INTERVENTI RIGUARDANO:

  • i. la costituzione del GC
  • ii. le attività di progettazione della filiera corta
  • iii. l’attività di animazione dell’area interessata al fine di ampliare la partecipazione al progetto
  • iv. l’esercizio della cooperazione
  • v. l’attività di promozione e informazione. La promozione e informazione deve riguardare la filiera corta e relativi prodotti e non i singoli produttori che partecipano alla medesima e deve essere finalizzata a far conoscere ai potenziali clienti la nuova realtà, i vantaggi e le implicazioni derivanti dall’acquisto tramite filiera corta. Le azioni di informazione e promozione da realizzare non devono riguardare marchi commerciali. Le iniziative informative e promozionali devono essere realizzate in conformità alle linee guida regionali per l’informazione e l’utilizzo dei loghi, approvate con provvedimento regionale
  • vi. l’attuazione di eventi formativi relativi ai temi della commercializzazione e del marketing a favore dei soggetti componenti il GC.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili esclusivamente le spese sostenute per l’attuazione degli interventi previsti dal Piano di attività da:

  • ogni singolo componente del GC nel caso il GC sia costituito come un raggruppamento temporaneo (Rete-contratto, Associazione Temporanea di Impresa o di Scopo);
  • il GC quando lo stesso sia un consorzio di imprese o un contratto di rete, soggetto con personalità giuridica;

CONTRIBUTO

L’aliquota dell’aiuto è pari al 70% della spesa ammissibile

MASSIMALE

  • L’importo minimo di spesa ammessa è pari a euro 10.000,00.
  • L’importo massimo di spesa ammessa è pari a euro 40.000,00.

DOMANDA

Il soggetto richiedente deve presentare domanda di aiuto ad AVEPA – Agenzia Veneta per i Pagamenti in Agricoltura.

  • Scadenza 25 luglio 2017

APPROFONDIMENTO

SCARICA I DOCUMENTI

Contributi per lo sviluppo delle filiere corte in Veneto ultima modifica: 2018-06-06T11:28:48+02:00 da Carlo D.