Cresce nel mondo l’energy storage
L'accumulo di energia è fondamentale per assicurare flessibilità, stabilità e sicurezza al sistema energetico del futuro, dominato dalla produzione di energia da fonti rinnovabili.
fonti-rinnovabili-energia-globale.jpg

Articolo del

L’accumulo di energia è fondamentale per assicurare flessibilità, stabilità e sicurezza al sistema energetico del futuro, dominato dalla produzione di energia da fonti rinnovabili.

Secondo la Commissione Europea, che ha recentemente adottato un elenco di raccomandazioni per garantire una maggiore diffusione dello stoccaggio dell’energia, il mercato è in forte sviluppo, con 2,8 GW (3,3 GWh) implementati nel 2022, per un totale stimato di oltre 9 GWh. Il settore cresce anche in Italia, seppure fra qualche incertezza normativa: dati presentati da Althesys mostrano che nei primi sei mesi di quest’anno sono stati autorizzati progetti per 560 MW, da aggiungersi ai 90 MW già autorizzati nel 2022. Inoltre, nell’aggiornamento del PNIEC (Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima) si prevede di raggiungere nel 2030 circa 22,5 GW di storage installato, di cui 11 GW di accumuli utility scale.

Proprio in questo contesto, in cui accelerare sullo stoccaggio di energia diventa sempre di più una priorità, KEY – The Energy Transition Expo, l’evento di IEG (Italian Exhibition Group ) di riferimento in Sud Europa, Africa e bacino del Mediterraneo sulla transizione energetica, ha intercettato questa necessità, dando vita a un nuovo progetto espositivo che prenderà forma per la prima volta nella prossima edizione della fiera, in programma a Rimini dal 28 febbraio al 1° marzo 2024.

KSE – Key Storage Expo è la nuova area espositiva tematica, che va ad aggiungersi agli altri sei tradizionali settori della manifestazione (Solar, Wind, Hydrogen, Energy Efficiency, e-mobility e Sustainable City), per riservare all’energy storage di tipo statico residenziale e industriale e all’utility scale uno spazio esclusivo e interamente dedicato.

KSE metterà in mostra le soluzioni per uno storage di tipo elettrochimico, ponendosi l’ambizione di estendere in futuro l’offerta e accogliere anche le altre tecnologie dell’accumulo dell’energia.

La nuova sezione occuperà i padiglioni B6 e B7 del quartiere fieristico, in continuità con SEC – Solar Exhibition & Conference, la vasta area dedicata al solare e fotovoltaico, con la quale condividerà anche alcuni spazi, per massimizzare tutte le sinergie esistenti fra due settori così affini fra loro, complementari e fondamentali per realizzare la transizione energetica.

Ovviamente, di storage e del ruolo fondamentale di questo settore si parlerà ampiamente nel corso dei convegni e dibattiti previsti dal programma eventi di KEY, organizzati dal Comitato Tecnico Scientifico, in collaborazione con le più importanti Associazioni nazionali e internazionali.

Nei giorni di manifestazione, uno studio commissionato ad Althesys analizzerà il potenziamento dei sistemi di accumulo e delle reti, necessario per raggiungere l’obiettivo del 65% di elettricità verde al 2030, contenuto nel nuovo PNIEC (Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima).

Il convegno dal titolo Addressing the Challenges of Europe’s Solar & Storage Boom(Large-scale Focus), curato da Ibesa – International Alliance for Battery and Energy Storage si soffermerà, invece, sugli ultimi progressi, le tecnologie all’avanguardia e le tendenze nel segmento dello storage utility scale nei principali mercati europei, offrendo una panoramica completa sui temi caldi del settore, dagli investimenti ai progetti più rivoluzionari, fino all’esplorazione delle nuove opportunità nella co-locazione dei sistemi di stoccaggio su larga scala.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI