È morto improvvisamente per un malore l’imprenditore Riccardo Iovino
E' morto il fondatore di EdiliziAcrobatica, la prima azienda in Italia ad applicare la tecnica della doppia fune di sicurezza ai lavori di ristrutturazione.
riccardo iovino ediliziacrobatica

Ancora nessun commento

E’ morto il fondatore di EdiliziAcrobatica, la prima azienda in Italia ad applicare la tecnica della doppia fune di sicurezza ai lavori di ristrutturazione. Nato il 6 gennaio del 1965 a Genova, Iovino è stato un imprenditore coraggioso e visionario che ha creato un’azienda composta da oltre 2.200 collaboratori, con sedi in Italia, Francia, Spagna, Principato di Monaco, Emirati Arabi, Arabia Saudita e Nepal, quotata su due mercati finanziari: Euronext Growth ed Euronext Growth Milan.

La versione italiana dell’American Dream

La sua storia, tutta italiana, ricorda l’American Dream: quello degli uomini che colgono l’occasione che la vita gli offre e dedicano ogni loro risorsa, ogni loro pensiero a realizzarla. Nel caso di Iovino quell’occasione gli giunse nel 1994 dalla richiesta di un amico e aveva la forma di una grondaia da sostituire in un palazzo di Genova. Lui che era uno skipper e che per la sua agilità era addetto ad arrampicarsi sugli alberi delle barche a vela, colse quell’occasione e si offrì di farlo utilizzando la stessa tecnica che adottava per rigovernare proprio le vele: la doppia fune di sicurezza. E fu nel momento in cui si calava da quel tetto che ebbe l’intuizione destinata a cambiare per sempre la sua vita: le funi potevano garantire sicurezza per i muratori e velocità di esecuzione dei lavori.

La prima sede in garage

La prima sede di quella che sarebbe diventata la società leader nel mercato delle ristrutturazioni in Italia, fu un garage con la saracinesca cigolante da cui Iovino partiva ogni mattina per eseguire i primi lavori che gli venivano commissionati. La notte, invece, in quello stesso garage trascorreva il tempo a inviare fax a tutti gli amministratori di condominio di cui riusciva a trovare i contatti, proponendo la sua tecnica di ristrutturazione. «Il mio obiettivo – raccontava – è sempre stato quello di rivoluzionare il modo di fare edilizia nel mondo». E, a conti fatti, un po’ c’è riuscito, assieme alla sua compagna di vita e socia in azienda, Anna Marras.

L’eredità di Riccardo

Il gruppo che ha fondato ha chiuso il 2022 con un valore della produzione 134,5 milioni di euro (+54% sul 2021) ed è pronto, grazie a un modello di business basato sulla condivisione e la continua formazione delle risorse umane a ogni livello, non solo a sopravvivere a Iovino, ma a continuarne il percorso, realizzandone tutti gli obiettivi. A breve, annuncia il cda di EdiliziAcrobatica, ci sarà una riunione sul futuro dell’azienda. Ma se è vero, come crediamo sia, che la grandezza di un uomo è data dalla sua capacità di crescere dei figli forti e indipendenti, allora Riccardo Iovino è stato un grande uomo che lascia oggi 2.200 «figli» acrobatici pronti a portare avanti la rivoluzione che, partendo da un vicolo di Genova, è arrivata sulla cima del Burji Kahlifa.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI

MillionDay e MillionDay Extra, le estrazioni delle 13 di venerdì 14 giugno

Proseguono anche nel 2024 il MillionDay e il MillionDay Extra, sempre con la doppia formula: le estrazioni avvengono infatti due volte al giorno, una alle 13.00 e l’altra come di consueto alle 20.30. Il MillionDay è una lotteria basata sull’estrazione casuale di 5 numeri compresi tra 1 e 55. I giocatori possono partecipare all’estrazione compilando una…

Leggi »

Export italiano a +10%: quali prodotti hanno successo all’estero

Torna a crescere l’export italiano. I dati Istat confermano la ripresa ad aprile delle vendite di beni e servizi dall’Italia verso l’estero a un ritmo che non era registrato da diversi mesi. Un +10,7% su base annua aiutato da una crescita sul mese precedente di oltre il 2%. Anche se ci sono alcune circostanze momentanee…

Leggi »

Draghi lancia il monito all’Ue: cosa ha detto l’ex presidente del Consiglio

L’ex presidente del consiglio e direttore della Banca centrale europea Mario Draghi ha ricevuto in Spagna il premio europeo Carlo V dal re Felipe VI in una cerimonia nel monastero di San Jeronimo de Yuste. Nel discorso di ringraziamento, Draghi ha sottolineato alcune priorità che l’Unione europea dovrebbe seguire in tema economico a partire dalla…

Leggi »