Entro il 10 Novembre le piattaforme di crowdfunding devono adeguarsi alle direttive dell’ Unione europea
Entro il 10 Novembre le piattaforme di raccolta fondi che vogliono continuare a raccogliere in Italia dovranno avere ottenuto la licenza prevista dal regolamento europeo del settore.
Lievita in fretta il giro d’affari delle piattaforme di crowdfunding in Italia

Ancora nessun commento

Entro il 10 Novembre le piattaforme di raccolta fondi che vogliono continuare a raccogliere in Italia dovranno avere ottenuto la licenza prevista dal regolamento europeo del settore. Pena: tirare i remi in barca. L’Italia arriva con un anno di ritardo ad assegnare i patentini rispetto al resto d’Europa, che già dal 2022 riconosce le autorizzazioni. E in queste ore la Consob, la Commissione predisposta alla sorveglianza sui mercati, sta valutando le domande e dando i primi via libera. Tre le piattaforme finora autorizzate: Buildbull, Concrete e Fundera. Altri nomi sono pronti ad allungare la lista, benché, riconoscono gli esperti del mercato, il processo di autorizzazione sfoltirà il numero di operatori.

Il regolamento europeo

Andiamo con ordine. E riavvolgiamo il nastro al 2020, quando l’Unione europea licenzia il regolamento 1503 sui fornitori di servizi di crowdfunding. Obiettivo: creare un mercato unico più competitivo e tutelare i potenziali investitori, soprattutto quelli non professionali. Il campo è quello dell’equity crowdfunding (raccolta di capitali per avviare progetti di impresa ottenendo in cambio una quota della società) e del lending (che si sostanzia come prestito). Non entra invece nel campo delle piccole donazioni.

Il regolamento, che in quanto tale è direttamente precettivo e non ha bisogno di adozioni locali, prevede che ogni piattaforma chieda licenza di operare in uno dei 27 Stati dell’Unione. Grazie a quella potrà operare su tutto il mercato comunitario. Gli operatori potranno occuparsi sia di campagne di equity sia di lending sulla stessa piattaforma e creare bacheche elettroniche per la vendita di quote e prestiti (già previste in Italia). Agli investitori non professionisti saranno sottoposti test sulle conoscenze finanziarie e test sulla capacità di sostenere una perdita.

I primi autorizzati

Il fischio d’inizio era fissato al 10 novembre 2022. Ma Roma ha chiesto un anno di proroga, perché si è incartata sull’adozione del regolamento. L’Italia ha nominato due autorità competenti in materia: la Consob, che è quella prevalente, “per l’esperienza maturata a gestire i portali di equity”, ricorda l’avvocato Alessandro Lerro, fondatore di Avvocati.net ed esperto in materia, e Banca d’Italia. Il prossimo 10 novembre, però, il regolamento diventa pienamente operativo anche in Italia. Al momento sono tre gli operatori che hanno ottenuto il semaforo verde della Consob: Buildbull, Concrete e Fundera. Le prime due, spiega Giancarlo Giudici, professore ordinario della School of management del Politecnico di Milano, “operano in campo immobiliare, mentre la terza è specializzata in minibond”. Altri nomi sono in arrivo nelle prossime ore e qualche autorizzazione arriverà appena dopo il 10.

Le richieste

Lerro spiega che “a luglio avevano depositato richiesta di licenza quindici degli 85 portali di crowdfunding italiani e dopo agosto erano saliti a quaranta. Alcuni chiuderanno: la situazione è complessa e non si giustifica, secondo miei calcoli, se non hai circa 20 milioni di giro d’affari annuale”. Gli adempimenti sono importanti: conformità alle regole, gestione dei rischi, adeguatezza della struttura, copertura finanziaria. Alcuni operatori denunciano richieste molto gravose: come la richiesta di modificare lo statuto, magari a società con centinaia di soci, o di togliere i diritti di veto.

Non solo: le modifiche costano. “Tra i 20 e i 60mila euro a piattaforma solo per gli adempimenti obbligatori. Ma la spesa totale potrà essere molto più alta, perché va rivista anche tutta la parte di due diligence e di user experience delle attuali piattaforme. A partire, per esempio, dalla localizzazione dei siti”, calcolava per Wired Angelo Rindone di Crowdcore, società che sviluppa software per le piattaforme di crowdfunding.

All’estero

Motivo per cui ci si immagina una razionalizzazione del settore, con meno portali ma con le spalle più larghe, e l’affacciarsi di nuovi operatori. Buildbull è una new entry, per esempio, benché dietro ci sia Folkfunding, la società di Produzioni dal basso (la più importante piattaforma di crowdfunding mediante donazione in Italia). Buildbull, sede a Roma, ha fatto domanda il 20 giugno per entrare nel mercato del crowdfunding immobiliare, dove già opera da tempo Concrete, con 57,1 milioni di euro piazzati in 29 operazioni sul mattone. Fundera, invece, si è specializzata in minibond, ossia obbligazioni emesse da società anche non quotate per raccogliere capitale in maniera alternativa alla Borsa. L’Italia arriva ultima in Europa. “La Germania ha una regolamentazione severa come la nostra, tanto che ha autorizzato il primo portale pochi giorni fa – dice Lerro – mentre paesi nordici, Olanda, Francia e Spagna hanno maglie più larghe”. Proprio in Spagna, attraverso una consociata, ha ottenuto nel 2022 l’autorizzazione a operare il portale italiano EvenFi.

“Sarà interessante vedere quali portali esteri chiederanno autorizzazione anche per operare in Italia – suggerisce Giudici -. Qualche avvisaglia c’è già”. All’Autorità europea per i beni e i mercati (Esma), il regolatore comunitario, qualcuno si è già fatto avanti. Dei 75 registrati, al 30 ottobre risultava che 12 avessero richiesto anche l’Italia. A parte EvenFi, sono i portali immobiliari Estateguru, Urbanitae, Raizers e Crowdestate (questi ultimi due colossi del settore), mentre in ambito societario/finanziario si collocano giganti come October e Crowdcube e altri come Wefunder, Fundeen, Enerfip, Crowdhero.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI

Vigili del fuoco contro il Governo, l’accusa è grave

La tragedia del Natisone, in cui hanno perso la vita tre giovani, ha portato aspre polemiche, con le critiche piovute contro i ritardi dei soccorsi che, inevitabilmente, si sono abbattute sul Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Ma il sindacato Funzione Pubblica della Cgil non ci sta e replica a ogni accusa sottolineando un dato…

Leggi »

F1 in streaming, dove vedere in tv il GP del Canada

La F1 cambia ancora continente, con i piloti del paddock del mondiale delle quattro ruote che sbarcano a Montreal per il GP del Canada. Nono appuntamento stagionale, l’ultimo lontano dal Vecchio Continente fino a settembre, gara che può significare tanto per la lotta al titolo iridato e, soprattutto, per il futuro di tanti piloti. Con…

Leggi »

MillionDay e MillionDay Extra, le estrazioni delle 20.30 di giovedì 6 giugno

Proseguono anche nel 2024 il MillionDay e il MillionDay Extra, sempre con la doppia formula: le estrazioni avvengono infatti due volte al giorno, una alle 13.00 e l’altra come di consueto alle 20.30. Il MillionDay è una lotteria basata sull’estrazione casuale di 5 numeri compresi tra 1 e 55. I giocatori possono partecipare all’estrazione compilando una…

Leggi »