Equitalia chiude, al suo posto ci sarà l’Agenzia Entrate-Riscossione

Ancora nessun commento

Equitalia non esisterà più, al suo posto ci sarà un ente pubblico economico sottoposto alla vigilanza del Ministero dell’Economia. Ma cosa cambierà esattamente?

Arriva in un Comunicato stampa la notizia che Equitalia, la Società partecipata dall’Agenzia delle Entrate e dall’Inps, non esisterà più a partire dal 1° luglio. Ma niente paura, non ci saranno grossi cambiamenti, o almeno, non all’inizio. A prendere il suo posto sarà l’Ente pubblico economico strumentale Agenzia delle Entrate-Riscossione, che sostituirà Equitalia su tutto il territorio nazionale, ad esclusione della Sicilia che farà capo ad un altro ente. L’Agenzia, con sede legale a Roma, avrà autonomia organizzativa, patrimoniale, contabile e di gestione e, inoltre, propri regolamenti di contabilità e amministrazione.

Agenzia delle Entrate-Riscossione: ecco cosa cambierà e cosa resterà invariato.

Verranno sostituiti il logo dell’agenzia, il link del dominio a cui farà capo l’ente e la modulistica. A subire un visibile cambiamento sarà poi la parte dedicata al web e ai social network: ci sarà un nuovo portale – l’indirizzo sarà www.agenziaentrateriscossione.gov.it – e un nuovo canale Twitter. Tutti gli altri riferimenti online ad Equitalia verranno chiusi. A rimanere invariati, invece, saranno il gruppo di gestione dei servizi e delle attività e il numero telefonico a cui fare riferimento per qualsiasi informazione (06.0101).  

 

Novità della nuova Agenzia: taglia-fila, identikit e accesso ai dati sui conti correnti

L’Agenzia delle Entrate-Riscossione fa il suo ingresso con una serie di novità per migliorare – o almeno così si spera – il rendimento dei servizi agli sportelli. La notizia più interessante riguarda gli estenuanti tempi d’attesa presso i 200 sportelli. Grazie ad una serie di misure salva-fila verranno accorciati i tempi d’attesa e si garantirà lo scorrimento delle file e una riduzione delle code. Una di queste misure riguarda l’utilizzo di strumenti digitali salva-fila, che permetteranno al contribuente di essere riconosciuto immediatamente attraverso il lettore di codice a barre, semplicemente esibendo la propria tessera sanitaria.

A contribuire al miglioramento del servizio sarà anche l’attivazione di un’app che, collegata direttamente agli strumenti digitali dei vari sportelli pubblici, sarà in grado di fornire ai contribuenti una panoramica completa della situazione relativa alle fasce orarie disponibili, alle attese previste e la possibilità di scegliere e prenotare il servizio all’orario desiderato.

Per quanto riguarda i dati e le informazioni delicate presenti sui database dell’Inps, non è previsto alcun accesso da parte dell’Agenzia.   

I servizi saranno in vigore già a partire da domani, almeno ufficialmente. Si prevede, infatti, che il servizio effettivo verrà garantito a partire da lunedì 3 luglio.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI

Assicura la precisione dei tuoi bilanci con Caesar Traduzioni

QuiFinanza Redazione QuiFinanza, il canale verticale di Italiaonline dedicato al mondo dell’economia e della finanza: il sito di riferimento e di approfondimento per risparmiatori, professionisti e PMI. Quando si tratta di traduzione dei bilanci e di documenti aziendali, precisione e affidabilità sono essenziali e indispensabili. La necessità di comunicare con partner stranieri, di partecipare a…

Leggi »

In arrivo le graduatorie per il bonus psicologo: come mettersi in regola

Il bonus psicologo è un importante contributo introdotto dal Ministero della Salute nel novembre 2023 per sostenere le spese di psicoterapia. Questa iniziativa, finanziata con fondi appositi stanziati nel 2023, mira a facilitare l’accesso alle cure psicologiche per i cittadini in difficoltà economica. La risposta è stata davvero notevole, con oltre 400.505 richieste presentate entro…

Leggi »

Mutui in calo grazie allo spread? Cosa succede ora a chi ha il tasso variabile

Nell’odierna dinamica dei mercati finanziari, l’andamento positivo della Borsa italiana si accompagna a una stabilità dello spread tra i titoli di Stato italiani (Btp) e quelli tedeschi (Bund). Questo scenario, delineato dall’apertura dei mercati telematici, riveste particolare interesse per gli investitori e per coloro che hanno in corso mutui o stanno valutando l’opportunità di sottoscriverne…

Leggi »