Famiglie in difficoltà: Regione Piemonte, un milione di crediti agevolati a Finpiemonte

Ancora nessun commento

Iniziativa della Regione Piemonte a favore dei lavoratori in condizioni di disagio economico. E’ stato infatti costituito un fondo di acquisizione crediti di un milione e 250mila euro che permetterà a chi ha problemi di pagare i prestiti bancari agevolati, ricevuti a seguito di un precedente provvedimento, con maggior tempo a disposizione.

In una nota si fa sapere che sono oltre 500 i dipendenti che nel 2009 avevano usufruito di un prestito da 2.500 euro a costo zero offerto dalle banche; di questi, appena 54 sono stati i beneficiariche a oggi hanno provveduto a estinguere l’anticipazione. Poco più del 10 per cento.

Il nuovo provvedimento non prevede oneri a carico della Regione. Il governatore Roberto Cota ha commentato:“L’acquisizione di crediti da parte di Finpiemonte permetterà di evitare azioni forzose di recupero da parte del sistema bancario nei confronti di quei lavoratori che hanno usufruito dei prestiti agevolati, in relazione alle particolari forme di disagio economico, ma che non hanno ancora restituito le somme”.

L’assessore allo Sviluppo economico, Massimo Giordano, poi ha aggiunto: “Molti di questi lavoratori, penso per esempio agli ex dipendenti Raf Phonemedia e Agile, non sono purtroppo riusciti a trovare un nuovo impiego, per cui non sono ancora in grado di poter rientrare nel prestito. Con la costituzione di questo fondo, grazie al quale la titolarità del credito passa dalle banche a Finpiemonte, riusciamo a dar loro un po’ di respro, consapevoli di quanto sia drammatica la perdita del posto di lavoro e la ricerca di una nuova collocazione. Era per noi un atto dovuto, nei confronti dei lavoratori e delle famiglie”.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI

Lancia torna nei rally?

Lancia sta vivendo la sua fase di rilancio, iniziata con la nuova Ypsilon e che proseguirà con una serie di nuovi modelli in arrivo.

Leggi »