Flat tax, ipotesi e costi: le prime novità già in Legge di Bilancio
Redazione QuiFinanza QuiFinanza, il canale verticale di Italiaonline dedicato al mondo dell’economia e della finanza: il sito di riferimento e di approfondimento per risparmiatori, professionisti e PMI. La delega fiscale è approdata in Gazzetta Ufficiale e ora la maggioranza ha 24 mesi per mettere a punto i decreti delegati, cioè quelle norme che attueranno il…

Ancora nessun commento

Redazione QuiFinanza

QuiFinanza, il canale verticale di Italiaonline dedicato al mondo dell’economia e della finanza: il sito di riferimento e di approfondimento per risparmiatori, professionisti e PMI.

La delega fiscale è approdata in Gazzetta Ufficiale e ora la maggioranza ha 24 mesi per mettere a punto i decreti delegati, cioè quelle norme che attueranno il nuovo sistema tributario. Il governo per alcuni aspetti è intenzionato a bruciare le tappe. Già nella prossima legge di bilancio potrebbero infatti essere inserite le prime misure, a partire dall’Irpef, con l’obiettivo di raggiungere la più volte citata flat tax. Il problema maggiore riguarda il contrasto con l’articolo 53 della Costituzione, che parla di “progressività delle imposte”, un principio che non sembra facilmente raggiungibile con una tassa unica per tutti. L’esecutivo sostiene di poterla garantire attraverso detrazioni e deduzioni, massimo entro fine legislatura.

Le tappe verso la flat tax

La prima mossa sarà l’implementazione del modello ad aliquota impositiva unica, seguito dall’individuazione dei principi generali che dovranno portare dagli attuali scaglioni Irpef fino all’approdo alla tassa unica. L’articolo 5 del disegno di legge delega sulla riforma del fisco approvato dal Parlamento spiega come la transizione verso la tassa unica preveda anche un riordino delle tax expenditures, ovvero di detrazioni, deduzioni e crediti d’imposta. Un passaggio fondamentale per mantenere la progressività sarebbe aumentarle ma è altresì possibile che alcune vengano eliminate.

Le ipotesi

Per dare il via al processo nelle intenzioni del governo ci sarebbe quella di ridurre già da quest’anno le aliquote da quattro a tre. La prima ipotesi, formulata anche dalla Ragioneria di Stato, prevede l’accorpamento della seconda e della terza fascia in una sola, che comprenda i redditi tra i 15 mila e i 50 mila euro. In questo caso il prelievo sarebbe del 27% (ma si era parlato anche del 28%) mentre resterebbero così la prima e l’ultima. Evidente soprattutto il beneficio per la terza fascia, che vedrebbe scendere la percentuale di prelievo di ben 7-8 punti percentuali.

I costi

La riduzione da quattro a tre aliquote potrebbe costare sui 3-4 miliardi. Resta comunque da finanziare anche l’ipotizzata riduzione delle tasse sulle tredicesime sotto forma di incentivo ai premi di produttività e al pagamento di straordinari. Probabilmente con la manovra vedrà la luce anche il concordato preventivo biennale per gli autonomi. Certamente arriverà in contemporanea la cosiddetta “imposta minima nazionale sulle multinazionali”, prevista dalla delega in attuazione di una direttiva europea: fornirà gettito utile a finanziare altre misure. Ulteriori risparmi potrebbero essere trovati nella revisione degli sconti fiscali, che sono oltre 600.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI

Vigili del fuoco contro il Governo, l’accusa è grave

La tragedia del Natisone, in cui hanno perso la vita tre giovani, ha portato aspre polemiche, con le critiche piovute contro i ritardi dei soccorsi che, inevitabilmente, si sono abbattute sul Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Ma il sindacato Funzione Pubblica della Cgil non ci sta e replica a ogni accusa sottolineando un dato…

Leggi »

F1 in streaming, dove vedere in tv il GP del Canada

La F1 cambia ancora continente, con i piloti del paddock del mondiale delle quattro ruote che sbarcano a Montreal per il GP del Canada. Nono appuntamento stagionale, l’ultimo lontano dal Vecchio Continente fino a settembre, gara che può significare tanto per la lotta al titolo iridato e, soprattutto, per il futuro di tanti piloti. Con…

Leggi »

MillionDay e MillionDay Extra, le estrazioni delle 20.30 di giovedì 6 giugno

Proseguono anche nel 2024 il MillionDay e il MillionDay Extra, sempre con la doppia formula: le estrazioni avvengono infatti due volte al giorno, una alle 13.00 e l’altra come di consueto alle 20.30. Il MillionDay è una lotteria basata sull’estrazione casuale di 5 numeri compresi tra 1 e 55. I giocatori possono partecipare all’estrazione compilando una…

Leggi »