I player che ruotano attorno all’ Intelligenza Artificiale stanno scoprendo via via le loro carte
Tra le aziende che puntano sull'intelligenza artificiale c’è già una macro divisione in due gruppi: chi punta forte sui suoi prodotti e chi ha scelto la strada dei programmi liberi da licenza.
intelligenza-artificiale.jpg

Articolo del

Tra le aziende che puntano sull’intelligenza artificiale c’è già una macro divisione in due gruppi: chi punta forte sui suoi prodotti e chi ha scelto la strada dei programmi liberi da licenza. Meta, holding che ha in mano tre delle app più utilizzate nel mondo occidentale (Facebook, Instagram e WhatsApp), è fra quelli che hanno scelto la stra dell’Intelligenza Artificiale aperta. E va in questa direzione l’annuncio delle ultime ore: insieme al colosso informatico IBM, infatti, la società di Mark Zuckerberg ha lanciato la AI Alliance, una community internazionale di sviluppatori, ricercatori e utenti di tecnologie all’avanguardia che collaborano con l’obiettivo di promuovere, appunto, un’AI aperta, sicura e responsabile.

Di questa alleanza fanno parte 50 membri fondatori a livello globale. Tra questi altri nomi noti, come i colossi dei processori AMD e Intel, il Cern, Dell Technologies, la start up franco-americana Hugging Face, Oracle, Sony Group, e diverse università di tutto il mondo.

Gli stessi fondatori, in un a nota hanno spiegato che AI Alliance è un’organizzazione orientata all’azione e di carattere spiccatamente internazionale, realizzata per creare opportunità ovunque attraverso una gamma diversificata di istituzioni che possono plasmare l’evoluzione dell’IA in modi che riflettono meglio le esigenze e la complessità delle diverse società.

L’alleanza è focalizzata sulla valorizzazione di una community aperta, e sul dare la possibilità a sviluppatori e ricercatori di accelerare l’innovazione responsabile nel campo dell’intelligenza artificiale, garantendo allo stesso tempo rigore scientifico, fiducia, sicurezza, diversità e competitività economica.

Grazie all’unione di sviluppatori, scienziati, istituzioni accademiche, aziende e altri soggetti promotori di innovazione, Meta concentrerà risorse e conoscenze per analizzare i temi relativi alla sicurezza, fornendo al contempo una piattaforma per la condivisione e lo sviluppo di soluzioni adatte alle esigenze di ricercatori, sviluppatori e utenti di tutto il mondo.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI