Il 2024 introduce importanti novità per il modello redditi
Importanti novità per la dichiarazione dei redditi in Italia, con l’introduzione di modifiche che riguardano sia le tempistiche che i soggetti coinvolti.
modello unico

Ancora nessun commento

Importanti novità per la dichiarazione dei redditi in Italia, con l’introduzione di modifiche che riguardano sia le tempistiche che i soggetti coinvolti. L’Agenzia delle Entrate, attingendo ai dati contenuti nelle CU 2024 fornite dai sostituti d’imposta, sta predisponendo la dichiarazione dei redditi precompilata che quest’anno verrà estesa, per la prima volta, anche ai titolari di Partita Iva.

Dichiarazione dei redditi 2024, disponibilità e accesso alle precompilate

A partire dal 30 aprile, contribuenti e professionisti potranno accedere ai modelli precompilati tramite il portale dell’Agenzia delle Entrate, utilizzando le credenziali SPID, CIE o la Carta Nazionale dei Servizi. La possibilità di usufruire dei modelli precompilati aiuta una vasta gamma di utenti a semplificare e velocizzare le procedure di dichiarazione, che includono già le informazioni relative alle più importanti detrazioni quali spese sanitarie, universitarie, assicurative, e molte altre.

Le scadenze da ricordare

Le scadenze per la presentazione della dichiarazione dei redditi sono due: 

  • i contribuenti avranno tempo fino al 30 settembre per inviare il modello 730;
  • la trasmissione del modello Redditi Persone Fisiche è fissata per il 15 ottobre, così come il termine per presentare correzioni alle dichiarazioni già inoltrate. 

Da quest’anno inoltre anche dipendenti e pensionati potranno scegliere di presentare il modello Redditi 2024 anziché il modello 730 semplificato

Vantaggi del modello 730

Il modello Redditi PF, tuttavia, comporta tempistiche più dilatate per i rimborsi Irpef e la gestione delle imposte a debito. La semplicità di gestione e i vantaggi in termini di calcolo e rimborso delle imposte offerti dal 730 rendono questo modello accessibile a un ampio spettro di contribuenti e rimane la scelta migliore per molti, in particolare lavoratori dipendenti e pensionati. Per quest’ultimi infatti eventuali rimborsi o trattenute sono inclusi direttamente in busta paga senza dover ricorrere alla compilazione di F24.

Procedure di presentazione

L’Agenzia delle Entrate fornisce modelli e istruzioni dettagliate per la compilazione sia del 730 che del Redditi PF, con la possibilità o meno di avvalersi di supporto professionale. Per chi preferisce compilare il modello Redditi PF in autonomia è messo a disposizione uno specifico software, il RedditiOnLine Pf, scaricabile direttamente dal sito dell’Agenzia delle Entrate, che permette di creare i file che vanno in seguito trasmessi telematicamente tramite i servizi online dalla propria area personale. I modelli precompilati sia del 730 sia del Redditi PF saranno a breve messi gratuitamente a disposizione dei cittadini.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI

Le Eccellenze storiche di Confcommercio Udine in vetrina al Mimit

Riconoscimento alle realtà imprenditoriali che nel tempo hanno saputo coniugare innovazione e tradizione, apertura al mondo e appartenenza alla comunità, nella convinzione di fondo che la dimensione etica che sta alla base di una lunga storia di lavoro costituisce un patrimonio per la società e per il territorio in cui le imprese operano.

Leggi »