Il budget del Leone al comitato esecutivo

Articolo del

Un summit preparatorio in vista del consiglio di amministrazione delle Generali previsto per il prossimo 14 dicembre. Il comitato esecutivo del Leone, tenuto nella mattinata di ieri, sarebbe servito principalmente a questo, ossia a preparare il terreno per la prossima riunione del board. Sul tavolo, infatti, sono arrivati i due temi chiave del momento: il budget 2013 e lo stato di avanzamento del Cantiere Italia.

Come da tradizione, infatti, l’ultimo consiglio di amministrazione dell’anno della compagnia assicurativa serve a tracciare gli obiettivi per l’anno che verrà. Un anno che, complice il contesto e le sfide che il gruppo si è posto, rappresenterà sicuramente una tappa cruciale nel percorso di rilancio della società. Il primo appuntamento è evidentemente la presentazione alla comunità finanziaria, il 14 gennaio, della strategic review, della road map sulle iniziative di lungo termine, dell’approccio sull’allocazione del capitale e della strategia sugli investimenti e la presenza internazionale. Un piano sul quale l’amministratore delegato, Mario Greco, è al lavoro da tempo e che ha come perno centrale la focalizzazione sul core business e un occhio attento ai mercati emergenti (Asia, America Latina e Paesi dell’Est). Greco, da quando è arrivato, ha spesso ripetuto ai suoi collaboratori la necessità che le Generali tornino a occuparsi di polizze. Il tutto, con l’intenzione di avviare un miglioramento sostenibile dei risultati con un nuovo perimetro del business. A ciò si aggiunge l’altra sfida cruciale del Leone: l’Italia. Lo scorso settembre con il giro di poltrone, a Raffaele Agrusti, ex cfo, è stata assegnata la carica di country manager per l’Italia con un compito assai impegnativo. In particolare, quello di «riorganizzare le attività» della compagnia nel suo principale mercato per promuoverne l’efficienza e la profittabilità.

In altre parole ad Agrusti è stato affidato il Cantiere Italia. Il che, tradotto, significa provare a razionalizzare la presenza delle Generali nel paese. Un’area dove il gruppo raccoglie il 29% dei suoi premi ed il 34% del suo risultato operativo totale. È una presenza che si articola in grandi società e marchi – Generali assicurazioni, Ina-Assitalia, Alleanza-Toro, Genertel, Banca Generali, Fata, Simgenia – le cui strategie non sono sempre coordinate tra loro. Il mandato è dunque piuttosto ampio e non preclude anche la possibilità di giungere a riaggregazioni societarie o armonizzare importanti aspetti del business (ad esempio nell’assunzione dei rischi). Di tutto ciò si è discusso ieri nel comitato esecutivo facendo il punto della situazione.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI