Il segretario al Tesoro Usa Steven Mnuchin ha detto alla CNBC che USA e Cina sono quasi arrivati ​​ad un accordo commerciale

Fatca: le banche italiane si adeguano all’Agenzia delle entrate americana cambio euro dollaroTrump incontrerà il suo omologo cinese Xi Jinping sabato al summit di Osaka, in Giappone. L’esito dell’incontro potrebbe essere cruciale per l’economia globale e per i mercati finanziari, che sono stati scossi da 18 mesi di tensioni commerciali tra i giganti economici e un’escalation delle tariffe sulle reciproche importazioni.I funzionari devono ancora negoziare una svolta, ma ci sono speranze che un incontro tra i due presidenti possa portare avanti le discussioni.

Bank of America Merrill Lynch ha intervistato gli investitori, scoprendo che circa due terzi si aspettano che non ci sarà alcun accordo questo fine settimana. Ma allo stesso tempo non sono attese nuove tariffe.

“Spero che possiamo portare avanti un piano … Il presidente Trump e il presidente Xi hanno un rapporto di lavoro molto stretto. Abbiamo avuto un incontro produttivo all’ultimo G-20 “, ha sottolineato Mnuchin. Ha aggiunto che rimane fiducioso che un accordo possa essere raggiunto entro la fine dell’anno, ma ha detto che “ci devono essere gli sforzi giusti”.

Crescita rallentata

I colloqui tra USA e Cina si sono interrotti a maggio perché la Cina, a quanto si dice, non voleva impegnarsi a modificare le sue leggi per alleviare le preoccupazioni sul furto di proprietà intellettuale, trasferimenti forzati di tecnologia e manipolazione valutaria.

Il segretario al Commercio Wilbur Ross ha messo da parte le speranze per un successo di Trump-Xi questo fine settimana, affermando a metà giugno che “il massimo che uscirà dal G-20 potrebbe essere un accordo per riprendere attivamente i colloqui”.

La guerra commerciale ha avuto un impatto sia sulla Cina che sull’economia USA. In aprile, il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha ridotto le sue previsioni di crescita globale per il 2019 al 3,3%, in calo rispetto a una precedente previsione del 3,5%, citando le tensioni commerciali globali in corso come la logica del downgrade.

La Federal Reserve americana è sotto pressione da Trump per tagliare i tassi per stimolare l’economia.

Ma il presidente della Fed Jerome Powell, ha sottolineato l’indipendenza della banca centrale. Ha dichiarato che la Fed è “isolata” da quelli che ha definito “interessi politici a breve termine”. Tuttavia, la scorsa settimana la Fed ha suggerito che potrebbe prendere in considerazione la possibilità di tagliare i tassi di interesse quest’anno.

Oltre alle preoccupazioni per le relazioni tra Cina e Stati Uniti, le tensioni geopolitiche sono scaturite tra USA ed Iran. Specialmente in seguito alla decisione di Trump di ritirarsi da un accordo internazionale sul nucleare e reimporre le sanzioni. Le relazioni si sono deteriorate ulteriormente con Trump che minacciava Martedì di attaccare l’Iran in rappresaglia per qualsiasi sciopero di Teheran “su qualsiasi cosa americana”. Questo è avvenuto dopo che il presidente dell’Iran Hassan Rouhani ha messo in dubbio la competenza mentale del presidente degli Stati Uniti.

Infine, Mnuchin ha detto che la questione Iran ha fatto sì che le sanzioni stiano funzionando e che gli USA si siano preoccupati del “cattivo comportamento” dell’Iran. “Ciò significa che stanno lavorando se sono così preoccupati per queste sanzioni”.

Il segretario al Tesoro Usa Steven Mnuchin ha detto alla CNBC che USA e Cina sono quasi arrivati ​​ad un accordo commerciale ultima modifica: 2019-06-26T15:50:45+02:00 da Andrea M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.