Regione Umbria a sostegno delle imprese della regione La Regione Umbria ha attivato l’ultimo intervento previsto nel Programma delle Politiche Lavoro.
BENEFICIARI: I soggetti ammessi alla presentazione delle richieste di aiuto per le assunzioni sono le imprese e i loro consorzi, le associazioni, le fondazioni e i loro consorzi, le cooperative e i loro consorzi, i soggetti esercenti le libere professioni in forma individuale, associata o societaria, altri soggetti e organismi di natura privata che, sulla base della propria struttura e organizzazione e delle norme che le disciplinano, siano in grado di assumere senza dover ricorrere a procedure concorsuali o ad esse assimilabili per la selezione del personale a tempo indeterminato.
SOGGETTI DA ASSUMERE: giovani o adulti individuati dell’Avviso “Programma delle Politiche Lavoro 2016-2017 Pacchetto Giovani e Pacchetto Adulti che, a seguito dell’assegnazione della misura da parte dei Centri per l’Impiego, siano stati assegnatari di un voucher per la frequenza di corsi di formazione iscritti al Catalogo Unico Regionale degli Apprendimenti che portino, ai sensi del DM 30.06.2015, ad una qualificazione o ad una abilitazione professionale o ad una eventuale specializzazione post qualifica.
INTERVENTI AMMESSI: Gli aiuti all’assunzione riguardano l’attivazione di contratti di lavoro subordinato a) a tempo indeterminato (anche a scopo di somministrazione) ivi ricompresi, con riguardo al solo Pacchetto Giovani, i contratti di apprendistato; b) a tempo determinato (anche a scopo di somministrazione), di durata pari o superiore a 12 mesi.
DOMANDA: Le imprese interessate ad usufruire dell’incentivo potranno inoltrare la propria richiesta, successivamente all’assunzione dei soggetti e al superamento del periodo di prova previsto dal C.C.N.L. di riferimento.

UMBRIA “POST_VOUCHER_2018”

Nell’ambito del POR FSE UMBRIA 2014-2020 – Obiettivo: “Investimenti a favore della crescita e dell’occupazione”, la Regione Umbria – nell’Avviso “Programma delle Politiche Lavoro 2016-2017 Accesso alle misure previste mediante l’adesione e la presa in carico da parte dei Centri per l’impiego della Regione Umbria – Pacchetto Giovani e Pacchetto Adulti”, emanato con la D.D. n. 7329 del 05 agosto 2016 – prevede, nella parte 3 (Incentivi all’assunzione Pacchetto Giovani Pacchetto Adulti), il finanziamento di incentivi1 per le imprese che a ssumono i soggetti giovani o adulti che, a seguito dell’assegnazione della misura da parte dei Centri per l’Impiego, siano stati assegnatari di un voucher per la frequenza di corsi di formazione iscritti a Catalogo Unico Regionale degli Apprendimenti che portino, ai sensi del DM
30.06.2015, al conseguimento di una qualificazione o di abilitazione professionale oltre che eventuali specializzazioni post qualifica.

BENEFICIARI

I soggetti ammessi alla presentazione delle richieste d i aiuto p er l e a ssunzioni s ono l e i mprese2 o i soggetti ad esse assimilabili (così come definiti al successivo comma 2.) che assumono i soggetti giovani o adulti (così come individuati ai parr. 1.2 e 2.2 dell’Avviso “Programma delle Politiche Lavoro 2016-2017 – Accesso alle misure previste mediante l’adesione e la presa in carico da parte dei Centri per l’impiego della Regione Umbria – Pacchetto Giovani e P acchetto Adulti”, emanato con la D.D. n. 7329 del 05 agosto 2016) che, a seguito dell’assegnazione della misura da parte dei Centri per
l’Impiego, siano stati assegnatari di un voucher per la frequenza di corsi di formazione iscritti al Catalogo Unico Regionale degli Apprendimenti che portino, ai sensi del DM 30.06.2015, ad una qualificazione o ad una abilitazione professionale o ad una eventuale specializzazione post qualifica.

  • Possono accedere all’aiuto le imprese e i loro consorzi, le associazioni, le fondazioni e i loro consorzi, le cooperative e i loro consorzi, i soggetti esercenti le libere professioni in forma individuale, associata o societaria, altri soggetti e organismi di natura privata – di seguito per brevità definiti “impresa” – che, sulla base della propria struttura e organizzazione e delle norme che le disciplinano, siano in grado di assumere senza dover ricorrere a procedure concorsuali o ad esse assimilabili per la selezione del personale a tempo indeterminato.

REQUISITI

Ai fini dell’accesso agli aiuti all’assunzione, le imprese devono:

  • a) impegnarsi a rispettare quanto previsto dal presente Avviso;
  • b) essere in possesso di partita IVA/Codice fiscale e/o essere iscritti alla Camera di commercio;
  • c) avere la Sede legale o almeno una unità produttiva/operativa localizzata nel territorio regionale ed effettuare nelle stesse l’assunzione;
  • d) non avere effettuato nei sei mesi precedenti la presentazione della domanda di incentivo licenziamenti per giustificato motivo oggettivo, secondo la normativa vigente, che riguardino lo stesso profilo professionale di quello dei lavoratori interessati dalle assunzioni per le quali si richiede l’incentivo;
  • e) non avere in corso, all’atto della presentazione della domanda d’incentivo, procedure di Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria, ex D.Lgs. 14 settembre 2015, n. 148 e s.m.i., che riguardino lo stesso profilo professionale di quello dei lavoratori interessati dalle assunzioni per le quali si richiede l’incentivo;
  • f) non effettuare, dalla data di presentazione della domanda d’incentivo e fino a sei mesi successivi alla data di perfezionamento dell’assunzione incentivata, licenziamenti per giustificato motivo oggettivo, secondo la normativa vigente, che riguardino lo stesso profilo professionale di quello dei lavoratori interessati dalle assunzioni per le quali si richiede l’incentivo;
  • g) essere operative nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essendo sottoposte a procedure concorsuali anche volontarie né ad amministrazione controllata né sottoposte ad accordi stragiudiziali né a piani asseverati ex art. 67 Legge Fallimentare;
  • h) non trovarsi, per quanto applicabile, in una delle situazioni previste dall’articolo 80 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 “Attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull’aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d’appalto degli enti erogatori nei settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture” e s.m.i.;
  • i) possedere una situazione di regolarità contributiva e di regolarità fiscale;
  • j) aver restituito le agevolazioni pubbliche godute per le quali è stata già disposta la restituzione;
  • k) operare nel pieno rispetto delle vigenti norme sulla sicurezza e tutela della salute nei luoghi di lavoro e con gli adempimenti degli obblighi occupazionali stabiliti dalla Legge 12 marzo 1999, n. 68 “Norme per il diritto al lavoro dei disabili” e s.m.i.;
  • l) conoscere la normativa comunitaria, nazionale e regionale che regola la gestione del Fondo Sociale Europeo e rendere la relativa dichiarazione;
  • m) rispettare la regola del “de minimis” e rendere la relativa dichiarazione;
  • n) accettare il sistema dei controlli, come previsto dalla normativa comunitaria, nazionale e regionale;

TIPOLOGIA E CARATTERISTICHE DELL’INTERVENTO

Gli aiuti all’assunzione riguardano l’attivazione di contratti di lavoro subordinato:

  • a) a tempo indeterminato (anche a scopo di somministrazione) ivi ricompresi, con riguardo al solo Pacchetto Giovani, i contratti di apprendistato;
  • b) a tempo determinato (anche a scopo di somministrazione), di durata pari o superiore a 12 mesi.

GLI AIUTI ALL’ASSUNZIONE DI CUI AL COMMA 1. SONO DEFINITI COME SEGUE:

a) per il Pacchetto Giovani, sulla base della profilatura del giovane effettuata dai CPI

b1) si specifica che, ai fini della definizione della classe di appartenenza dell’adulto, l’età anagrafica del soggetto assunto presa in considerazione è quella relativa al giorno della stipula del Patto di Servizio Personalizzato con il CPI ex art.20 D.Lgs. 14 settembre 2015, n. 150.

b2) per l’individuazione della classe di appartenenza dell’adulto le imprese possono rivolgersi al Centro per l’impiego ove questi è iscritto.

CONDIZIONI

 

L’ ASSUNZIONE DEVE ESSERE EFFETTUATA NEL RISPETTO DELLE SEGUENTI CONDIZIONI:

  • a) deve avvenire nella sede legale/sede operativa ricadente nel territorio della regione Umbria al momento della domanda di aiuto.
  • b) deve essere la prima assunzione dell’assegnatario del voucher, in ordine temporale, dalla conclusione del percorso formativo;
  • c) deve avvenire:
    – c.1) per gli assegnatari di un voucher per la frequenza di corsi di formazione non ancora conclusi alla data di pubblicazione del presente atto nel Bollettino Ufficiale della Regione Umbria (BURU), entro e non oltre sei mesi dalla conclusione del percorso formativo;
    – c.2) per gli assegnatari di un voucher per la frequenza di corsi di formazione già conclusi alla data della pubblicazione del presente atto nel Bollettino Ufficiale della Regione Umbria (BURU), entro e non oltre trenta giorni da tale data se non già avvenuta entro sei mesi dalla conclusione del percorso formativo;

PRESUPPOSTI PER LA CONCESSIONE E PER L’EROGAZIONE DELL’AIUTO

L’aiuto è concesso alle imprese che, all’atto della presentazione della richiesta di incentivo, abbiano già assunto il lavoratore – entro i termini fissati all’art.4 del presente avviso – presso l’unità produttiva ricadente nel territorio della regione Umbria e successivamente al superamento del periodo di prova qualora previsto dal C.C.N.L. di riferimento.

  • In caso di contratto di somministrazione, le imprese utilizzatrici potranno presentare la richiesta di aiuto solo successivamente all’assunzione effettuata dall’Agenzia di somministrazione di lavoro ed alla stipula del contratto commerciale tra Agenzia e azienda utilizzatrice e successivamente all’invio, da parte del datore di lavoro, della comunicazione obbligatoria di inizio missione del lavoratore. L’inizio missione deve avvenire entro gli stessi termini fissati dall’art.4 del presente Avviso per le assunzioni.

L’incentivo è concesso per l’intero importo, purché il relativo contratto di lavoro preveda un orario settimanale pari o superiore al 75% dell’orario settimanale stabilito come ordinario dal CCNL di riferimento.

  • In caso d i assunzione con contratto p art-time che preveda un orario settimanale inferiore al 75% dell’orario settimanale stabilito come ordinario dal CCNL di riferimento, l’incentivo verrà proporzionalmente ridotto.
    In ogni caso, per poter usufruire dell’incentivo, il part-time non potrà essere inferiore al 50% dell’orario contrattuale previsto dal CCNL.

Nel caso di assunzione part-time per le ore dal 50% al 75% l’incentivo sarà riparametrato rispetto alle ore di lavoro indicate nel singolo contratto.

L’aiuto verrà erogato tramite liquidazione posticipata, in un’unica soluzione:

APPROFONDIMENTO

  • BANDO INTEGRALE

Di Deborah