Intesa Sanpaolo e altre 3 big italiane sottoposte all’esame congiunto Eba-Bce hanno registrato esiti positivi

Deutsche Bank e Santander bocciate agli stress test Unicredit, Intesa SanPaolo, Ubi e Bpm hanno superato gli stress test condotti dall’Autorità bancaria europea (Eba). Unicredit ha passato l’esame con un capitale al 9,34% in caso di scenario avverso nel 2020, Intesa SanPaolo con un capitale al 10,40%, Unione banche italiane invece all’8,32% mentre Banco popolare di Milano all’8,47%.

I risultati sono in linea con la media Ue

Gli stress test condotti da Bce con l’Eba mettono alla prova la tenuta dei bilanci delle banche in due scenari, uno normale e uno avverso nel triennio al 2018-2020. Quello avverso, considerato il più severo di sempre, prevede per l’Italia un calo del Pil cumulato del 2,7%. Contestate dagli istituti per la loro scarsa sofisticazione, le prove sono statiche poiché si basano sulla fotografia dei bilanci scattata il primo gennaio 2018. Non considerano quindi le operazioni di pulizia degli attivi varate nel corso di quest’anno (si pensi, oltre a BancoBpm, al caso della maxi-cessione dei circa 10,8 miliardi di deteriorati di Intesa Sanpaolo a Intrum) mentre contemplano ai fini patrimoniali i maxi-accantonamenti varati con l’introduzione dell’Ifrs9.

Subito dopo i risultati il ministro del Tesoro, Giovanni Tria, ha espresso soddisfazione. Mentre la Banca d’Italia in un comunicato ha affermato che i test “nel complesso” hanno visto le banche Ue mostrare “una buona capacità di tenuta a fronte delle condizioni di stress ipotizzate nello scenario avverso”. “Per le quattro banche italiane incluse la riduzione media ponderata del Cet1 ratio nello scenario avverso è pari a 3,9 punti percentuali su base fully loaded, un risultato – rileva l’istituzione – in linea con quello medio del complesso delle banche incluse nel campione e con la media totale Eba”.

Intesa Sanpaolo e altre 3 big italiane sottoposte all’esame congiunto Eba-Bce hanno registrato esiti positivi ultima modifica: 2018-11-03T16:12:38+00:00 da Andrea M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.