L’ Agenzia delle Entrate ha pubblicato una circolare per i contribuenti che intendono beneficiare delle varie sanatorie
L' Agenzia delle Entrate illustra tutte le possibilità e le modalità per usufruire delle norme agevolative per la accedere alla tregua fiscale.
prestazione occasionale

Ancora nessun commento

L’ Agenzia delle Entrate illustra tutte le possibilità e le modalità per usufruire delle norme agevolative per la accedere alla tregua fiscale.
    Sei le norme agevolative illustrate nel documento. Si parte dalla regolarizzazione delle irregolarità formali relative a imposte sui redditi, Iva e Irap commesse fino al 31 ottobre 2022: per regolarizzarle occorre versare 200 euro per ciascun periodo d’imposta cui si riferiscono le violazioniil versamento va fatto in due rate di pari importo, la prima entro il 31 marzo 2023 e la seconda entro il 31 marzo 2024.

Col “ravvedimento speciale”, che consente di regolarizzare le violazioni relative a dichiarazioni relative al periodo d’imposta 2021 e precedenti, il contribuente può versare un importo pari a un diciottesimo del minimo edittale delle sanzioni previsto dalla legge, oltre all’imposta e agli interessi: entro il 31 marzo 2023 va effettuato il pagamento dell’intero importo oppure della prima rata nel caso di pagamento rateale; sempre entro il 31 marzo andranno rimosse le irregolarità e le omissioni oggetto del ravvedimento. 
    L’adesione e definizione agevolata degli atti del procedimento di accertamento, consente di definire gli accertamenti con adesione relativi a processi verbali di constatazione consegnati entro il 31 marzo 2023, ma anche avvisi ancora impugnabili e quelli notificati successivamente, ma entro il 31 marzo 2023; e gli avvisi di accertamento, gli avvisi di rettifica e di liquidazione e gli atti di recupero, qualora siano ancora impugnabili o notificati dall’Agenzia fino al 31 marzo 2023. 
    C’è poi la procedura per regolarizzare gli omessi pagamenti di rate dovute a seguito di acquiescenza, accertamento con adesione, reclamo o mediazione e conciliazione giudiziale: versamento integrale della sola imposta. Spazio inoltre alle indicazioni sulle misure in materia di contenzioso pendente. 
    Il documento contiene infine indicazioni sulla cancellazione dei debiti minori fino a 1.000 euro affidati all’Agente della riscossione dal 2000 al 2015 e sulla definizione agevolata dei carichi affidati dal primo gennaio 2000 al 30 giugno 2022. 

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI

Le destinazioni di mare più economiche in Italia: dove andare questa estate

L’estate 2024 si presenta con rincari significativi che interessano tutte le componenti delle vacanze estive degli italiani, dai trasporti alle strutture ricettive, fino ai servizi balneari e alla ristorazione. Un’indagine congiunta di Assoutenti e del Centro di formazione e ricerca sui consumi (C.r.c.) ha evidenziato che andare in vacanza quest’anno costerà mediamente tra il 15%…

Leggi »

Toti rimane ai domiciliari, Cozzani libero a delle condizioni

Il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, continuerà a scontare gli arresti domiciliari. La decisione è stata presa dalla giudice per le indagini preliminari Paola Faggioni, che ha respinto la richiesta di revoca presentata dall’avvocato Stefano Savi. Filippo Cozzani, imprenditore e fratello dell’ex capo di gabinetto della Regione Liguria, ha invece visto la revoca degli…

Leggi »

Mutui, scendono i tassi. Tutte le cifre

Il tasso medio dei mutui di nuova emissione per l’acquisto di abitazioni è sceso al 3,61% a maggio, rispetto al 3,67% di aprile e al 4,42% dello scorso dicembre. Questo è quanto emerge dal rapporto mensile dell’Associazione Bancaria Italiana (Abi), che rileva anche una diminuzione del tasso medio sui nuovi finanziamenti alle imprese, passato al…

Leggi »