L’ISVAP incontra le associazioni dei consumatori e discute sulla conversione in legge del decreto Sviluppo bis

Articolo del

L’ISVAP ha incontrato lunedì le associazioni dei consumatori. Al centro dell’incontro sono state le nuove misure a favore della concorrenza e della tutela del consumatore introdotte dal decreto legge “Sviluppo bis”. Erano presenti  i rappresentanti di Adiconsum, Altroconsumo, Assoutenti, Federconsumatori e Movimento  Consumatori.

L’Autorità e le Associazioni hanno sottolineato l’importanza che in sede di conversione in  legge del decreto siano salvaguardate le finalità pro concorrenziali e di tutela del  consumatore che hanno ispirato il legislatore.

Nell’incontro si è discusso in particolare di alcune misure di particolare interesse per gli  assicurati:

–   la previsione di un “contratto base” r.c.auto contenente le clausole minime che permetta al consumatore di sottoscrivere la polizza confrontando i prezzi offerti a parità di condizioni contrattuali; nella definizione dei contenuti appare opportuno il coinvolgimento anche delle Associazioni dei consumatori;

–  con riguardo alla eliminazione del “tacito rinnovo” nelle polizze r.c.auto, l’importanza che le imprese informino con chiarezza i consumatori sulla permanenza o meno della copertura nei 15 giorni successivi alla scadenza della polizza, e comunque di ricercare soluzioni contrattuali favorevoli al consumatore che evitino situazioni di scopertura assicurativa;

–          i sistemi di home-insurance sul web, per consentire al consumatore di consultare la  propria posizione assicurativa e di effettuare rinnovi e pagamenti;

–   sul nuovo termine decennale di prescrizione dei contratti, la necessità di soluzioni che consentano di far beneficiare delle nuove disposizioni più favorevoli ai consumatori anche i beneficiari di polizze vita già prescritte  e confluite nel “Fondo polizze dormienti” gestito dalla CONSAP, così come già avviene per i titolari dei “conti correnti dormienti” che possono richiedere il rimborso delle somme devolute al Fondo.

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI