L’offerta di fusione della Fiat Chrysler Automobiles per la Renault che è stata abbandonata a giugno non sembra poter essere ripresa

fcaFiat Chrysler Automobiles ha ritirato la sua offerta di 35 miliardi di dollari per la Renault dopo aver incolpato la politica francese per aver fatto deragliare i colloqui. Lo stato francese, che detiene una partecipazione del 15 per cento in Renault, aveva accolto con favore il piano, ma aveva spinto per garanzie e concessioni che hanno esaurito la pazienza di FCA.

Nei mesi successivi all’abbandono dell’accordo, i due gruppi avevano esaminato i modi per rilanciare le trattative potenzialmente. “Oggi la questione è alle nostre spalle”, ha dichiarato Senard martedì al senato francese, facendo eco a simili osservazioni del CEO della Renault, Thierry Bollore, all’inizio di settembre. Se il progetto con FCA “dovesse tornare in condizioni accettabili per tutti, sarei felice”, ha detto Senard, aggiungendo che al momento non c’è nulla “sul tavolo”.

Il progetto interrotto, che avrebbe creato la terza casa automobilistica più grande del mondo, aveva causato ulteriori problemi alla Renault in un momento di relazioni già tese con il suo partner di alleanza Nissan. Le compagnie sono state scosse lo scorso anno dall’arresto in Giappone dell’architetto dell’alleanza Carlos Ghosn. Ora è in attesa di processo lì per accuse di cattiva condotta finanziaria, che nega, legate al suo ruolo di presidente della Nissan.

Senard ha affermato che l’alleanza Renault-Nissan era “fondamentale”. Renault sta cercando di rimodellare la sua partnership con Nissan. Le società erano vicine a un accordo sul riequilibrio della loro struttura azionaria incrociata in agosto, secondo il quotidiano Yomiuri la scorsa settimana, senza dire da dove venissero ottenute le informazioni. La partnership di due decenni è stata messa a dura prova per anni, con Nissan che cerca di ridurre l’influenza della casa automobilistica francese. Nissan possiede il 15 percento della Renault, senza diritto di voto, mentre la Renault detiene il 43 percento della società giapponese con voti.

All’inizio di questo mese, il CEO di Nissan Hiroto Saikawa si è dimesso in seguito alle notizie sulla sua retribuzione. Una sostituzione dovrebbe arrivare entro la fine di ottobre. Le case automobilistiche sono sotto pressione poiché le vendite vacillano sull’indebolimento della domanda in mercati come Cina e India. Sono anche alle prese con regole più rigorose sulle emissioni e stanno correndo per cercare di produrre modelli auto più costosi e puliti, aggiungendo pressioni che potrebbero rendere desiderabili alleanze o fusioni. Un legame tra Renault e Fiat Chrysler avrebbe contribuito a dare all’alleanza con Nissan una dimensione più globale, ha detto Senard. Ha affermato che sarebbe necessario un maggiore consolidamento nel settore automobilistico in Europa per contrastare la concorrenza cinese.

L’offerta di fusione della Fiat Chrysler Automobiles per la Renault che è stata abbandonata a giugno non sembra poter essere ripresa ultima modifica: 2019-09-25T12:40:34+02:00 da Andrea M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.