Maire Tecnimont chiude il semestre con utile netto a  40 milioni di euro
Il Consiglio di Amministrazione di Maire Tecnimont, riunitosi nella giornata di ieri, ha esaminato e approvato la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2022 che chiude con utile netto consolidato di 40 milioni di euro
bernini tecnimont

Articolo del

Il Consiglio di Amministrazione di Maire Tecnimont, riunitosi nella giornata di ieri, ha esaminato e approvato la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2022 che chiude con utile netto consolidato di 40 milioni di euro.  I Ricavi del Gruppo Maire Tecnimont ammontano a €1.615,4 milioni, in aumento del 21,7%. I maggiori volumi realizzati riflettono l’attesa evoluzione dei progetti presenti nel rilevante portafoglio ordini, grazie sia alla progressione verso fasi di lavorazione in grado di esprimere maggiori volumi per i progetti già in esecuzione che all’avvio dei progetti recentemente acquisiti.

Il Margine di Business è pari a €137,8 milioni, in aumento del 10,1%, ed esprime una marginalità pari all’8,5%. I costi generali e amministrativi sono pari a €36,4 milioni, in diminuzione dell’11,3% a seguito di un ulteriore efficientamento della struttura, con un’incidenza sui ricavi del 2,3% rispetto al 3,1%. L’EBITDA, pari a €97,4 milioni, in aumento del 21,8% a seguito dei maggiori volumi consuntivati ed un contenimento dei costi di struttura. Il margine è pari al 6,0% in linea con il periodo precedente. La voce ammortamenti, svalutazioni e accantonamenti ammonta a €25,7 milioni, in aumento a seguito dell’entrata in ammortamento di nuovi asset funzionali al processo di digitalizzazione dei processi industriali e per maggiori accantonamenti su crediti, in conseguenza della crisi russo-ucraina che ha inciso sui rating di alcuni clienti.

Il Risultato Operativo (EBIT) è pari a €71,7 milioni, in aumento del 20,7% con una marginalità del 4,4%. Il Risultato netto della gestione finanziaria esprime oneri netti per €13,7 milioni rispetto a €6,1 milioni. Il dato del primo semestre 2022 incorpora il contributo negativo della valutazione netta di strumenti derivati per €0,8 milioni, che, invece, incidevano positivamente per €6,8 milioni nell’esercizio precedente, facendo quindi registrare una variazione negativa di circa €7,6 milioni. La situazione a fine giugno 2022 ha risentito dello sfavorevole andamento dei tassi di cambio e dei valori azionari per le tensioni sui mercati a seguito della crisi russo- ucraina. La gestione finanziaria pura, depurata dagli effetti sopra menzionati al 30 giugno 2022, registra un leggero incremento degli oneri finanziari netti rispetto all’esercizio precedente a seguito degli interessi riconosciuti su un indebitamento lordo superiore, parzialmente compensati da maggiori interessi attivi grazie ad una liquidità più elevata.

L’Utile ante imposte è pari a €58,0 milioni a fronte del quale sono state stimate imposte per un ammontare pari a €17,4 milioni. Il Tax Rate è pari al 30,0%, in miglioramento di 120bps tenuto conto delle diverse geografie in cui è svolta l’attività operativa del Gruppo. L’Utile Netto Consolidato è pari a €40,6 milioni, in aumento del 10,7%, a seguito di quanto sopra descritto. L’Utile Netto di Gruppo è pari a €42,2 milioni, in aumento del 5,5%.

La Posizione Finanziaria al 30 giugno 2022 (al netto delle componenti già indicate nella nota alla relativa tabella a pagina 2) mostra Disponibilità Nette per €44,1 milioni, in miglioramento di €35,2 milioni rispetto al 31 dicembre 2021, grazie alla generazione di cassa operativa dei progetti in portafoglio per €149,0 milioni, e tenuto conto del pagamento del dividendo dell’esercizio 2021 di €60,1 milioni e delle variazioni negative del mark to market degli strumenti derivati per €72,1 milioni. Quest’ultima variazione negativa è essenzialmente una conseguenza dell’andamento dei tassi di cambio, principalmente del Dollaro rispetto all’Euro nel corso del primo semestre 2022, per la situazione creatasi sui mercati valutari a seguito delle tensioni internazionali della crisi russo-ucraina. Al mark to market negativo che ha inciso negativamente andranno contrapposti flussi finanziari operativi futuri in entrata per pari importo.

Il Patrimonio Netto Consolidato ammonta a €467,9 milioni, in diminuzione di €59,5 milioni rispetto al 31 dicembre 2021. Nonostante il risultato consolidato positivo del periodo per €40,6 milioni e della variazione positiva della riserva di traduzione dei bilanci in valuta per €37,5 milioni, il dato risente principalmente delle variazioni negative della riserva di Cash Flow Hedge per €80,0 milioni e del pagamento del dividendo dell’esercizio 2021 di €60,1 milioni.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

ALTRI
articOLI