Oltre un miliardo di euro di credito d’imposta rivolto alle aziende che innovano

credito al consumoÈ stato approvato in via definitiva il testo della nuova Legge di Bilancio 2020 e del Decreto Fiscale collegato, che entreranno in vigore il 1 gennaio. Il valore della Manovra si aggira intorno ai 29-30 miliardi sostenuti anche da tagli a spesa e sconti fiscali (3.5 miliardi complessivi). Deficit al 2.2 per cento nel 2020, crescita a più 0.6 per cento, debito al 135.2 per cento. Tante le novità importanti.

Tassa sulla plastica e sullo zucchero

La plastic tax è stata rinviata di tre mesi e partirà da luglio 2020. Prevede un costo aggiuntivo di 45 centesimi al chilo anziché di 1 euro. Si applicherà su tutti gli imballaggi monouso tranne quelli compostabili e biodegradabili. Esclusi inoltre i dispositivi medici e imballaggi per medicinali. La sugar tax invece si applicherà solo alle bevande zuccherate con un aggravio di 10 euro ogni 100 litri. Partirà dal 1 ottobre 2020.

Tassa auto aziendali

La tassa sulle auto aziendali è stata posticipata a luglio 2020 per i nuovi contratti. Il Governo ha messo a punto quattro fasce di tassazione che colpiranno maggiormente i veicoli più inquinanti. La modulazione della percentuale di tassazione sarà in funzione delle emissioni di CO2. È stato dunque azzerato il gettito previsto per il 2020 ma ci sarà una riduzione dell’imponibile fiscale sulle auto promiscue affidate ai dipendenti. Per le coperture il Governo aumenterà le accise sui carburanti a partire dal 2021.

Tassa sulla fortuna

Prelievo del 20 per cento sulle vincite al gioco superiori a 500 euro da marzo 2020. La tassa riguarda anche le vincite alle lotterie istantanee come i Gratta e Vinci.

Green new deal

Tra le priorità del Governo spiccano le misure a favore dell’ambiente con l’istituzione di un fondo per ridurre l’emissione di gas a effetto serra negli anni 2020-2023. Previsto il bonus rottamazione da 1500 euro per chi rottama un mezzo fino a Euro3 per le auto ed Euro2 per le moto.

Blocco Iva

Sterilizzate le clausole di salvaguardia per l’anno 2020 ma solo parzialmente dal 2021. L’Iva potrebbe aumentare quindi, per gli anni successi, dal 10 al 12 per cento e dal 22 al 25 per cento.

Taglio cuneo fiscale

Si tratta di un “bonus Renzi” più esteso, ossia 500 euro in più nel 2020 e 1000 nel 2021 per i lavoratori con redditi da 26 mila a 35 mila euro e partirà da luglio 2020. Mentre per gli altri lavoratori con redditi tra gli 8000 e i 26 mila euro, che già percepivano il bonus, è previsto un ulteriore incremento di circa 40-50 euro annui.

Pagamenti elettronici

Incentivi economici per chi usa strumenti per pagamenti elettronici tracciabili, attraverso la riduzione dei costi per le transazioni.

Fondi per la famiglia

Istituzione di un fondo a sostegno delle famiglie che potrà essere ampliato negli anni successivi al 2020 per finanziare il progetto dell’”assegno unico universale”. Al momento è previsto un “bonus latte artificiale” fino a 400 euro per 6 mesi per le mamme che non possono allattare. La “Carta bimbi” da 400 euro per acquistare servizi per l’infanzia come asilo nido, baby sitter, ecc. Il “Bonus Bebè” che prevede il potenziamento dell’assegno di natalità Inps (il bonus sarà da 80 euro fino a 160 euro per 12 mesi in relazione all’ISEE, destinato a tutti i nuovi nati da gennaio 2020 a prescindere dal reddito familiare). Il congedo paternità, che sarà rifinanziato ed esteso fino a 7 giorni. La proroga del “bonus mamma domani”, ossia il premio alla nascita di 800 euro riservato alle neo mamme in gravidanza. Viene inoltre istituito un fondo per la disabilità e la non autosufficienza.

Sanità

Incremento delle risorse destinate all’edilizia sanitaria e ammodernamento tecnologico di strutture pubbliche. Prevista anche l’abolizione del super ticket, ovvero i 10 euro sulle visite specialistiche ed esami di laboratorio. E per i medici specialisti ci sono 1.200 borse di specializzazione in più.

Industria 4.0

Investimenti di oltre un miliardo di euro di credito d’imposta rivolto alle aziende che innovano.

Risorse per i Comuni

Contributi ai Comuni per progetti di riqualificazione urbana e investimenti per infrastrutture e opere pubbliche per la messa in sicurezza degli edifici, strade, ponti e viadotti.

Oltre un miliardo di euro di credito d’imposta rivolto alle aziende che innovano ultima modifica: 2019-12-17T16:23:18+01:00 da Deborah

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.