Peugeot ha svelato le novità di quest’anno
Peugeot punta a conquistare il primo posto nella classifica delle immatricolazioni di auto elettriche in Europa.
Peugeot

Articolo del

Peugeot punta a conquistare il primo posto nella classifica delle immatricolazioni di auto elettriche in Europa.

ELETTRICHE IN EUROPA – La casa francese già oggi ha sette modelli elettrici: le multispazio e-Rifter ed e-Traveller si aggiungono alla piccola e-208, alla e-308 nelle versioni berlina e wagon e alle crossover e-2008 ed e-3008. Senza dimenticare i tre veicoli commerciali E-Partner, E-Expert e E-Boxer. Entro il 2024 vedremo poi nelle concessionarie anche la e-408, variante a “pile” della Peugeot 408 e la e-5008, la “sorella maggiore” della e-3008.

NO ALLE “CITYCAR” A BATTERIA – Linda Jackson, il “numero uno” della casa, ha poi dichiarato che non ci saranno modelli elettrici più economici della e-208. “La soluzione non è fare auto a batteria più piccole, ma creare soluzioni finanziarie che rendano il prodotto più accessibile”. In questo si è ricollegata all’esempio francese, dove l’utilitaria a batterie fa parte del piano di leasing del governo transalpino (a partire da 99 euro al mese) e non mancano proposte personalizzate con rate che si adattano al chilometraggio percorso. Quest’ultima formula potrebbe arrivare anche da noi.

LUNGA COPERTURA – Per la nuova Peugeot e-3008 è stato lanciato il programma Allure Care: una garanzia fino a otto anni o 160.000 km (si attiva automaticamente per 2 anni o 25.000 km dopo ogni intervento di manutenzione effettuato presso la rete ufficiale). Tra le altre novità in arrivo nel 2024, c’è poi l’introduzione di ChatGPT su tutta la gamma: il più noto modello di intelligenza artificiale sarà integrato nel cruscotto e si potrà attivare attraverso l’assistente vocale OK Peugeot.

SOSTENIBILITÀ – Altro argomento “caldo”, è quello le rispetto ambientale. Al proposito, si è ribadito come la nuovissima e-3008, per esempio, sia composta per il 23% da materiali riciclati. E il gruppo Stellantis ha siglato due accordi lo scorso anno da Stellantis per garantire il riciclo dei veicoli a fine vita in Europa: uno con la francese Orano, per il recupero dei materiali dalle batterie agli ioni di litio e l’altro con la belga Galloo (leader europeo nel riciclo). Quest’ultima joint-venture – chiamata Sustainera Valorauto – offre una soluzione completa che include lo smantellamento dei veicoli, il recupero, il ricondizionamento e la commercializzazione di parti vitali, nonché il riciclo dei materiali.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI