Pmi manifatturiero in Cina ai massimi da due anni
L’Asia apre bene la settimana e il mese di giugno.
cina-1.jpg

Ancora nessun commento

L’Asia apre bene la settimana e il mese di giugno.

I mercati sono trainati dal report sull’inflazione Pce core negli Stati Uniti calata ad aprile e dal Pmi manifatturiero in Cina, ai massimi da due anni. Nel frattempo, gli Stati Uniti hanno avvertito che, insieme agli alleati, potrebbero adottare misure contro le società e le banche cinesi a causa del sostegno di Pechino alla guerra della Russia contro l’Ucraina.

Cina, Pmi manifatturiero ai massimi da due anni

L’indice Caixin China General Manufacturing Pmi (un indice privato elaborato da Caixin) è ai massimi da 23 mesi di 51,7 a maggio 2024 da 51,4 di aprile, al di sopra delle previsioni di 51,5. È stato il quarto mese di crescita dell’attività industriale, con la produzione in aumento da giugno 2022, mentre i nuovi ordini e le vendite all’estero hanno guadagnato ulteriormente. Inoltre, il sentiment sulle prospettive economiche è migliorato.

L’Opec+ estende i tagli all’estrazione di petrolio

Lunedì i future del greggio WTti hanno oscillato intorno ai 77 dollari al barile, alla ricerca di una direzione chiara che l’Opec+ ha concordato nel fine settimana di estendere i tagli alla produzione fino al 2025. Gli accordi prevedono una riduzione di 3,66 milioni di barili al giorno che sarebbero dovuti scadere alla fine del 2024. Il cartello ha prorogato anche un’altra serie di tagli per un totale di 2,2 milioni di barili giornalieri fino alla fine del terzo trimestre di quest’anno.

Nel frattempo, otto paesi dell’Opec+ hanno indicato l’intenzione di eliminare gradualmente i 2,2 milioni di barili aggiuntivi di tagli giornalieri nel corso di un anno da ottobre 2024 a settembre 2025. Il mese scorso, i prezzi del petrolio hanno perso circa il 6% a causa delle incertezze sul lato della domanda che hanno pesato sul mercato. I valori sono stati recentemente messi sotto pressione dai timori che la Federal Reserve prolungherà il periodo di tassi di interesse elevati, rallentando potenzialmente la crescita economica e riducendo la domanda di petrolio. 

Gli Usa avvertono che potrebbero agire contro società e banche cinesi per il sostegno alla Russia

Stati Uniti e alleati potrebbero adottare misure contro le società e le istituzioni finanziarie cinesi per il sostegno di Pechino alla guerra russa contro l’Ucraina, secondo quanto ha detto venerdì il governo americano. L’amministrazione Biden ha intensificato gli avvertimenti sul sostegno della Cina a Mosca e ha emesso un ordine esecutivo a dicembre che minacciava misure contro le banche che aiutano la Russia a evitare le sanzioni occidentali. «Penso che ci concentreremo soprattutto sulle aziende cinesi che sono state coinvolte in modo sistematico nel sostenere la Russia», ha spiegato il vice segretario di Stato americano Kurt Campbell alla stampa.

«Abbiamo anche esaminato attentamente le istituzioni finanziarie». Il secondo funzionario del Dipartimento di Stato ha parlato all’inizio di un incontro con i vice ministri degli Esteri di Giappone e Corea del Sud, Masataka Okano e Kim Hyong Kyun. I tre alleati hanno intensificato la cooperazione di fronte alle preoccupazioni condivise sulla guerra di Cina, Corea del Nord e Russia in Ucraina. 

All’inizio della scorsa settimana, Campbell ha spiegato che è necessario che i paesi europei e della Nato inviino un messaggio di preoccupazione alla Cina. «Passi saranno intrapresi non solo dagli Stati Uniti, ma anche da altri paesi, che segnalano il nostro profondo dispiacere per ciò che la Cina sta cercando di fare nelle sue relazioni con la Russia sul campo di battaglia in Ucraina», ha detto Cambell venerdì. 

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI

Assicura la precisione dei tuoi bilanci con Caesar Traduzioni

QuiFinanza Redazione QuiFinanza, il canale verticale di Italiaonline dedicato al mondo dell’economia e della finanza: il sito di riferimento e di approfondimento per risparmiatori, professionisti e PMI. Quando si tratta di traduzione dei bilanci e di documenti aziendali, precisione e affidabilità sono essenziali e indispensabili. La necessità di comunicare con partner stranieri, di partecipare a…

Leggi »

In arrivo le graduatorie per il bonus psicologo: come mettersi in regola

Il bonus psicologo è un importante contributo introdotto dal Ministero della Salute nel novembre 2023 per sostenere le spese di psicoterapia. Questa iniziativa, finanziata con fondi appositi stanziati nel 2023, mira a facilitare l’accesso alle cure psicologiche per i cittadini in difficoltà economica. La risposta è stata davvero notevole, con oltre 400.505 richieste presentate entro…

Leggi »

Mutui in calo grazie allo spread? Cosa succede ora a chi ha il tasso variabile

Nell’odierna dinamica dei mercati finanziari, l’andamento positivo della Borsa italiana si accompagna a una stabilità dello spread tra i titoli di Stato italiani (Btp) e quelli tedeschi (Bund). Questo scenario, delineato dall’apertura dei mercati telematici, riveste particolare interesse per gli investitori e per coloro che hanno in corso mutui o stanno valutando l’opportunità di sottoscriverne…

Leggi »