Prorogata la scadenza per le agevolazioni per la costituzione di imprese in Umbria
Regione Umbria a sostegno delle imprese della regione

Ancora nessun commento

FINALITÀ: agevolare la costituzione e l’avvio di imprese promosse da giovani, volte alla produzione di beni e alla fornitura di servizi, compreso il commercio e i servizi alla persona, purché comunque riferibili all’esercizio di un’attività
imprenditoriale.
BENEFICIARI: Possono presentare la domanda di accesso alle agevolazioni le imprese, quali le società commerciali e le società cooperative e le imprese individuali, volte alla produzione di beni e alla fornitura di servizi, compreso il commercio e i servizi alla persona.
UBICAZIONE DELLE IMPRESE: le imprese devono avere sede legale, amministrativa ed operativa nel territorio della Regione Umbria.
REQUISITI: le imprese devono  possedere i seguenti requisiti amministrativi: a) i titolari delle imprese individuali devono avere un’età compresa tra i 18 e 35 anni e non essere dipendenti pubblici; b) per le società, i soci di età compresa fra i 18 e i 35 anni devono: 1) rappresentare numericamente almeno il 50% del totale dei soci; 2) essere titolari di quote o di azioni per almeno il 50% del capitale sociale;  3) avere residenza nel territorio della Regione Umbria; 4) non essere dipendenti pubblici.
DONNE:  per le donne che intendono reinserirsi nel mercato del lavoro è previsto un innalzamento del limite massimo di età fino a 41 anni non compiuti.
AGEVOLAZIONI: Le agevolazioni consistono in: A) contributi in conto esercizio fino a 18.300 euro. B) misure tese ad agevolare l’investimento: per acquisto di macchinari, attrezzature, brevetti, licenze, marchi, impianti e ristrutturazione di fabbricati strumentali alle attività di impresa per investimenti fino a 130.000 euro con finanziamento agevolato.
DOMANDE: entro e non oltre il 31 gennaio 2018

Legge regionale 23 marzo 1995, n. 12 “Agevolazioni per favorire l’occupazione giovanile con il sostegno di nuove iniziative imprenditoriali” e s.m.i..

L’ avviso è emanato nel rispetto della legge regionale 23 marzo 1995, n. 12 “Agevolazioni per favorire l’occupazione giovanile con il sostegno di nuove iniziative imprenditoriali” e s.m.i. e dispone le modalità di concessione dei benefici di cui all’art. 4 della legge.

FINALITA’

Agevolare la costituzione e l’avvio di imprese promosse da giovani, volte alla produzione di beni e alla fornitura di servizi, compreso il commercio e i servizi alla persona, purché comunque riferibili all’esercizio di un’attività
imprenditoriale.

RISORSE

Le risorse stanziate ammontano ad Euro 700.000,00.

All’ambito territoriale della Provincia di Perugia sono assegnate risorse pari ad Euro 420.000,00 e all’ambito territoriale della Provincia di Terni sono assegnate risorse pari ad Euro 280.000,00.

Le stesse risorse potranno essere incrementate con ulteriori assegnazioni disposte dalla Giunta Regionale.

BENEFICIARI

Possono presentare la domanda di accesso alle agevolazioni le imprese, quali le società commerciali contemplate nel primo e secondo comma dell’art. 2249 del C.C. e le società cooperative di cui agli artt. 2511 e segg. C.C. e le imprese individuali, volte alla produzione di beni e alla fornitura di servizi, compreso il commercio e i servizi alla persona.

ESCLUSIONI

  • Restano escluse le imprese nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli, della pesca e dell’acquacoltura nel rispetto di quanto disposto dall’art. 1 comma 1 del Regolamento (UE) della Commissione del 18 dicembre 2013, n. 1407 relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’unione europea agli aiuti “de minimis” .
  • Sono escluse inoltre le società costituite per l’esercizio di attività professionali, ricomprese in ordini professionali, albi, elenchi o registri speciali, come previsto dall’art. 2, comma 1 della l.r. 12/95.

IMPRESE GIA’ COSTITUITE

Possono presentare domanda solo ed esclusivamente le imprese giuridicamente costituite.

La data di costituzione delle imprese non può essere anteriore di 365 giorni alla data di presentazione della domanda.

Tale data deve intendersi:

  • a) per le imprese individuali, la data di rilascio della partita IVA,
  • b) per le società e per le cooperative, la data di iscrizione al Registro delle Imprese.

In aderenza alla finalità della legge che intende agevolare l’occupazione giovanile mediante il sostegno di nuove iniziative imprenditoriali, non sono ammissibili le domande di imprese che rappresentino la mera continuazione, da parte del proponente e/o dei soci, di attività preesistente sotto diversa e/o nuova forma giuridica.

Saranno parimenti non ammissibili le imprese costituite a seguito di atto di trasformazione societaria, la cui originaria costituzione sia fuori dai termini dei 365 (trecentosessantacinque) giorni previsti per la presentazione della domanda.

UBICAZIONE DELLE IMPRESE

Le imprese devono avere sede legale, amministrativa ed operativa nel territorio della Regione Umbria

REQUISITI DELLE IMPRESE

Le imprese devono possedere i seguenti requisiti amministrativi:

  • a) i titolari delle imprese individuali devono avere un’età compresa tra i 18 e 35 anni e non essere dipendenti pubblici;
  • b) per le società, i soci di età compresa fra i 18 e i 35 anni devono:

1) rappresentare numericamente almeno il 50% del totale dei soci;
2) essere titolari di quote o di azioni per almeno il 50% del capitale sociale;
3) avere residenza nel territorio della Regione Umbria;
4) non essere dipendenti pubblici.

Ai fini dell’accertamento del requisito dell’età dei giovani proponenti, il computo degli anni utili ai sensi di legge partirà dal compimento del 18° anno, fino al giorno immediatamente antecedente il compimento del 36° anno e non oltre tale termine.

Per le donne che intendono reinserirsi nel mercato del lavoro è previsto un innalzamento del limite massimo di età fino a 40 (quaranta) anni, ovvero fino al giorno immediatamente antecedente il compito del 41° (quarantunesimo) anno e non oltre tale termine.

Tale limite va considerato sulla base della documentazione prodotta e comprovante lo svolgimento, per almeno 2 anni, di un’attività lavorativa stabile e non saltuaria che abbia dato luogo alla percezione di redditi da lavoro subordinato o autonomo, con esclusione dei redditi da capitale, unitamente ad un periodo di disoccupazione di almeno un anno
totalizzato all’atto della costituzione dell’impresa.

  • Le imprese che presentano domanda non devono avere obblighi di pagamento insoluti nei confronti della Pubblica Amministrazione.

AGEVOLAZIONI

Le agevolazioni consistono in:

A) CONTRIBUTI IN CONTO ESERCIZIO FINALIZZATI:

  • – alla copertura integrale degli oneri sostenuti per la costituzione dell’impresa, fino ad un massimo di euro 1.300,00;
    – alla copertura fino ad un massimo del cinquanta per cento dei costi sostenuti nel primo anno di attività e comunque per un importo non superiore a euro 10.000,00, relativamente a:

Spese di locazione di immobili strumentali all’attività d’impresa

Oneri finanziari derivanti da operazioni di finanziamento a breve termine,

Acquisizione di servizi di consulenza specialistica, da intendersi caratterizzata esclusivamente da un elevato contenuto specialistico, non essendo rimborsabili le consulenze nell’ambito delle materie afferenti la normale gestione amministrativa dell’impresa;

  • – alla copertura integrale, nel limite massimo di euro 7.000,00, dei costi sostenuti per la concessione di garanzie sui finanziamenti bancari di cui alla lettera b) del comma 2 dell’art. 4 della l.r. 12/95.

B) MISURE TESE AD AGEVOLARE L’INVESTIMENTO:

Per acquisto di:

  • macchinari,
  • attrezzature,
  • brevetti,
  • licenze,
  • marchi,
  • impianti
  • e ristrutturazione di fabbricati strumentali alle attività di impresa.

In particolare le spese per impianti e ristrutturazione di fabbricati potranno essere riconosciute nella percentuale massima del 25% dell’investimento ammesso a finanziamento.

  • GLI INVESTIMENTI – A SECONDA DELL’ENTITÀ DELLA SPESA – RISULTANO FINANZIABILI CON UNA DELLE SEGUENTI MODALITÀ:
  • – anticipazione fino ad un massimo del 75% (settantacinque per cento) degli investimenti e comunque per un importo degli investimenti non inferiore ad euro 16.001,00 e non superiore ad euro 66.666,67.
  • L’anticipazione è concessa senza l’acquisizione di garanzie a tutela del rientro del finanziamento erogato ed è restituita in quote semestrali costanti senza interessi, nel termine massimo di sette anni, con inizio dal dodicesimo mese successivo a quello dell’erogazione;
  • contributo per l’abbattimento del tasso d’interesse nella misura massima di cinque punti del tasso di interesse stabilito dal Ministero competente su finanziamenti bancari a medio e lungo termine, stipulati successivamente alla data di costituzione dell’impresa, a condizioni liberamente concordate tra le parti, per investimenti compresi tra euro 66.667,67 ed euro 130.000,00.

Il contributo, calcolato su un periodo massimo di sette anni del piano di ammortamento, è corrisposto annualmente e anticipatamente, direttamente al beneficiario, in misura proporzionale e previa verifica di regolare ammortamento, ad esclusione degli oneri finanziari relativi al periodo di preammortamento.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese riferite a beni di valore unitario pari o superiore a euro 100,00 (al netto di IVA e spese accessorie e da intendersi sull’importo della singola fornitura) che risultino strettamente inerenti all’attività e relative a beni di nuova fabbricazione.

  • Risultano finanziabili soltanto le spese effettuate dalla data di costituzione delle società ovvero dalla data di acquisizione della partita IVA per le imprese individuali.

DURATA E REALIZZAZIONE DEI PROGETTI

  • Ai fini del riconoscimento della loro ammissibilità, le spese dovranno essere sostenute a partire dalla data di
    costituzione dell’impresa.
  • Gli interventi agevolati dovranno concludersi, di norma, entro il termine di un anno dalla data di pubblicazione sul B.U.R.U. dell’atto di ammissione a finanziamento.

 DOMANDE

Entro e non oltre il 31 gennaio 2018.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

ALTRI ARTICOLI

MillionDay e MillionDay Extra, le estrazioni delle 13 di venerdì 14 giugno

Proseguono anche nel 2024 il MillionDay e il MillionDay Extra, sempre con la doppia formula: le estrazioni avvengono infatti due volte al giorno, una alle 13.00 e l’altra come di consueto alle 20.30. Il MillionDay è una lotteria basata sull’estrazione casuale di 5 numeri compresi tra 1 e 55. I giocatori possono partecipare all’estrazione compilando una…

Leggi »

Export italiano a +10%: quali prodotti hanno successo all’estero

Torna a crescere l’export italiano. I dati Istat confermano la ripresa ad aprile delle vendite di beni e servizi dall’Italia verso l’estero a un ritmo che non era registrato da diversi mesi. Un +10,7% su base annua aiutato da una crescita sul mese precedente di oltre il 2%. Anche se ci sono alcune circostanze momentanee…

Leggi »

Draghi lancia il monito all’Ue: cosa ha detto l’ex presidente del Consiglio

L’ex presidente del consiglio e direttore della Banca centrale europea Mario Draghi ha ricevuto in Spagna il premio europeo Carlo V dal re Felipe VI in una cerimonia nel monastero di San Jeronimo de Yuste. Nel discorso di ringraziamento, Draghi ha sottolineato alcune priorità che l’Unione europea dovrebbe seguire in tema economico a partire dalla…

Leggi »