Pubblicate le nuove tabelle dei costi chilometrici di esercizio di autovetture e motocicli elaborate dall’ACI
Le auto aziendali concesse in uso promiscuo ai dipendenti, ossia quelle utilizzabili anche per scopi personali, costituiscono una forma di remunerazione in natura complementare alla retribuzione principale in denaro, e sono pertanto soggette a tassazione.
DS Automobiles DS 7

Articolo del

Le auto aziendali concesse in uso promiscuo ai dipendenti, ossia quelle utilizzabili anche per scopi personali, costituiscono una forma di remunerazione in natura complementare alla retribuzione principale in denaro, e sono pertanto soggette a tassazione.

La normativa è leggermente cambiata nel 2020: la vecchia disciplina, infatti, prevedeva che il valore imponibile fosse determinato prendendo dalle tabelle ACI (aggiornate ogni anno) la cifra unitaria chilometrica per il tipo di veicolo, moltiplicandola per una percorrenza media convenzionale di 15.000 km e calcolando poi dall’importo risultante la percentuale fissa del 30%. Dividendo poi la cifra ottenuta per 12, ossia il numero di mensilità di un contratto di lavoro, si otteneva il valore mensile di fringe benefit da indicare in busta paga.

Con la nuova legge il procedimento resta tutto sommato simile, ma la percentuale del 30% per calcolare l’importo di fringe benefit da tassare, che prima era fissa, cambia a seconda delle emissioni di CO2 del veicolo, allo scopo di incentivare l’acquisto da parte delle aziende di automobili (nonché autocaravan, motocicli e ciclomotori) a basso impatto ambientale. Le percentuali oggi vigenti sono queste:

  • 25% per i veicoli con valori di emissione di CO2 fino a 60 g/km;
  • 30% per i veicoli con valori di emissione di CO2 da 61 g/km a 160 g/km;
  • 50% per i veicoli con valori di emissione di CO2 da 161 g/km a 190 g/km;
  • 60% per i veicoli con valori di emissione di CO2 superiori a 190 g/km.

TABELLE ACI 2024 PER IL FRINGE BENEFIT

In base all’art 51 comma 4 del TUIR (Testo Unico delle Imposte sui Redditi) il costo chilometrico di esercizio dei veicoli concessi in uso promiscuo si desume dalle tabelle nazionali che l’Automobile Club d’Italia deve elaborare entro il 30 novembre di ciascun anno e comunicare all’Agenzia delle Entrate, che provvede poi a pubblicarle entro il 31 dicembre con effetto dal periodo di imposta successivo. E in effetti le tabelle ACI con gli importi relativi ai fringe benefit 2024 sono apparse nella Gazzetta Ufficiale n. 298 del 27/12/2023.

Le tabelle ACI 2024 riguardano le seguenti tipologie di veicoli:

  • Autoveicoli a benzina in produzione;
  • Autoveicoli a gasolio in produzione;
  • gli Autoveicoli a benzina/GPL e a benzina/metano in produzione;
  • Autoveicoli ibrido/benzina e ibrido/gasolio in produzione;
  • Autoveicoli elettrici e ibridi plug-in in produzione;
  • gli Autoveicoli a benzina fuori produzione;
  • Autoveicoli a gasolio fuori produzione;
  • Autoveicoli a benzina/GPL, a benzina/metano fuori produzione;
  • gli Autoveicoli ibrido/benzina e ibrido/gasolio fuori produzione;
  • Autoveicoli elettrici e ibridi plug-in fuori produzione;
  • Motoveicoli (inclusi ciclomotori e microcar);
  • Autocaravan.

ESEMPI FRINGE BENEFIT 2024

Con le tabelle ACI diventa facile calcolare il fringe benefit 2024 relativo ai veicoli aziendali che vengono destinati a uso promiscuo. Ecco alcuni esempi di fringe benefit auto: per una Fiat 500X 1.3 Multijet da 95 CV a gasolio che emette 121 g/km di CO2 (ciclo WLTP), occorre moltiplicare la cifra unitaria chilometrica corrispondente (0,4563) per la percorrenza media convenzionale di 15.000 km, ed estrapolare dall’importo ottenuto (6.844,5) la percentuale del 30% applicata ai veicoli con emissioni da 61 a 160 g/km, che equivale a 2.053,35. Dividendo questa cifra per 12, cioè il numero di mensilità di un contratto di lavoro, si ottiene il valore mensile di fringe benefit per il 2024 di quel modello di Fiat 500X (171,11).

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI