Nominato Antonello Scarlatella a Responsabile Regionale Assopam

SCARLATELLA ANTONELLO

Milano – Nella giornata di oggi 12 Luglio 2018, il consiglio direttivo di Assopam ha avviato la procedura di ratifica per la nomina di Antonello Scarlatella a Responsabile Regionale Puglia.

Queste le parole del Presidente Tafuro Raffaele: “sono contento che il direttivo abbia condiviso con me il nome del mio vecchio amico Antonello Scarlatella, uomo dalla pluriennale esperienza nel settore del credito, vanta più di 30 anni di professione ed è specializzato nella distribuzione di cessioni del quinto dello stipendio e deleghe di Pagamento. Antonello è amministratore unico di Apuliafin iscritta OAM A11683. Già Presidente Provinciale Fimec (Federazione nazionale mediatori creditizi), è stato anche componente del Sindacato intermediari del credito R12 (affiliato Uilca-Uil). Da oggi in poi tutti gli associati Assopam avranno il piacere di avere a disposizione un uomo che non la manda a dire! Assopam sarà presente con la seconda sede in Puglia a Manfredonia (FG) in Corso Manfredi n.129. Stiamo crescendo velocemente, ad oggi contiamo 400 associati, 22 sedi e siamo presenti in 14 regioni d’ Italia. Ad Antonello Auguriamo i migliori successi e buon  lavoro!”

 

Ecco l’intervista in esclusiva della nostra redazione:

 

Cosa significa per te Assopam:

“Il nostro comparto agenti, collaboratori, mediatori disciplinati OAM necessita di rappresentanza sindacale.

Il decreto 141 ci ha reso una categoria di captivizzati alle banche, d’altronde una legge voluta dalle banche che hanno poi raggiunto il loro obiettivo.

Ad oggi la  nostra categoria e’ figlia di nessuno.

E’ ora che si organizzi ispirandosi a principi etici e concertativi.

Fare associazione non significa andare contro le mandatarie, banche o finanziarie anzi,  fare associazione significa trovare un punto di equilibrio con i nostri regolatori ed obbligarli, magari coadiuvandoli a tutelare la nostra categoria.

Vi sono tantissime lacune nella normativa molte delle quali  anche contro regole europee, esempio il monomandato che deve essere relegato ad un mero accordo tra mandataria e agente non un obbligo per legge.

Inoltre vorrei proprio essere messo a conoscenza di cosa ne pensa l’Europa in merito alla doppia imposizione fiscale. INPS/ENASARCO”.

 

Cosa ti ha convito a ricoprire una carica istituzionale in Assopam?

“Con i miei 32 anni di servizio in questo settore , voglio aiutare a creare un grande gruppo associativo che sappia salvaguardare la categoria nelle sedi istituzionali. Con garbo e pacatezza ma spinto e supportato da una forte determinazione”.

Quale di queste cause farai la tua battaglia personale? Stop Abusivismo Attivo, Stop Abusivismo Passivo, Stop Società di Mediazione Creditizia Cartello, Stop Doppia imposizione previdenziale, Stop Burocrazia Folle, Stop al Regime dei controlli per i Soli Iscritti, Stop al Monomandato. E perchè?

“Il monomandato va contro tutte le regole europee. E se “ce lo chiede l’Europa “ come disse in occasione della riforma pensionistica la Prof.ssa Fornero non capisco il motivo per il quale noi dovremmo sottostare a regole non in linea con i principi Europei.

Sicuramente la doppia imposizione previdenziale è una assurdità e mi battero’ anche nelle sedi istituzionali nonché presso i ministeri competenti al fine di far cessare questo gravoso costo sia da parte delle imprese di credito proponenti che per i colleghi agenti e mediatori. Ad oggi abbiamo validi riferimenti istituzionali confido molto in loro.

Comunque stabiliremo l’ordine delle priorita’ unitamente a tutto il direttivo nazionale nonché con l’ausilio del nostro Presidente nazionale Raffaele Tafuro”.

 

Quale sarà il tuo contributo per sviluppare maggiormente Assopam? E con quali mezzi?

“Cercando il numero di adesioni possibili. Portando a casa risultati.

Ci tengo a precisare che vorrei  creare unitamente ad Assopam un punto di forza per la stessa Oam.

Oam è un regolatore importante per la nostra attività ma oggi è debole, gli manca la spinta da parte degli iscritti ed aderenti sempre più sottomessi da alcune mandatarie.

Tenete conto che in questi giorni ho incontrato colleghi che non vogliono firmare le adesioni  ad Assopam per timore di inclinare i rapporti commerciali con le mandatarie.  Questo è inaudito.

E’ una limitazione vera e propria della libertà oltre che è segno di sottomissione totale ad un sistema.

Altro contributo che vorrei dare alla categoria e qui non uso il vorrei ma il voglio e che il settore del credito al consumo sia OBBLIGATO dalla legge a far iscrivere gli operatori ( nel caso specifico gli operatori del commercio) ad OAM.

Anche loro debbono essere regolamentati e sorvegliati, e non mi venissero a dire che parliamo di piccoli finanziamenti perche’ nel settore automotive si arriva anche a 40/50 mila euro, (percependo dalle mandatarie lauti compensi) ed i contratti vengono perfezionati da operatori non iscritti OAM, non abilitati all’adeguata verifica, non iscritti Ivass, senza aver mai fatto i corsi di formazione come da disposizioni vigenti.

In conclusione e riepilogando, il mio contributo attivo sarà per la regolamentazione e l’equità.

Sono molto determinato in primis sulla assurdità della doppia contribuzione INPS e ENASARCO e sul MONOMANDATO .

Già anni fa fui ascoltato presso la camera dei deputati dall’allora Presidente della commissione finanze On. Gianfranco Conte con scarsi risultati in quanto su 200 mila operatori ci presentammo in quattro.

Questa volta sarà diverso. Ci presenteremo numerosi ma anche forti di avere un Governo meno sottomesso al potere bancario e più attento alle esigenze dei comuni mortali come noi.

Come disse Mao Tse -tung, “ Grande confusione è sotto al cielo quindi la situazione è eccellente” ,

da oggi c’e’ ASSOPAM iscriviti è gratis”.

 

Grazie Antonello ti auguriamo buon lavoro

“Grazie a voi”!

Le linee guida ed i programmi sono disponibili sul sito istituzionale www.assopam.it 

Nominato Antonello Scarlatella a Responsabile Regionale Assopam ultima modifica: 2018-07-12T19:10:56+00:00 da Antonio P.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.