ENI

La oil service italiana si aggiudica una commessa da Saudi Aramco per la progettazione, l’ingegneria, l’approvvigionamento, la costruzione e l’installazione di 19 jacket per lo sviluppo dei campi Marjan, Zuluf, Berri, Hasbah e Safaniya, tra i più  importanti giacimenti offshore nella Regione del Golfo Arabico.

Saipem inoltre ha negoziato l’estensione dell’impiego, in Angola, del mezzo FPSO Gimboa, inclusiva dei servizi di gestione e manutenzione, del personale e dei materiali di consumo, per la durata di 3 anni, più un anno opzionale. Infine ha definito variazioni di ordini di lavoro relativi a progetti in Africa Occidentale e nell’area del Mar Caspio.

Il valore delle commesse ammonta complessivamente a 500 milioni di dollari.

Soddisfatto l’Ad del gruppo che ha dichiarato “Con questa assegnazione, Saipem rafforza ulteriormente la sua presenza in un’area altamente strategica quale il Medio Oriente. I nuovi contratti assegnati da un Cliente importante e di lunga data come Saudi Aramco sono un segnale forte e tangibile della sua fiducia in Saipem, nell’elevata qualità

dei suoi servizi e nella solida esperienza che la Società  vanta nella costruzione ed installazione di piattaforme offshore”.

Commento

Notizia sicuramente positiva per Saipem visto il peso di circa il 3,5% delle commesse sul portafoglio ordini al 31 marzo 2017 (12,4 miliardi). Aumenta così la visibilità sul fatturato dei prossimi anni per la società.

Il titolo balza del 2,9% a 3,3 euro, beneficiando anche della ripresa delle quotazioni del greggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.