Truffe nei prestiti: Agenzia Debiti di Milano nei guai

Articolo del

Agenzia Debiti Spa nella bufera: centinaia di famiglie italiane sarebbeo state infatti derubate dall’agenzia privata milanese. Chiedevano sostanziosi anticipi, promettendo di salvare le famiglie, salvo poi sparire con i soldi.

Mariano Baldini, avvocato iscritto all’Albo, è già in carcere a San Vittore con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla bancarotta. Era il legale rappresentante della società nata nel 2010. L’Agenzia Debiti assicurava ai clienti di poter cancellare i debiti con le banche e con le società di credito. In meno di due anni, aveva preso e messo da parte 15 milioni di euro.

“Un sistema ingegnoso e convincente” dice Roberto Gotta, presidente del Movimento consumatori di Chieri a cui si stanno rivolgendo decine di truffati. Poi spiega: “Tutte le pratiche venivano gestite da avvocati veri. I contratti di delega per rinegoziare i debiti erano formalmente corretti. Peccato che venivano totalmente disattesi”. 

Fino ad ora sono una quindicina le persone che, su invito delle stesse forze dell’ordine e della Procura, si sono rivolte all’associazione di consumatori di Chieri. Il tempo per tentare di recuperare i soldi spesi è limitato. Lo scorso 30 novembre, infatti, il Tribunale di Milano ha dichiarato il fallimento dell’Agenzia Debiti Spa. “La costituzione delle parti civili dovrà avvenire entro il 24 marzo, in vista della prima udienza fissata ad aprile” conferma l’avvocato Cristina Barbieri, legale rappresentante delle famiglie raggirate.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

1 commento

  • Cecconi Franco ha detto:

    Anch’io sono stato truffato da quella agenzia circa 2 anni fa. Mi hanno fatto pagare 390 Euro dicendomi che avrebbero risolto i miei problemi. Dopo circa un mese mi hanno chiesto ancora 2000 Euro. Io chiaramente non ho pagato, e li avvisai che se non mi avessero rimborsato gli avrei fatto causa. stò aspettando sempre la risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI