Virgin Orbit Holdings non ce l’ha fatta
La società di lancio di satelliti legata al miliardario britannico Richard Branson, sta cessando le operazioni a tempo indeterminato, soccombendo alle crescenti pressioni sulla crisi di cassa.
Virgin Galactic

Ancora nessun commento

La società di lancio di satelliti legata al miliardario britannico Richard Branson, sta cessando le operazioni a tempo indeterminato, soccombendo alle crescenti pressioni sulla crisi di cassa.

La società ha dichiarato giovedì che sta tagliando 675 posti di lavoro, ovvero circa l’85% della sua forza lavoro, «al fine di ridurre le spese alla luce dell’incapacità dell’azienda di garantire finanziamenti significativi». Un portavoce di Virgin Orbit ha affermato che il restante 15% dei dipendenti lavorerà alla liquidazione dell’attività.

Fallita la ricerca di capitale

Virgin Orbit aveva già temporaneamente sospeso le operazioni all’inizio di questo mese mentre cercava capitale aggiuntivo. L’azienda – parte dell’impero di Branson che comprende la compagnia aerea Virgin Atlantic e la compagnia di voli spaziali Virgin Galactic Holdings Inc. – non ha realizzato profitti da quando è stata quotata.

Le azioni Virgin Orbit sono scese del 50% nelle nel premercato di New York a New York alle 4.30 di venerdì ora locale, scambiate a soli 17 centesimi ciascuna. Le azioni valevano più di 7 dollari un anno fa. Gli oneri per la dismissione ammonteranno a circa 15 milioni di dollari, costituiti principalmente da 8,8 milioni in indennità di licenziamento e benefici per i dipendenti e 6,5 milioni in altri costi come i servizi di outplacement, ha affermato Virgin Orbit nel deposito.

Solo due settimane fa, la società ha approvato un piano di liquidazione per i dirigenti di alto livello, con l’amministratore delegato Daniel Hart pronto a riscuotere un compenso pari al doppio del suo compenso base.

10,9 milioni di dollari per le indennità di licenziamento e altre spese

Branson ha iniettato 10,9 milioni di dollari acquistando una nota convertibile in azioni tramite la sua Virgin Investments Ltd., consentendo all’azienda fallita di finanziare l’indennità di licenziamento e altri costi, ha affermato Virgin Orbit nel deposito.

La società con sede a Long Beach, in California, è una delle numerose startup legate allo spazio con valutazioni un tempo elevate che hanno visto le loro azioni precipitare mentre gli investitori si allontanano da modelli di business non testati e operazioni in perdita. Altri esempi sono Astra Space, che ha riferito giovedì che le sue riserve in contanti sono diminuite del 32% nel trimestre conclusosi il 31 dicembre, e Rocket Lab USA, che ha dichiarato il mese scorso che si aspetta che la sua perdita trimestrale sia tre volte maggiore di quanto previsto dagli analisti.

Virgin Orbit sta ancora cercando di vendere tutta o parte della sua attività, secondo una persona a conoscenza della questione. Quelle discussioni per una possibile transazione non includono Matthew Brown, un investitore di capitale di rischio poco conosciuto con sede in Texas che aveva detto di essere interessato a un accordo all’inizio di questo mese, ha detto una fonte anonima.

Brown si era presentato come un possibile salvatore di un business che valeva miliardi solo un anno fa. Ma il suo accordo di finanziamento è fallito durante il fine settimana, secondo quanto riferito dalla CNBC il 27 marzo.

La storia

Virgin Orbit è stata fondata nel 2017 come propaggine di Virgin Galactic; la quotazione risale al 2021. L’attività di Virgin Orbit era incentrata sul lancio in orbita di piccoli satelliti, distinta da Virgin Galactic che si occupa dell’invio di esseri umani nello spazio.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI

Le destinazioni di mare più economiche in Italia: dove andare questa estate

L’estate 2024 si presenta con rincari significativi che interessano tutte le componenti delle vacanze estive degli italiani, dai trasporti alle strutture ricettive, fino ai servizi balneari e alla ristorazione. Un’indagine congiunta di Assoutenti e del Centro di formazione e ricerca sui consumi (C.r.c.) ha evidenziato che andare in vacanza quest’anno costerà mediamente tra il 15%…

Leggi »

Toti rimane ai domiciliari, Cozzani libero a delle condizioni

Il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, continuerà a scontare gli arresti domiciliari. La decisione è stata presa dalla giudice per le indagini preliminari Paola Faggioni, che ha respinto la richiesta di revoca presentata dall’avvocato Stefano Savi. Filippo Cozzani, imprenditore e fratello dell’ex capo di gabinetto della Regione Liguria, ha invece visto la revoca degli…

Leggi »

Mutui, scendono i tassi. Tutte le cifre

Il tasso medio dei mutui di nuova emissione per l’acquisto di abitazioni è sceso al 3,61% a maggio, rispetto al 3,67% di aprile e al 4,42% dello scorso dicembre. Questo è quanto emerge dal rapporto mensile dell’Associazione Bancaria Italiana (Abi), che rileva anche una diminuzione del tasso medio sui nuovi finanziamenti alle imprese, passato al…

Leggi »