I

Scarica Pdf:

LETTERA I

ICE FUTURES EUROPE

Società finanziaria con sede a Londra che opera nei mercati dei prodotti finanziari derivati.

IMMOBILIZZAZIONI

Immobili, impianti e qualsiasi altro tipo di capitale fisso o proprietà, utilizzati in un’attività economica, che non vengono consumati con l’uso o convertiti in moneta nel corso dell’esercizio

IMPOSTA DI REGISTRO

Tassa dovuta quando si acquista un immobile. Se il venditore è un privato l’imposta è pari al 9%. Nel caso di acquisto dell’abitazione principale si ha diritto a un’agevolazione fiscale che permette di pagare il 2%.
Quando chi vende è l’impresa costruttrice dell’immobile o l’impresa con oggetto sociale principale la compravendita di immobili l’imposta di registro è pari all’importo fisso di 200 euro, oltre all’Iva con aliquota del 4% per l’abitazione principale e del 10% negli altri casi.

IMPOSTA SOSTITUTIVA

Imposta che sostituisce e racchiude altre imposte (imposta di registro, imposta di bollo, imposta ipotecaria e imposta catastale). Per i mutui, l’imposta sostitutiva viene detratta direttamente dall’istituto di credito al momento dell’erogazione del prestito. È pari allo 0,25% se il mutuo è destinato all’abitazione principale mentre è corrisponde al 2% nei casi di mutui destinati all’acquisto, alla costruzione o alla ristrutturazione della seconda casa o immobili diversi dalla prima casa.

IMU

Imposta Municipale Unica. Tassa sugli immobili residenziali adibiti a seconda casa e immobili commerciali. Ha sostituito l’Ici (imposta comunale sugli immobili).

INAV

Acronimo di Indicative Net Asset Value, l’iNAV è il valore, teorico, del NAV calcolato in continuo durante le sedute di mercato. A fine giornata NAV e iNAV non coincidono poiché il NAV include anche la componente di liquidità del fondo e l’accumulo dei dividendi. NAV e iNAV sono uguali soltanto nel giorno dello stacco dei dividendi.

INCUBATORE

E’ un’organizzazione che accelera e rende sistematico il processo di creazione di nuove imprese fornendo loro una vasta gamma di servizi di supporto integrati che includono gli spazi fisici dell’incubatore, i servizi di supporto allo sviluppo del business e le opportunità di integrazione e networking.

INDICATORE ECONOMICO

Grandezza numeraria elaborata con lo scopo di informare sull’andamento dell’economia.

INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO

Termine usato per indicare la media di un paniere di beni di largo consumo sul quale si basano gli adeguamenti salariali a seguito di perdita di potere d’acquisto subita dalla moneta

INDICE DI PRODUTTIVITÀ

L’indice di produttività è dato dal rapporto tra il margine di intermediazione e i costi operativi.

INDICE DI SHARPE

Misura l’affidabilità di un investimento finanziario in termini del maggiore rendimento coniugato con il minore rischio. Il metodo confronta l’investimento analizzato con quello tradizionale a rischio minimo (Bot). Più l’indice è elevato, più alto è il “valore aggiunto” del gestore finanziario

INDICE FINANZIARIO

Un Indice Finanziario è un indicatore che registra le performance dei titoli che lo compongono nel corso di un determinato periodo di riferimento.

INDUSTRIA CICLICA

Industria che risente in modo particolare degli alti e bassi del ciclo economico. In questa categoria rientrano presso che tutte le imprese che producono beni capitali

INFLAZIONE

Con il termine inflazione si indica l’incremento dei prezzi di beni e servizi.

INFORMATION RATIO

L´information Ratio consente di valutare la capacità del gestore di sovraperformare il benchmark, in relazione al rischio assunto. E´ calcolato rapportando il differenziale di rendimento tra fondo e indice di riferimento, alla Tracking Error Volatility, che indica la volatilità dei rendimenti differenziali di un fondo rispetto ad un indice di riferimento.

INSIDER TRADING

Operazioni di trading effettuate da un insider.

INSOLVENZA

Incapacità di pagare un debito.

INTER MARKET ANALYSIS

Analisi dei collegamenti che legano strumenti diversi; per esempio, un cambio e un indice azionario, una commodity e una valuta e così via

INTERESSI ANNUALI

Indica il tasso di interesse corrisposto annualmente sul titolo.

INTERESSI ATTIVI

Gli interessi attivi rappresentano un aggregato di bilancio dato dalla somma degli interessi su titoli a reddito fisso, degli interessi su crediti verso enti creditizi, degli interessi su crediti verso clientela e altri interessi attivi.

INTERESSI PASSIVI

Gli interessi passivi rappresentano un aggregato di bilancio dato dalla somma di interessi su debito verso enti creditizi e altri interessi passivi.

INTEREST RATE FUTURE

Strumento derivato, appartenente alla categoria dei financial futures, costituito da un contratto a termine, standardizzato, relativo ad un’operazione di acquisto/vendita di titoli a tasso fisso (Titoli di Stato, obbligazioni), in una data futura, ad un prezzo prefissato al momento della stipula del contratto

INTEREST RATE SWAP

Contratto swap sui tassi di interesse.

INTERMEDIARIO

Figura istituzionale che acquista e vende titoli in Borsa per conto di suoi clienti

INTRADAY

Nel corso della stessa giornata.

INVESTABLE WEIGHT FACTOR (IWF)

L’Investable Weight Factor (IWF) è una variabile utilizzata per la definizione dell’indice S&P/Mib ed esprime la capitalizzazione di borsa di un titolo pesata in base al criterio del flottante. L’IWF è pari a 100 meno la somma delle partecipazioni percentuali detenute dagli azionisti di una società che detengono almeno il 5% delle azioni in circolazione, ad eccezione degli OICR. Per una maggiore precisione i valori dell’IWF vengono arrotondati a quattro cifre decimali. L’IWF è rivisto quattro volte l’anno, a marzo, giugno, settembre e dicembre, ed i cambiamenti sono effettuati nel giorno successivo alla scadenza dei contratti derivati (primo lunedì dopo il terzo venerdì di marzo, giugno, settembre e dicembre). A seguito di operazioni sul capitale (fusioni, incremento del capitale) che comportino un cambiamento del numero di azioni superiore al 10% delle azioni già emesse, il nuovo numero di azioni sarà rettificato nell’indice alla conclusione del periodo dell’operazione sul capitale. Nel caso in cui il cambio del numero di azioni sia il risultato di un evento di mercato come un collocamento istituzionale o un buyback azionario attraverso bookbuilding, S&P potrebbe decidere di introdurre ugualmente le modifiche del numero di azioni che superino il 5%, anche se non raggiungessero la soglia del 10%. I cambiamenti all’IWF saranno aggiornati solo se maggiori del 10%. Nei casi in cui la modifica del flottante sia il risultato di un evento di mercato come un collocamento istituzionale o vendita attraverso bookbuilding o un’OPA parziale, S&P potrebbe decidere di implementare ugualmente le modifiche del flottante che superino il 5%, anche se non raggiungessero la soglia del 10%. Gli annunci infratrimestrali riguardanti il numero di azioni o gli IWF saranno sempre fatti alla chiusura del mercato di Borsa del martedì, ed effettivi dopo la chiusura delle contrattazioni del venerdì o all’apertura delle contrattazioni del lunedì.

INVESTIMENTI A BENEFICIO ASSICURATI

Investimenti a beneficio assicurati dei rami vita i quali ne sopportano il rischio e derivanti dalla gestione dei fondi pensione.

I

Investimento

INVESTIMENTO

Per investimento si intende l’incremento dei beni capitali e l’acquisizione e la creazione di risorse da usare nel processo produttivo

INVESTITORI ISTITUZIONALI

Sono investitori istituzionali quegli intermediari che investono un patrimonio per conto di altri soggetti. Fondi comuni di investimento, banche, società assicurative, fondi pensione sono i tipici esempi di investitori istituzionali.

 

INVESTMENT BANK

Banca specializzata nel collocamento di titoli emessi dalla propria clientela. Al contrario della merchant bank, non svolge un ruolo di supporto implicando le proprie risorse nell’impresa del cliente

INVESTMENT GRADE

Grado d’investimento

Per i titoli di reddito fisso, viene espresso con lettere che vanno dalla tripla A (AAA) alla tripla B (BBB), ove la tripla A indica il grado d’investimento più elevato e pertanto i titoli più sicuri

IPERCOMPRATO

Si ha una situazione di ipercomprato quando la forte domanda per uno strumento finanziario innesca negli operatori l’attesa di correzione.

IPOTECA IMMOBILIARE

Diritto reale a favore dell’istituto di credito su un bene immobile a garanzia del pagamento di un prestito.

ISAE

Istituto di studi e analisi economica, istituito il 4 gennaio 1999 in seguito alla fusione di Isco e Ispe; effettua le indagini congiunturali precedentemente eseguite dall’Isco, utilizzando la stessa metodologia.

ISC

ISC (Indice Sintetico di Costo) e TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) sono indicatori che calcolano il costo complessivo di ogni mutuo, individuando, oltre al Tasso Nominale Annuo (TAN), tutte le spese connesse all’operazione di finanziamento, tra le quali per esempio: spese di apertura e chiusura pratica, spese di incasso delle rate (se previste); assicurazioni imposte dalla Banca (escluse quindi quelle facoltative); perizia; mediazioni.
L’ISC e il TAEG, espressi in percentuale, devono essere inseriti nel contratto e devono essere consegnati al Cliente.
Dal 1° giugno 2011, da quando è entrata in vigore la nuova direttiva sul credito al consumo, le assicurazioni legate alla concessione del finanziamento devono rientrare obbligatoriamente nel Taeg.

ISEE

(Indicatore della situazione economica equivalente) Strumento che permette di misurare la condizione economica delle famiglie, che serve per richiedere prestazioni agevolate di natura sanitaria o sociale come ad l’esenzione del ticket o gli studi scolastici .
L’indicatore tiene conto del reddito (entrate da lavoro dipendente o autonomo dei componenti della famiglia), delle rendite finanziarie mobiliari (conti correnti, obbligazioni, titoli di Stato, partecipazioni azionarie) e immobiliari (case, terreni edificabili e agricoli e altri fabbricati) e delle caratteristiche del nucleo familiare (numerosità, presenza di figli minori o di soggetti con handicap.
L’attestazione Isee è rilasciata gratuitamente anche dai Caf (centri di assistenza fiscali).

ISO ALFA

Individual Stock Option dove Alfa generalizza l’azione Opzioni su singoli titoli azionari. Sono contratti uniformi a termine con i quali una delle parti, dopo aver pagato il premio, acquista la facoltà di acquistare (opzione call) o vendere (opzione put) ad una determinata data un certo quantitativo delle attività (azioni…) a cui sono legati

ISTITUTO MONETARIO EUROPEO (IME)

È stato costituito il l~ gennaio 1994, con l’avvio della seconda delle tre fasi della UEM, ed è stato posto in liquidazione il 1° giugno 1998 secondo quanto previsto dal Trattato di Maastricht. I compiti principali dell’istituto erano: la predisposizione del quadro regolamentare, organizzativo e logistico necessario per l’attuazione della fase finale, caratterizzata da una moneta e una politica monetaria uniche; la promozione del coordinamento delle politiche monetarie degli Stati membri; il controllo del funzionamento dello SME. Nel giugno 1998 è stata istituita la Banca centrale europea, che è subentrata all’IME.

I ultima modifica: 2016-10-05T17:47:27+00:00 da Deborah