Cessione del V nei primi mesi del 2014: Un mercato che sembra simile al 2013, ma in realtà dalle dinamiche molto diverse…

Un inizio del 2014 che come volumi erogati sembra molto simile allo stesso periodo 2013, ma con dinamiche “dietro” ai numeri molto diverse. Rispetto al 2013 alcuni fenomeni si sono consolidati, come ad esempio il maggior ruolo delle banche, il maggior focus sui pensionati, la maggior focalizzazione sulla strategia distributiva e il venir meno di qualche assicuratore.

Per diversi operatori il mese di Gennaio è stato quasi da dimenticare nel senso che la produzione è stata abbastanza bassa, per poi riprendersi in febbraio e marzo.
Pensionati e sportelli bancari sembrano le aree di maggiore crescita.
Fra le novità del 1° trimestre, si nota che la mappa dei principali competitor sia cambiata rispetto al 2013, alcuni hanno conquistato importanti quote di mercato rispetto al passato.

Tanti progetti in corso per riorganizzare la struttura distributiva, per renderla più leggera nei costi e più efficiente nella produzione.
Altro aspetto nuovo che si è consolidato in questi mesi è l’ampliamento da parte di alcune reti di agenti della propria gamma prodotti, estendendola ai mutui come ad esempio la rete della Banca di Sassari e la rete di Banca Popolare Pugliese.

Sul fronte assicurativo si registra una decisa crescita dei premi assicurativi nel primo trimestre 2014 rispetto al primo trimestre 2013, nonostante il venir meno della attività di un paio di assicuratori che hanno dichiarato la loro uscita dal mercato.

Cessione del V nei primi mesi del 2014: Un mercato che sembra simile al 2013, ma in realtà dalle dinamiche molto diverse… ultima modifica: 2014-05-12T11:41:46+00:00 da Carlo D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.