trump

Il dibattito per le elezioni presidenziali statunitensi del 2020 tenutosi a Cleveland e moderato da Chris Wallace, come prevedibile è stato molto accesso e sono arrivate parecchie critiche.  Durante questo primo dibattito ha regnato il caos tra interruzioniinsulti, accuse e attacchi personali.

IL PRIMO DIBATTITO TRA TRUMP E BIDEN

Il dibatto è stato molto accesso e il presidente Trump ha, più di una volta interrotto l’oppositore Joe Biden, senza lasciargli spazio di esporre le proprie idee politiche. Inoltre Wallace non è stato in grado di contenere il presidente, ricevendo molte critiche.

L’aggressività è, purtroppo, presente per quasi tutta la durata del dibattito. I candidati spesso si accusano a vicenda, ad esempio Biden ha dato dell’irresponsabile a fare comizi con molta gente presente, e Trump ribatte dicendo che Biden non li ha fatti solo perché nessuno avrebbe partecipato. Lo sfidante democratico ha anche etichettato Trump come “il peggior presidente di sempre”. Dopo l’ennesima interruzione di Trump, Biden esplode dicendo che è “impossibile parlare con questo clown“.

“Odio dover alzare la mia voce, ma perché dovrei essere diverso da voi? Quindi questo è l’accordo, abbiamo finito il segmento precedente e ora andiamo al prossimo. In questo segmento avrete entrambi due momenti ininterrotti. In questi momenti lei, signor presidente potrà dire quello che vuole, ho fatto una domanda sulla razza ma può rispondere dicendo qualsiasi cosa voglia. Ma credo che il paese sarebbe meglio servito se lasciassimo parlare entrambe le persone con meno interruzioni. Chris Wallace durante il dibattito.”

Una cosa su cui entrambi i canditati erano d’accordo è stata la Cina, accusandosi a vicenda di essere stati troppo soft su Pechino. Infatti Trump ha accusato Biden di essere stato ingannato dalla Cina quando era vice presidente, invece Biden ha schernito Trump per il fatto che all’inizio della pandemia Covid-19, Trump avesse dichiarato che il presidente cinese Xi Jinping stesse facendo un buon lavoro. Questo sottolinea un crescente astio nei confronti della Cina.

LA CORTE SUPREMA

Uno dei sei topic trattati durante il dibattito è stata appunto la Corte SupremaTrump sostiene di avere diritto alla nomina e insiste che verrà fatta. Biden invece sostiene che Trump vuole togliere la copertura sanitaria agli americani. Questo commento di Biden porta a una domanda del moderatore che evidenzia che Trump in quattro anni da presidente non ha presentato una riforma sanitaria. Qui il presidente americano inizia a scaldarsi. Biden in questo segmento da buone risposte sulla corte suprema ma ci sono evidenti lacune sulla riforma dell’ostruzionismo o il court-packing.

IL RAZZISMO E IL SOSTEGNO DELLE FORZE DELL’ORDINE

Trump sostiene che Biden non abbia il sostegno delle forze dell’ordine e tanto meno quello dell’esercito Americano. Poi Trump ha anche criticato i corsi di formazione per i dipendenti pubblici contro il razzismo.

Durante il dibattito Wallace ha chiesto a Trump se volesse intimare alle milizie di destra di fermare le violenze. Il presidente sembra acconsentire, poi sii rivolge ai Proud Boys, noto gruppo neonazista.

Proud Boys state fermi e state pronti. Qualcuno deve fare qualcosa contro l’estrema sinistra.

Trump, che partiva svantaggiato rispetto l’avversario, aveva bisogno di una svolta, che non c’è stata. Biden aveva solo da mantenere la sua posizione di vantaggio, e dato che non ci sono stati scivoloni dovrebbe avere fatto esattamente quello che doveva fare.

Su YouTube è possibile vedere tutto il dibattito tra i due candidati.

Commenta l'articolo