Fiat Chrysler Automobiles ha accettato un accordo con Tesla a cui pagherà diverse decine di milioni di euro

fcaFCA pagherà Tesla per far sì che i veicoli delle case automobilistiche con sede in California venduti nell’UE siano considerati parte della sua flotta e contribuiscano così a compensare la media delle emissioni di CO2 per raggiungere l’obiettivo dell’ente governativo di 95 grammi di CO2 per chilometro previsto per il prossimo anno. Lo ha riferito domenica il Financial Times.

Fiat Chrysler pagherà a Tesla svariate decine di milioni per unire le proprie flotte in Europa e non dover pagare cospicue multe

L’accordo UE consente alle aziende che non sono collegate tra loro di formare i cosiddetti “open pool” al fine di raggiungere i nuovi obiettivi e l’accordo FCA-Tesla è improbabile che sia l’ultimo in quanto le piccole case automobilistiche si affannano per introdurre abbastanza EV per compensare le vendite di veicoli con motore a combustione interna. Questa non è una novità per Fiat Chrysler o Tesla, poiché le due società sono stati coinvolte in un accordo simile negli Stati Uniti sempre allo scopo di soddisfare gli standard di economia del carburante medio del governo federale. FCA ha anche acquistato crediti di emissioni da Honda e Toyota negli Stati Uniti, secondo Automotive News, per evitare multe per mancato rispetto degli obiettivi di risparmio di carburante. Per Tesla, è stato un flusso costante di entrate che hanno generato circa $ 103 milioni di ricavi nel 2018 e quasi 280 milioni nel 2017.

Fiat Chrysler Automobiles ha accettato un accordo con Tesla a cui pagherà diverse decine di milioni di euro ultima modifica: 2019-04-08T17:00:45+00:00 da Carlo D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.