Gli stipendi aumentano in tutti i paesi dell’ organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico tranne l’Italia
’ Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico che riunisce le 38 economie più avanzate al mondo segnala come nel secondo trimestre 2023 il reddito reale delle famiglie sia aumentato per il quarto trimestre consecutivo. 
saldo stralcio piano di rientro debito recupero crediti dilazione

Ancora nessun commento

L’ Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico che riunisce le 38 economie più avanzate al mondo segnala come nel secondo trimestre 2023 il reddito reale delle famiglie sia aumentato per il quarto trimestre consecutivo. Viceversa nel nostro paese il potere d’acquisto delle buste paga si è contratto di un altro 0,3%. Negativo pure il pil reale per abitante che cala a sua volta dello -0,3%. In Germania i redditi familiari sono saliti dello 0,5%, in Francia dello 0,1%, in Gran Bretagna dello 0,9% e negli Stati Uniti dello 0,5%. Il dato italiana fa seguito ad un primo trimestre caratterizzato da una discreta ripresa del potere d’acquisto, preceduta però a sua volta da un 2022 di forti cali. L’Italia vanta un altro triste primato tra i paesi Ocse, è l’unico in cui gli stipendi valgono oggi meno di 30 anni fa, oltre ad essere quello in cui il loro valore reale è sceso di più in questi ultimi anni caratterizzati da un’inflazione relativamente sostenuta.

Ormai le rilevazioni che fotografano l’inesorabile perdita di potere d’acquisto degli stipendi italiani si accumulano sulle scrivanie di governo e Confindustria. Ma niente, i contratti si rinnovano al ribasso e a passo di lumaca, provvedimenti come il reddito di cittadinanza o il salario minimo, capaci di introdurre uno stop al ribasso per le retribuzioni (in prospettiva un vantaggio per la competitività del sistema economico tutto) vengono cancellati. Ad inizio settembre il centro studi di Mediobanca ha dato le dimensioni del disastro: in un solo anno il potere di acquisto è crollato di oltre il 20%. Inevitabilmente questo si ripercuote sui consumi. Le famiglie spendono di più (perché i prezzi sono aumentati) ma comprano sempre di meno perché i soldi a disposizione sono sempre quelli. La Commissione Ue dal canto suo rimarca la lentezza degli adeguamenti dei contratti collettivi. 

L’aumento dei tassi decisi dalla Banca centrale europea ha fatto lievitare le rate dei mutui variabili e il costo di quelli di nuova sottoscrizione, così come dei prestiti, drenando altre risorse dai bilanci familiari. Costi dell’energia, che rimangono ben al di sopra della media storica, fanno il resto. Le imprese, che possono agire sui listini, si arricchiscono

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI

Paulo Fonseca al Milan, l’annuncio ufficiale di Ibrahimovic: quanto guadagna l’allenatore

Paulo Fonseca è ufficialmente il nuovo allenatore del Milan. Lo ha annunciato Zlatan Ibrahimovic nel corso della sua prima conferenza stampa in veste di dirigente, in un’intervista fiume nella quale ha affrontato diversi argomenti. Nonostante lo scetticismo generale e l’aperta contrarietà di parte della tifoseria rossonera, il tecnico portoghese approda sulla panchina che era di…

Leggi »

Ucraina-Usa, cosa prevede l’accordo firmato da Biden e Zelensky

A volte le premesse sono fondamentali, come questa: per la maggior parte del mondo, ciò che dice il G7 non ha valore. Un’organizzazione multilaterale internazionale non ha potere geopolitico, ma è importante per decifrare tensioni e traiettorie interne al fronte occidentale, guidato dagli Usa. Usa che vogliono compattare il fronte europeo nella guerra d’Ucraina, mostrando…

Leggi »