hera

L’economia circolare è ormai al centro delle strategie di molte organizzazioni sostenibili che possono diventare ancor più virtuose quando collaborano tra loro. Un esempio interessante di partnership è stato presentato il mese scorso durante la tappa di Bologna del Giro d’Italia della CSR: tre importanti organizzazioni dell’Emilia Romagna, la multiutility Hera, CAMST (servizi di ristorazione e facility service) e Fruttagel (azienda specializzata nella trasformazione industriale di ortofrutta fresca, cereali e legumi), hanno avviato una collaborazione che sta portando risultati positivi per tutti.
Grazie alle competenze maturate, il Gruppo Hera mette a disposizione soluzioni che possono contribuire alla riduzione dei consumi per raggiungere risultati di circolarità sempre più elevati lungo l’intera filiera produttiva.
Ogni organizzazione può avviare un’analisi di sostenibilità personalizzata utilizzando un set di indicatori sintetici sulle tre aree chiave della sostenibilità allineati agli standard GRI.
La collaborazione di Hera con Camst è partita nel 2020 quando è stato siglato un accordo biennale per collaborare su progetti di economia circolare e sostenibilità ambientale attraverso approcci innovativi nel rapporto tra azienda e clienti. Le iniziative riguardano la mobilità sostenibile, la raccolta degli oli esausti, la ricarica dei veicoli elettrici, lo studio di imballaggi in plastica. A fine 2020 Hera ha sottoscritto anche un protocollo con Fruttagel ed è iniziata un’attività di consulenza lungo tutto il processo di trasformazione industriale a cui vengono sottoposte ogni anno 160.000 tonnellate di frutta e verdura. L’obiettivo di tutte queste iniziative è disegnare nuove opportunità di crescita, ridurre i costi ma anche salvaguardare l’ambiente e migliorare la qualità della vita della comunità. 

Cosa c’è di nuovo
La collaborazione sta diventando un obiettivo sempre più importante per molte imprese. Un passo avanti anche verso i processi di economia circolare che richiedono un cambiamento prima di tutto culturale.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.