latina

Nella redazione di NotiziarioFinanziario abbiamo ricevuto e pubblichiamo l’appello degli abitanti del quartiere Piccarello di Latina che hanno lanciato una petizione sul portale Change.org indirizzata al comune di Latina e nello specifico alle figure del Sindaco di Latina Damiano Coletta e all’assessore all’urbanistica di Latina Francesco Castaldo per ottenere un’area sgambamento cani nella Piazza Ilaria Alpi di Latina. ”Con questa raccolta di firme – ci comunicano un gruppo di residenti del quartiere Piccarello di Latina – si richiede di dar seguito alle numerose richieste dei residenti e dei proprietari di cani che sono costretti a portare gli animali al guinzaglio in giro per il quartiere senza poterli mai lasciare liberi senza rischiare di incorrere in una multa o nelle proteste dei passanti in particolar modo nel Parco di Piazza Ilaria Alpi a Latina. I cittadini, promotori e firmatari della petizione, chiedono al Sig. Sindaco e all’ assessore all’urbanistica che un’area del parco possa essere recintata e utilizzata come area per lo sgambamento dei cani allestendo la stessa in modo che si favorisca la socializzazione degli animali ed il loro addestramento da parte dei proprietari in sicurezza e con tranquillità degli altri cittadini.

Nelle nostre aspettative c’è quella di poter utilizzare quest’area in compagnia dei nostri animali in uno spazio sufficientemente ampio da consentire di lasciar liberi gli animali senza disturbare o intimorire chi ha diffidenza o paura dei cani. In particolare, abbiamo osservato e vogliamo porre l’attenzione dell’amministrazione comunale sull’ ipotesi da valutare come destinazione un’area individuata nella Piazza Ilaria Alpi. Quest’area di Latina, con pochissimi interventi, sarebbe resa adatta per poter ospitare gli animali in sicurezza. La piantumazione perimetrale dell’area con appositi raccoglitori di deiezioni all’interno nell’area, qualche cestino per i rifiuti e una fontanella per dissetare i cani sono gli unici interventi indispensabile per renderla idonea. Non vogliamo che l’area si trasformi in un posto dove portare i cani solo per le loro necessità fisiologiche e quindi auspicheremmo che all’ingresso delle aree fossero affissi cartelli indicanti l’obbligatorietà alla raccolta delle feci degli animali (prassi assolutamente civile, legislativamente prevista ma purtroppo spesso disattesa).

Ci rendiamo disponibili ad organizzarci ed a costituirci parte interlocutrice con il comune di Latina e fattivamente attiva con l’amministrazione comunale per l’attuazione del progetto, il tutto disciplinato da un “Regolamento per l’accesso, l’uso e la gestione delle aree di sgambatura per cani”. Confidiamo di ricevere adeguata attenzione per l’idea che anima questa nostra proposta”.

Di Deborah

Commenta l'articolo