Lube investe 44 milioni per la crescita all’estero, grazie ai fondi del Pnrr
Ascolta la versione audio dell'articoloLube, gruppo marchigiano produttore di cucine, accelera sull’espansione all’estero, con un piano di investimenti dedicati di 44 milioni di euro , resi disponibili grazie al progetto «Lube for Future», che l’azienda ha presentato per accedere alle risorse e alle agevolazioni messe in campo dal fondo Pnrr n. 20 - 27 aprile…

Ancora nessun commento

Lube, gruppo marchigiano produttore di cucine, accelera sull’espansione all’estero, con un piano di investimenti dedicati di 44 milioni di euro , resi disponibili grazie al progetto «Lube for Future», che l’azienda ha presentato per accedere alle risorse e alle agevolazioni messe in campo dal fondo Pnrr n. 20 – 27 aprile 2022.

Il progetto un investimento complessivo, come detto, di 44 milioni (di cui 27 dedicati a macchinari e impianti), finalizzato alla realizzazione di una nuova unità produttiva, nel comune di Treia, per la produzione di mobili da cucina, mobili per il living e armadi per il mercato estero.

«Attualmente il fatturato dell’azienda rivolto al mercato estero è pari al 10% del totale ma l’attuale struttura produttiva, pensata per le necessità del mercato italiano, non ci permette di essere competitivi in un contesto internazionale dove le esigenze di prodotto e di servizio sono molto differenti dalle logiche nazionali», spiegano Alessio Sileoni e Marcello Giulianelli rispettivamente R&D e COO del Gruppo.

«Il nuovo investimento punta a dare centralità a un elemento chiave di sviluppo, ovvero la realizzazione di prodotti e servizi per la distribuzione specializzata e per il contract, che meglio rispondono alle richieste del mercato estero».

La nuova struttura, che avrà una superficie utile di circa 30mila metri quadrati e impiegherà circa 60 nuovi lavoratori ad alta specializzazione, sarà costruita seguendo criteri di innovazione e funzionalità, risparmio energetico e sostenibilità ambientale.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI