Nel secondo trimestre 2019 l’utile di Ubi Banca frena e delude le attese

ubi bancaNel trimestre l’utile di Ubi Banca è calato a 48,7 milioni, a fronte dei 102 milioni previsti dal consensus degli analisti raccolto dalla stessa Ubi.

Il primo semestre del 2019 va in archivio con un utile netto di 130,9 milioni (-37,3%) su cui pesano gli impatti della cessione di 900 milioni di Npl dello scorso luglio (-75 milioni) e gli oneri legati all’accordo sindacale del marzo 2019 (-42,6 milioni).

Sul fronte patrimoniale, il Cet1 non ha invece risentito della vendita dei crediti deteriorati, compensata dalla riduzione degli Rwa, ed è salito così al 12% dall’11,47% di marzo.

Tornando ai numeri del secondo trimestre, i proventi operativi si sono attestati a 908,4 milioni, contro attese per 905 milioni, il margine d’interesse segna un calo del -1,1% a 440,6 milioni (atteso 442 milioni) e le commissioni nette crescono del 2,8% a 412 milioni, il miglior risultato trimestrale di sempre.

Quanto ai crediti deteriorati, Ubi vede l’incidenza degli Npl lordi sul totale dei crediti scendere sotto il 10%, attestandosi al 9,97% e al 9,23% pro forma considerando anche la vendita di luglio.

In Borsa a metà pomeriggio azioni Ubi Banca in calo di oltre l’1% a 2,331 euro, in una giornata di forti realizzi a Piazza Affari sui timori legati alle guerre commerciali.

Nel secondo trimestre 2019 l’utile di Ubi Banca frena e delude le attese ultima modifica: 2019-08-02T15:37:41+00:00 da Carlo D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.