abruzzo

#Abruzzo: è proseguita la fase di recupero dei livelli di attività produttiva

Nell’industria manifatturiera in Abruzzo gli ordini hanno registrato un’espansione sia nella componente estera sia in quella interna.

A essa si è accompagnato un aumento delle vendite in Abruzzo e della produzione che, in linea con la tendenza osservata negli ultimi anni, è stato più pronunciato per le imprese di maggiore dimensione. Secondo le nostre indagini, le imprese industriali della regione hanno generalmente rispettato i programmi di investimento prefigurati all’inizio dell’anno. Tra le aziende che hanno rivisto la spesa programmata è prevalsa la quota di quelle che hanno apportato modifiche al rialzo. Le previsioni per il 2017 confermano il permanere di un atteggiamento moderatamente espansivo.

Nelle costruzioni l’attività produttiva continua a essere frenata dalla debolezza degli investimenti in nuova edilizia residenziale, sebbene si osservi una ripresa delle compravendite di immobili. Nel terziario, indicazioni di un consolidamento della ripresa provengono dai comparti del turismo e dei trasporti e dalle immatricolazioni di nuovi autoveicoli.

Le esportazioni di beni hanno accelerato, sospinte dal consolidamento della domanda nei paesi della UE e dalla ripresa delle vendite negli Stati Uniti e nei paesi asiatici. La dinamica espansiva ha riflesso principalmente il contributo del comparto dei mezzi di trasporto. Si è inoltre rafforzata la crescita nei principali settori a elevata tecnologia.

Il numero di occupati è cresciuto a un ritmo in linea con il dato medio nazionale, riflettendo anche gli effetti delle misure adottate dal Governo in tema di decontribuzione e di riforma del mercato del lavoro. Il miglioramento della domanda di lavoro in regione ha favorito un ulteriore calo del  ricorso alla Cassa integrazione guadagni e la riduzione del tasso di disoccupazione.

I prestiti bancari sono cresciuti, riflettendo l’espansione del credito alle famiglie e, tra le imprese, dei finanziamenti a quelle di maggiori dimensioni. Le condizioni di offerta del credito hanno registrato un ulteriore allentamento, in particolare con riferimento ai tassi di interesse praticati dalle banche. La qualità del credito ha mostrato segnali di miglioramento, sebbene l’incidenza delle nuove sofferenze continui a collocarsi su livelli superiori al dato medio nazionale. Nell’allocazione del risparmio finanziario, le famiglie hanno continuato a privilegiare le forme più liquide e i fondi comuni di investimento.

Alessandro Zazzaro, amministratore di Aessefin, esprime piena soddisfazione per i risultati conseguiti dalla sua società. “L’Abruzzo rappresenta da molto tempo una regione su cui puntiamo. Attualmente operiamo in Abruzzo in maniera diretta, non siamo presenti con un agente generale ma siamo alla ricerca di questa figura. La nostra missione è quella di sviluppare un approccio sempre più moderno ed efficace tra noi e il consumatore che vuole avere risposte immediate e trasparenti, utilizzando le nuove tecnologie.”

#Abruzzo: è proseguita la fase di recupero dei livelli di attività produttiva ultima modifica: 2016-11-21T15:03:02+01:00 da Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.