Attesa per oggi la decisione da parte della Federal Reserve System sul futuro dei tassi di interesse americani

Federal Reserve DCSi attende oggi la conclusione al vertice della banca centrale americana e in particolare la conferenza stampa 30 minuti dopo la dichiarazione della Fed (18:00GMT). Grande l’interesse da parte degli trader alla ricerca di indicazioni sul futuro andamento dei tassi.

Le previsioni indicano che con molta probabilità la Fed decida di intervenire sui tassi di interesse per la seconda volta quest’anno. C’è però da capire come la Fed valuti i rischi esterni per l’economia provenienti da diversi fronti, uno tra tutti la possibilità di un conflitto commerciale globale.

Grande attenzione anche per il cosiddetto “dot-plot”, cioè le previsioni sulla crescita e sui tassi di interesse per i prossimi mesi. Gli analisti vedono la possibilità di quattro aumenti totali nel 2018, invece dei tre attualmente previsti dalla Fed.

Sicuramente ci sarà un aumento della volatilità subito prima e dopo la conclusione al vertice, non mancheranno le occasioni di trading, ma consigliamo di prestare attenzione in quanto il movimento del valore del Dollaro USD nei confronti delle dirette contro-valute potrebbe essere ampio.

Come sempre in queste occasioni il cambio Euro/Dollaro è l’osservato speciale.

Livelli operativi su Euro/Dollaro

Nel momento in cui scriviamo il cambio eur/usd si trova a 1,17378 in calo dello 0,06%.

Se l’euro dovesse salire, superando il livello di resistenza a 1,1782 dollari, l’obiettivo sarà quello di raggiungere e testare zona 1,1833 e se il trend continua, il prossimo livello importante è a 1,1866 dollari.

Se l’euro dovesse invece scendere rompendo il supporto a 1,1715 dollari, cercherà di raggiungere il prossimo supporto a 1,1686 e in caso di ulteriore rottura, il trend al ribasso continuerà verso 1,1639 dollari.

 

Leggi anche...
Attesa per oggi la decisione da parte della Federal Reserve System sul futuro dei tassi di interesse americani ultima modifica: 2018-06-13T12:23:08+00:00 da Carlo D.