Farina richiamata: qual è il rischio di reazione allergica grave
Giorgia Bonamoneta Giornalista Nata ad Anzio, dopo la laurea in Editoria e Scrittura e un periodo in Belgio, ha iniziato a scrivere di attualità, geopolitica, lavoro e giovani. Il ministero della Salute, nella sua funzione di monitoraggio dei prodotti che mettono a rischio la salute, ha richiamato un prodotto pericoloso. Si tratta di una farina. I rischi legati…

Ancora nessun commento

Giorgia Bonamoneta

Giornalista

Nata ad Anzio, dopo la laurea in Editoria e Scrittura e un periodo in Belgio, ha iniziato a scrivere di attualità, geopolitica, lavoro e giovani.

Il ministero della Salute, nella sua funzione di monitoraggio dei prodotti che mettono a rischio la salute, ha richiamato un prodotto pericoloso. Si tratta di una farina.

I rischi legati al prodotto sono piuttosto seri, tanto che il ministero ha chiesto di fare attenzione al consumo. L’avvertenza infatti è di non consumarlo.

Richiamo per farina Molino Soncini Cesare: rischio reazione allergica

Con la nota del 7 maggio il ministero della Salute (presente anche sull’app dedicata) ha deciso il richiamo di un prodotto potenzialmente pericoloso. Si tratta di un pacco di farina che prende il nome (denominazione di vendita) di “Molino Soncini Cesare“. Il nome identifica la farina del marchio Molino Soncini Cesare venduta nei supermercati.

Il produttore e il marchio di identificazione dello stabilimento è Eredi Fontanella Vittorio, nello specifico dallo stabilimento a Monte Cremasco. Per identificare al meglio la confezione sotto richiamo si può controllare il lotto accusato: L 7.

La farina si presenta in una confezione bianca e celeste. Sulla carta che la racchiude c’è la scritta “Pasta fredda” e “Farina tipo 00)”. Ha fatto scattare l’allarme per via della possibile presenza di ingredienti allergeni come senape e lupino, che possono causare reazioni allergiche gravi.

Il richiamo, previsto dalla data 7 maggio 2024 in merito al prodotto con data di scadenza al 20 febbraio 2025, ha un’avvertenza. Nella nota si legge che il prodotto non deve essere consumato per chi è allergico a senape e lupino.

Quali sono le reazioni allergiche di senape e lupino

Gli ingredienti non sono stati inseriti nell’etichetta al momento del confezionamento e possono causare reazioni allergiche gravi. L’allergia alla senape, per esempio, può manifestarsi in diversi modi. Tra questi:

  • Dermatite da contatto che causa arrossamento, gonfiore, prurito o eruzioni cutanee
  • Allergia alimentare che può causare sintomi gastrointestinali come nausea, vomito, diarrea o dolore addominale. In alcuni casi più gravi, può provocare sintomi sistemici come orticaria, gonfiore del viso, difficoltà respiratorie o anafilassi
  • Rinite allergica può provocare sintomi simili al raffreddore, come starnuti, naso che cola, prurito al naso o congestione nasale
  • Asma,può provocare un attacco d’asma, caratterizzato da respiro sibilante, difficoltà respiratorie, oppressione toracica o tosse.

L’allergia da lupino invece può presentarsi in questi modi:

  • Sintomi gastrointestinali può causare sintomi gastrointestinali come nausea, vomito, diarrea, dolore addominale e gonfiore
  • Dermatite da contatto può provocare irritazione cutanea, arrossamento, gonfiore, prurito o eruzioni cutanee
  • Reazioni respiratorie può causare sintomi respiratori come starnuti, tosse, congestione nasale, prurito agli occhi o respiro sibilante
  • Anafilassi, nei casi più gravi può provocare una reazione allergica nota come anafilassi. Questa è una reazione sistemica rapida e potenzialmente letale che coinvolge diversi organi e sistemi del corpo. I sintomi possono includere gonfiore del viso, difficoltà respiratorie, rapido calo della pressione sanguigna, perdita di coscienza e shock

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI

Cosa succederà agli stipendi dal 2025?

Il governo Meloni ha deciso di investire significative risorse della legge di bilancio 2023 in due principali iniziative per il 2024: la riduzione del cuneo fiscale per i lavoratori con redditi inferiori a 35mila euro e la riforma dell’Irpef, riducendo gli scaglioni da quattro a tre. Queste misure saranno valide solo per l’anno corrente, richiedendo…

Leggi »

Assicura la precisione dei tuoi bilanci con Caesar Traduzioni

QuiFinanza Redazione QuiFinanza, il canale verticale di Italiaonline dedicato al mondo dell’economia e della finanza: il sito di riferimento e di approfondimento per risparmiatori, professionisti e PMI. Quando si tratta di traduzione dei bilanci e di documenti aziendali, precisione e affidabilità sono essenziali e indispensabili. La necessità di comunicare con partner stranieri, di partecipare a…

Leggi »

In arrivo le graduatorie per il bonus psicologo: come mettersi in regola

Il bonus psicologo è un importante contributo introdotto dal Ministero della Salute nel novembre 2023 per sostenere le spese di psicoterapia. Questa iniziativa, finanziata con fondi appositi stanziati nel 2023, mira a facilitare l’accesso alle cure psicologiche per i cittadini in difficoltà economica. La risposta è stata davvero notevole, con oltre 400.505 richieste presentate entro…

Leggi »