Aiuti di Stato, spedite le lettere di compliance: ecco chi deve restituire le somme
L’Agenzia delle Entrate ha inviato le lettere di compliance a coloro che hanno commesso delle irregolarità in merito agli aiuti di Stato e a quelli concessi in regime de minimis. Nel provvedimento datato 8 maggio 2024, l’Amministrazione finanziaria ha chiarito che tutti i contribuenti hanno indicato dati non coerenti con le agevolazioni nella dichiarazione dei…

Ancora nessun commento

L’Agenzia delle Entrate ha inviato le lettere di compliance a coloro che hanno commesso delle irregolarità in merito agli aiuti di Stato e a quelli concessi in regime de minimis. Nel provvedimento datato 8 maggio 2024, l’Amministrazione finanziaria ha chiarito che tutti i contribuenti hanno indicato dati non coerenti con le agevolazioni nella dichiarazione dei redditi (prospetto Aiuti di Stato), nelle dichiarazioni IRAP e nel modello 770 del periodo di imposta 2020, potranno regolarizzare la loro posizioni seguendo le istruzioni previste per l’adempimento spontaneo. Ecco dunque che, in caso di errata compilazione dei campi, il contribuente dovrà presentare una dichiarazione integrativa riportante i dati corretti, mentre, se il mancato inserimento nei registri RNA, SIAN e SIPA non dovesse dipendere da questi errori, sarà chiamato a restituire il contributo ricevuto con l’aggiunta dei relativi interessi.

Aiuti di Stato, le lettere di compliance dell’Agenzia delle Entrate

Le lettere di compliance dell’Agenzia delle Entrate inerenti la mancata iscrizione negli appositi registri dei soggetti che hanno goduto degli aiuti di Stato o di quelli in regime de minimis, verranno inviate via PEC o, in assenza di un valido recapito digitale del contribuente, via posta ordinaria. I destinatari, come già accennato, sono coloro che hanno indicato dati non coerenti alla relativa disciplina agevolativa nel prospetto Aiuti di Stato delle dichiarazioni dei Redditi, IRAP e 770 nel periodo d’imposta 2020. Tali soggetti non risultano, dunque, inseriti nei registri delle agevolazioni, RNA, SIAN e SIPA, rispettivamente Registro nazionale degli aiuti di Stato, Sistema informativo agricolo nazionale e Sistema italiano della pesca e dell’acquacoltura.

I controlli postumi dell’Agenzia delle Entrate

Così come ricordato dal provvedimento dell’8 maggio dell’Agenzia delle Entrate, l’iscrizione nei registri indicati è massiva nel caso di aiuti fiscali automatici e semiautomatici, con la registrazione che si verifica nell’esercizio successivo a quello di presentazione delle dichiarazioni fiscali dei beneficiari. Ecco dunque spiegato perché l’Agenzia delle Entrate effettui dei controlli postumi alla fruizione effettiva degli aiuti distribuiti. In presenza di irregolarità, il contribuente potrà comunque regolare la propria posizione con l’adempimento spontaneo o, se non aveva diritto all’aiuto, dovrà restituire il contributo ricevuto più gli interessi.

Adempimento spontaneo, come regolarizzare la propria posizione

In presenza di riscontrati errori, il contribuente ha la possibilità di regolarizzare la propria posizione attraverso l’adempimento spontaneo. In questi casi sono previste delle procedure differenti che variano al modificarsi dell’irregolarità commessa dal contribuente.

Se, ad esempio, sono stati riscontrati errori di compilazione nei campi del prospetto Aiuti di Stato relativi al codice attività ATECO, al settore, al codice Regione, a codice Comune, alla dimensione dell’impresa o alla tipologia dei costi, è sufficiente presentare una dichiarazione integrativa per sanare la propria posizione.

Nel caso in cui, invece, la mancata iscrizione nei registri degli aiuti dovesse essere stata determinata da errori non in precedenza indicati, il contribuente, oltre alla dichiarazione integrativa, dovrà dare indietro le somme ingiustamente percepite aggiungendo una quota d’interessi. In questo scenario, così come in quello precedente, sono previste delle sanzioni per il contribuente che, per pagare quanto dovuto, potrà servirsi del ravvedimento operoso.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI

Cosa succederà agli stipendi dal 2025?

Il governo Meloni ha deciso di investire significative risorse della legge di bilancio 2023 in due principali iniziative per il 2024: la riduzione del cuneo fiscale per i lavoratori con redditi inferiori a 35mila euro e la riforma dell’Irpef, riducendo gli scaglioni da quattro a tre. Queste misure saranno valide solo per l’anno corrente, richiedendo…

Leggi »

Assicura la precisione dei tuoi bilanci con Caesar Traduzioni

QuiFinanza Redazione QuiFinanza, il canale verticale di Italiaonline dedicato al mondo dell’economia e della finanza: il sito di riferimento e di approfondimento per risparmiatori, professionisti e PMI. Quando si tratta di traduzione dei bilanci e di documenti aziendali, precisione e affidabilità sono essenziali e indispensabili. La necessità di comunicare con partner stranieri, di partecipare a…

Leggi »

In arrivo le graduatorie per il bonus psicologo: come mettersi in regola

Il bonus psicologo è un importante contributo introdotto dal Ministero della Salute nel novembre 2023 per sostenere le spese di psicoterapia. Questa iniziativa, finanziata con fondi appositi stanziati nel 2023, mira a facilitare l’accesso alle cure psicologiche per i cittadini in difficoltà economica. La risposta è stata davvero notevole, con oltre 400.505 richieste presentate entro…

Leggi »