L’Authority ha convocato la riunione sulla rivoluzione di Poste Italiane

Il governo punta sulle privatizzazioni per calmare l’UE

L’Italia è alla ricerca disperata di contante per cercare di mettere a tacere la Commissione Europea. Proprio qualche giorno fa, Bruxelles ha chiesto al ministro dell’Economia italiano, Pier Carlo Padoan, in una lettera, una correzione del deficit dello 0,2%, con una manovra aggiuntiva da 3,4 miliardi, per evitare d’incappare nella procedura per deficit eccessivo.

Nonostante le rimostranze mostrate dal Bel Paese, piegato dai migranti e dai terremoti, il Commissario per gli affari economici Pierre Moscovici ha precisato che le nuove spese per i nuovi terremoti “non entrano nella discussione in corso”. Moscovici ha invitato alla calma, spiegando che “non bisogna allarmarsi. Troveremo una soluzione con l’Italia, come sempre”, ribadendo che la Commissione UE “ha già dimostrato che è al fianco dell’Italia e lo sarà sempre”.

Intanto il governo italiano, che non pensa ad una manovra correttiva ma ad usare fondi non ancora allocati nelle pieghe del bilancio, guarda alle privatizzazioni con grande speranza. Secondo quanto dichiarato da Fabrizio Pagani, responsabile della segreteria tecnica del Mef, in un’intervista pubblicata su Il Sole 24 Ore, l’Esecutivo sarebbe pronto a cedere al mercato la quota residua del 30% del capitale di Poste Italiane entro il primo semestre di quest’anno. La quota sarà collocata “con le stesse modalità dell’IPO e cioè con la cessione a investitori istituzionali e risparmiatori. La tabella di marcia prevede l’operazione entro quest’anno, mercati permettendo”. Si parla di circa 2,4 miliardi di euro d’incasso ai quali se ne aggiungerebbe circa 1 miliardo per l’Alta Velocità delle Ferrovie. “Stiamo esaminando la cessione di una quota della parte a mercato, ovvero l’Alta Velocità”, rivela Pagani nell’intervista.

Nel 2015 il Ministero dell’Economia e delle Finanze aveva messo sul mercato il 35,5% del capitale di Poste, girando poi una quota del 30% alla Cassa depositi e prestiti.

Il governo punta sulle privatizzazioni per calmare l’UE ultima modifica: 2017-01-27T11:48:40+00:00 da Deborah

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.