L’Italia ha pochi laureati nel confronto internazionale

La Banca d’Italia mette a concorso 4 borse di ricerca per giovani economisti

Le borse, da fruire a Roma presso il Dipartimento Economia e statistica sono destinate ad elementi in possesso di Ph.D./Dottorato o in procinto di ottenerlo. Le borse hanno una durata di 12 mesi rinnovabili fino a un massimo di 12 mesi. Nel corso del periodo di fruizione della borsa, i vincitori dovranno sviluppare un progetto di ricerca da loro stessi proposto.
A parità di valore scientifico, nell’edizione di quest’anno la Banca d’Italia darà priorità ai progetti di ricerca nell’ambito dei field: macroeconomics and monetary economics; credit, banking, financial stability; international economics; microeconomic behaviour of firms and households; corporate finance; market design and regulation; public finance.
I borsisti saranno collocati presso una delle Strutture del Dipartimento Economia e statistica e avranno come proprio referente il Responsabile della Struttura stessa; saranno chiamati a interagire e collaborare con i ricercatori dell’Istituto, nell’ambito delle tematiche di loro competenza, contribuendo alle analisi di politica economica rilevanti per la Banca d’Italia. Al termine del primo anno di fruizione della borsa essi potranno essere convocati a partecipare ad una selezione per l’assunzione a tempo indeterminato nell’Area manageriale/Alte professionalità – segmento professionale di Consigliere.
In caso di esito positivo di tale selezione, il successivo utilizzo all’interno della Banca d’Italia non sarà necessariamente coincidente con la Struttura presso cui abbiano operato come borsisti.
Art. 2 – Requisiti di partecipazione
Ai fini della partecipazione al concorso i candidati dovranno avere ultimato gli esami (e/o le altre attività didattiche e formative) previsti per il corso di Ph.D./Dottorato, potendo residuare per il conseguimento del titolo la sola discussione della tesi. È indispensabile la piena padronanza della lingua inglese, parlata e scritta.
Art. 3 – Candidatura
Per candidarsi deve essere utilizzata esclusivamente l’applicazione accessibile sul sito internet della Banca d’Italia www.bancaditalia.it. In quella sede il candidato deve allegare: a) un curriculum vitae; b) un paper considerato particolarmente rappresentativo della propria produzione scientifica in una delle macro-aree di cui alla classificazione JEL dell’American Economic Association (http://www.aeaweb.org/econlit/jelCodes.php); c) un progetto di ricerca recante l’indicazione della macro-area di riferimento nell’ambito della suddetta classificazione JEL; d) copia di un documento di riconoscimento in corso di validità. La documentazione allegata alla domanda deve essere inviata esclusivamente in formato PDF.

I candidati dovranno presentare la propria candidatura entro il termine perentorio del 25 novembre 2016, h. 18:001(ora italiana). Dopo tale termine l’applicazione informatica verrà automaticamente disattivata. In ogni caso, al fine di evitare un’eccessiva concentrazione nell’accesso all’applicazione in prossimità della scadenza del termine previsto dal bando, si raccomanda vivamente di formalizzare tempestivamente la propria candidatura, tenuto anche conto della particolare ampiezza della documentazione da allegare alla domanda.
La candidatura deve essere integrata da almeno due lettere di referenza rilasciate da docenti universitari o da economisti di centri di ricerca nazionali o internazionali su carta intestata e debitamente firmate dagli stessi. A tal fine i referenti dovranno inviare le lettere, a loro esclusiva cura ed entro il termine fissato per la presentazione delle domande dei candidati, alla casella di posta elettronica personale.fellowship@bancaditalia.it.
La Banca d’Italia non prenderà in considerazione candidature trasmesse con modalità diverse da quella precedentemente indicata o inviate dopo il suddetto termine, prive della documentazione richiesta ai candidati ovvero prive del documento di riconoscimento.
Art. 4 – Procedura di assegnazione delle borse
Una Commissione sovrintenderà alla selezione che si articola nelle seguenti tre fasi successive secondo i criteri di seguito indicati.
1) Esame delle candidature. In particolare, in tale fase la Commissione valuterà:
a) il paper, con riferimento al suo valore scientifico, all’originalità e alla rilevanza
dell’argomento per la Banca;
b) il progetto di ricerca, con riferimento alla chiara definizione dell’oggetto e delle finalità,
all’adeguatezza e al rigore della metodologia di ricerca proposta, all’originalità/innovazione,
alla rilevanza del progetto per la Banca e ai tempi di realizzazione;
c) le lettere di referenza, con riferimento al loro contenuto obiettivo.
2) Intervista. I candidati che, a giudizio della Commissione, avranno superato la fase precedente saranno convocati per un’intervista. Costituiranno oggetto dell’intervista le tematiche trattate nell’attività di ricerca già svolta dal candidato, con particolare riferimento alla continuità di tale attività, alla coerenza rispetto al progetto di ricerca presentato, al livello di conoscenze acquisito sulla letteratura scientifica sulle predette tematiche, alle esperienze conseguite in esito all’eventuale partecipazione a gruppi di ricerca e ai contenuti di eventuali pubblicazioni scientifiche. Nel corso dell’intervista verranno, altresì, approfonditi i contenuti del paper e del progetto di ricerca.
3) Seminario. I candidati che, a giudizio della Commissione, avranno superato la fase precedente verranno convocati per tenere, nei locali della Banca, un seminario pubblico in lingua inglese sul paper presentato; il seminario è finalizzato alla valutazione delle conoscenze possedute e delle metodologie scientifiche utilizzate nonché delle capacità comunicative ed espositive. Il candidato discuterà in seguito i profili emersi nel corso del seminario e il proprio progetto di ricerca con la Commissione. Per il seminario la Commissione è integrata da membri aggiunti esperti nelle materie oggetto della presentazione.
Art. 5 – Svolgimento dell’intervista e del seminario
In sede di presentazione della domanda il candidato potrà scegliere di sostenere l’intervista a Roma, presso l’Amministrazione Centrale della Banca d’Italia, dal 12 al 16 dicembre 2016 ovvero a Chicago, Illinois, USA, dal 6 al 9 gennaio 2017, in concomitanza con l’incontro annuale dell’American Economic Association.
I seminari si svolgeranno a Roma presumibilmente a partire dal giorno 16 gennaio 2017.

In occasione del seminario, i candidati potranno incontrare alcuni rappresentanti della Banca.

Per la partecipazione al seminario, ai residenti fuori della provincia di Roma è riconosciuto: il rimborso delle spese di viaggio debitamente documentate (se il viaggio avviene con l’aereo il rimborso viene commisurato alla tariffa prevista per la classe economica); un contributo per le altre spese nella misura forfetaria di € 250,00 per ogni giornata di permanenza connessa allo svolgimento del seminario, solo in caso di pernottamento a Roma (1 giornata per i candidati provenienti da una località dell’Europa e massimo 2 giornate per gli altri).

Art. 6 – Modalità di fruizione delle borse

La borsa non è cumulabile con altre provvidenze economiche della stessa natura. Durante il periodo di fruizione della stessa gli assegnatari non dovranno svolgere attività lavorative subordinate o autonome incompatibili con gli impegni derivanti dalla fruizione della borsa.

Il referente assegnato a ciascun borsista fornirà l’assistenza e gli indirizzi necessari per l’espletamento dell’attività di ricerca ed avrà cura di promuovere l’interazione del borsista con i ricercatori della Banca.

Ai borsisti verranno corrisposti assegni mensili di € 4.000 lordi.

I borsisti dovranno svolgere l’attività di ricerca presso la Banca con assiduità e profitto; a tal fine ciascun vincitore e il proprio referente definiranno una pianificazione dell’attività da svolgere.

I borsisti potranno partecipare a incontri organizzati da primarie istituzioni nazionali e internazionali.

Inoltre, saranno invitati a presentare periodicamente, e almeno una volta nel periodo di fruizione della borsa, i risultati delle loro ricerche in seminari interni alla Banca.

I paper risultanti dalle ricerche svolte dai borsisti potranno essere presentati per la pubblicazione alle principali riviste nazionali ed internazionali, dovendo l’autore fare chiaro riferimento alla circostanza che i lavori sono stati svolti nell’ambito della fellowship. Ferma restando tale possibilità, che l’Istituto incoraggia, prima dell’espletamento della selezione di cui all’art. 8 almeno un lavoro, di qualità adeguata ad essere presentato per la pubblicazione nei working papers della Banca, dovrà essere già stato consegnato dal borsista al suo referente. Si chiede inoltre ai borsisti di sottoporre i loro lavori, una volta ultimati, per la pubblicazione nelle collane di working papers.

All’atto dell’assegnazione delle borse, i vincitori dovranno sottoscrivere una dichiarazione d’impegno ad osservare tutti gli obblighi connessi alla fruizione delle borse medesime.

Art. 7 – Revoca della borsa

La Banca d’Italia si riserva la facoltà di effettuare in ogni momento verifiche anche in ordine alla documentazione e ai requisiti dichiarati dai candidati all’atto della presentazione della domanda e di revocare l’assegnazione delle borse, sospendere l’erogazione degli assegni ovvero risolvere il rapporto d’impiego instaurato ai sensi del successivo art. 8 nel caso che le notizie e/o la documentazione fornita risultino in tutto o in parte non rispondenti al vero.

La Banca si riserva di non corrispondere gli assegni nel caso in cui l’assegnatario sospenda o interrompa l’attività di ricerca. La Banca si riserva altresì la facoltà di interrompere la corresponsione degli assegni qualora, su indicazione del referente e sentito l’interessato, l’attività di ricerca abbia un andamento non soddisfacente.

Art. 8 – Assunzione

A partire dal mese di settembre 2018, gli assegnatari delle borse potranno essere convocati a partecipare ad una selezione per l’assunzione a tempo indeterminato nell’Area manageriale/Alte

professionalità – segmento professionale di Consigliere; il numero di posti verrà definito in sede di programmazione dei flussi di assunzione per il 2018 e reso noto agli assegnatari delle borse. I candidati dovranno possedere i requisiti richiesti per l’assunzione in Banca d’Italia (cittadinanza italiana o di altro Stato membro dell’Unione Europea ovvero altra cittadinanza secondo quanto previsto dall’art. 38 del d.lgs. 165/2001; laurea magistrale/specialistica ovvero diploma di laurea di “vecchio ordinamento” ovvero titolo di studio riconosciuto equipollente, godimento dei diritti politici). I candidati dovranno, inoltre, dimostrare di avere una buona conoscenza della lingua italiana, che verrà verificata nel corso della selezione.

Una Commissione sovrintenderà alla selezione. La Commissione esaminerà preventivamente i paper prodotti dai borsisti nel corso del periodo di ricerca; coloro che avranno ottenuto una valutazione positiva verranno ammessi alla selezione che consisterà in un colloquio centrato – oltre che sui contenuti e sui risultati della ricerca, sulla letteratura rilevante ad essa connessa e sui metodi applicati ed applicabili – su argomenti proposti dalla Commissione relativi all’interpretazione e all’analisi teorica ed empirica di fenomeni economici e delle scelte di politica economica maggiormente correlati con l’attività svolta dal candidato nel corso della fellowship.

La Banca d’Italia mette a concorso 4 borse di ricerca per giovani economisti ultima modifica: 2016-10-21T18:23:11+00:00 da Andrea M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.