ContiincaloperMediobanca,addioal%diGenerali

Mediobanca punta ad accelerare nello sviluppo del credito collegato al commercio elettronico. Entra col 19,5% nel capitale della svizzera HeidiPay, società fintech (tecnologia applicata alla finanza) che sviluppa piattaforme digitali a supporto del «buy now pay later» per l’e-commerce.

Nel contempo acquisisce il 100% di Soisy, altra fintech, in questo caso italiana, attiva nei prestiti finalizzati sempre per l’e-commerce con accordi già con 800 negozi digitali, 70 mila clienti all’attivo per un erogato annuo di 50 milioni. Operazioni di taglia poco rilevante, senza impatto sul Core Tier 1, ma che «hanno per noi una forte valenza strategica e industriale», spiega in una nota l’ad di Mediobanca, Alberto Nagel. Non solo per la tecnologia e le conoscenze che apportano sul segmento, recente e poco sviluppato dalle banche. Ma anche «per lo sviluppo dell’attività di acquisizione di nuovi clienti».

Si stima infatti che nel 2023 si possa arrivare a 300 mila clienti in più in questo segmento, due terzi dei quali nuovi per Compass, con cui sviluppare anche cross selling. Insomma, «Compass – afferma l’ad Gian Luca Sichel – è oggi l’unico operatore bancario in Italia ad aver colto le opportunità legate a questo business». Che permetterà il salto dei finanziamenti (forti nei negozi fisici visto che in alcuni settori dei beni durevoli riguardano anche il 70% degli acquisti) nell’e-commerce dove ancora – al contrario che nel mondo fisico – non si sono ancora sviluppati.

Le dilazioni di pagamento, accessibili con un semplice click senza il castello burocratico che si applica al credito al consumo – almeno finché non interverrà la nuova regolamentazione attesa per il 2023 – possono essere il grimaldello per allargare il business del credito al consumo nel mondo digitale. E Compass, grazie alle capacità nella valutazione del rischio, potrà andare anche su importi e durate «tipici del credito al consumo», dicono dall’istituto.

Ed estendere al mondo virtuale – e all’estero – le dilazioni di pagamento già fornite per i punti vendita fisici con PagoLight, la piattaforma che ha 7 mila negozi convenzionati e che già oggi vede l’erogato crescere di 10 milioni ogni mese. Il target, ora, è arrivare in tre anni a erogare, tra mercato fisico e digitale, un miliardo, dimensione che porterebbe Compass ai livelli più alti del mercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *