Melfi, accordo tra Stellantis e sindacati sul futuro produttivo del polo auto
Ascolta la versione audio dell'articoloDopo l’annuncio del ceo di Stellantis Carlos Tavares durante l’incontro con il ministro Adolfo Urso, arriva l’accordo sottoscritto da azienda e sindacati sul futuro industriale dello stabilimento di Melfi, dove lavorano mila addetti e dove saranno realizzati nei prossimi anni cinque modelli in tutto.L’annuncio arriva in una nota sottoscritta dalle quattro…

Ancora nessun commento

Dopo l’annuncio del ceo di Stellantis Carlos Tavares durante l’incontro con il ministro Adolfo Urso, arriva l’accordo sottoscritto da azienda e sindacati sul futuro industriale dello stabilimento di Melfi, dove lavorano mila addetti e dove saranno realizzati nei prossimi anni cinque modelli in tutto.

L’annuncio arriva in una nota sottoscritta dalle quattro sigle dei metalmeccanici, Fim, Uilm, Fismic e Uglm. «L’accordo prevede, in primis, la conferma della produzione delle quattro vetture elettriche più la quinta annunciata nei giorni scorsi dall’ad Tavares».

L’accordo ha inoltre scandito la tempistica per l’avvio dei lavori propedeutici all’avvio delle nuove produzioni sulla piattaforma Stla Medium, « che già partiranno ad agosto 2023 e avranno una prima verifica già a settembre 2023 e un ulteriore step a giugno 2024, rispetto agli andamenti delle future produzioni».

«Questo accordo è la base per salvaguardare anche tutto l’indotto di Melfi» dicono i sindacati dopo che nei mesi scorsi anche il mondo industriali ha evidenziato grande preoccupazione per le aziende che lavorano a ridosso della fabbrica.

L’accordo prevede inoltre una serie di strumenti per gestire l’anno di transizione, il 2024 durante il quale sarà necessario fare gli interventi in linea per allestire il nuovo assetto produttivo. «Abbiamo messo in sicurezza – hanno evidenziato i rappresentanti sindacali – il salario dei lavoratori, garantendo un contratto di solidarietà difensivo che non prevede esuberi strutturali e garantendo la maturazione dei ratei». Altro punto all’ordine del giorno è quello della gestione delle trasferte verso lo stabilimento di Pomigliano d’Arco.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ALTRI ARTICOLI