Poste Italiane ha annunciato l’ingresso nel mercato della logistica sanitaria attraverso l’acquisto di una partecipazione di Plurima Spa
Partnership per unire le competenze di Plurima, società specializzata nella logistica ospedaliera e nella gestione dei dati medici oltreché nei servizi di storage per ospedali pubblici e privati, con quelle di Poste Italiane, anch’essa attiva nella distribuzione di vaccini, utilizzando l’estesa rete che quest’ultima utilizza quotidianamente per la consegna di posta e pacchi in tutto il paese con l’obiettivo di creare una vera infrastruttura per la logistica sanitaria in Italia.
SDA POSTE ITALIANE

Articolo del

Partnership per unire le competenze di Plurima, società specializzata nella logistica ospedaliera e nella gestione dei dati medici oltreché nei servizi di storage per ospedali pubblici e privati, con quelle di Poste Italiane, anch’essa attiva nella distribuzione di vaccini, utilizzando l’estesa rete che quest’ultima utilizza quotidianamente per la consegna di posta e pacchi in tutto il paese con l’obiettivo di creare una vera infrastruttura per la logistica sanitaria in Italia.

Luca Marconi presidente esecutivo di Plurima ha così commentato l’operazione: “Sono orgoglioso del percorso di crescita che Plurima – nata da un’intuizione di mio padre Tito 40 anni fa – è riuscita a realizzare grazie alla grande professionalità delle persone che vi hanno contribuito. Poste Italiane è il partner ideale per dare avvio a un nuovo capitolo della nostra storia”. Luca Marconi continuerà a ricoprire la carica di presidente esecutivo mentre Fabio Luppino quella di amministratore delegato, in continuità con il progetto attuale.

Soddisfazione, attraverso l’amministratore delegato Matteo Del Fante, è stata espressa anche da parte di Poste Italiane che farà leva sulla sua capacità attuale e sui rapporti consolidati con le pubbliche amministrazioni per crescere come operatore logistico e cogliere le opportunità di business che si aprono con Plurima.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Reddit
Tumblr
Telegram
WhatsApp
Print
Email

ALTRI
articOLI